Utente 261XXX
Salve! Sono una ragazza di 24 anni e da circa di 2 anni a questa parte durante le ore notturne ho questi sintomi, o meglio la situazione si è sviluppata in questa maniera.
Premesso che sono una persona piuttosto ansiosa, ma questo non so quanto possa centrare/influire sui sintomi di addormentamento agli arti che mi accadono.
Vi spiego meglio.. ripeto da circa due anni, durante il sonno mi si addomentano spesso (soprattutto nel periodo invernale le braccia ma non riesco a rendermi conto se questo accade perchè "ci dormo sopra" per intenderci.. mi capita quasi ogni notte. Mi sveglio durante la notte con delle braccia che sembrano morte ma poi muovendole si riprendono.
In seguito ho cominciato a manifestare problemi d addormentamento anche agli arti inferiori, non necessariamente a tutti e due insieme, a volte alternativamente, altre tutte e due insieme.
In particolare nell'estate di 2 anni fa poi ho avuto un episodio che mi allertato molto ed ha allertato anche il mio medico di famiglia, ho perso forza a tutto il corpo, gambe e braccia, mi si sono addormentati e non rinvenivano più e rialzandomi dal letto sno caduta e non riuscivo più ad alzarmi da terra. Episodio che si è ripetuto ora, una decina di giorni fa, a distanza di 2 anni.
Ora il mio medico di famiglia allertato mi avevo fatto una visita neurologica già allora, ma la dottoressa che mi visitò al'epoca non mi roscontro nulla, non mi fece fare esami nè altro.. in questi due anni i sintomi però si sono aggravati ma io ci sono sempre passata sopra, pensando alle parole della neurologa che mi aveva visitato.. non ne avevo parlato più neanche al medico di famiglia.
Dopo quest'altra caduta sono riandata dal mio medico e mi ha riprescritto un' altra visita neurologica perchè voleva sentire un'altra campana.
Sono andata la settimana scorsa ad un medico della ASL ma anche lei si è limitata a farmi una visita a modo suo e a dirmi che non ha riscontrato nulla, zero esami nè niente.. fatto sta che io stanotte sono sveglia perchè mi è capitato il solito episodio, io sono davvero preoccupata e nessuno mi aiuta dicendomi o indicandomi cosa devo fare.
Lasciatemelo dire ma la sanità fa davvero desiderare!
Ho tralasciato il fatto il fatto che la prima neurologa che mi visitò mi consiglio anche un consulto da un reumatologo, ieri faccio la visita e mi ritrovo una persona assurda, scocciata, sono rimasta delusissima. Ora non so che fare, aiutatemi se potete e scusate per lo sfogo ma sono a dir poco spaventata!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare di capire che entrambe le visite neurologiche siano risultate negative.
A questo punto, personalmente, indagherei inizialmente lo stato dei nervi periferici mediante un'EMG ai quattro arti, successivamente mi regolerei in base al responso dell'EMG.
Il Suo medico curante, a parte la prescrizione delle visite neurologiche, che idea si è fatto?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 261XXX

Gentile dott. Ferraloro,
innanzitutto la ringrazio per avermi risposto.
Per rispondere a quel che mi ha chiesto le dico che il mio medico di famiglia sinceramente non si è espresso più di tanto. Io preoccupata le ho detto che temevo la possibilità che la mia potesse essere sclerosi multipla, ma lei mi ha detto che i sintomi di solito son diversi. Io non so cosa pensare, temo "soltanto" che possa essere qualcosa di grave.
Lei cosa pensa possa essere?
Sono anch'io stupita che non mi abbiano fatto almeno un'elettromiografia, cosa detta anche dal reumatologo che mi ha visitato.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

nella SM le parestesie agli arti non si limitano soltanto alle ore notturne e il resto della sintomatologia non è tipica della SM. Cosa potrebbe essere non è possibile stabilirlo on line.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro