Utente 238XXX
Gent.mi dott.ri,
spero di scrivere nella sezione giusta, sono in cerca di un consiglio e di un indirizzamento diagnostico.
Circa due settimane fa mi sono svegliata con la sensazione di orecchie tappate, avvertivo le voci in modo diverso, rimbombante e certi suoni, specialmente i più bassi mi davano fastidio... due giorni dopo ho avuto un forte giramento di testa, seguito da qualche ora di vertigini... il medico curante mi ha fatto iniziare una cura a base di cortisone e mucolitico pensando che fosse una forma di infiammazione dell'orecchio.. i giorni dopo i sintomi si sono evoluti in questo modo... le orecchie sembravano più o meno "chiuse", i giramenti non erano più tali, ma più un senso di non totale equilibrio a camminare. Sempre su indicazione del medico ho effettuato visita dall'otorino, con esame vestibolare negativo e esame audiometrico nella norma. In quell'occasione mi è stato suggerito di continuare per qualche giorno la cura prescritta ed eventualmente fare altri tipi di accertamenti (il tecnico che ha eseguito l'esame audiometrico ha detto che a volte questa sensazione di pressione alle orecchie può essere associata a disturbi dell'articolazione temporo-mandibolare). Ho deciso di aspettare qualche altro giorno, ma non è servito a molto. Ad oggi i sintomi che persistono sono i seguenti:
Sensazione di peso/pressione davanti alle orecchie (specialmente il dx) con sensazione di peso alla mandibola e al collo, dietro l'orecchio. In alcuni momenti la sensazione si estende alla tempia e agli occhi. Piccole fitte davanti all'orecchio e sensazione di stordimento (non vere vertigini, probabilmente soltanto una sensazione data dalla sensazione di pressione sulla testa).
Per maggiore chiarezza, non ho mai avuto problemi alla mandibola, se non una leggero schiocco quando apro la bocca, presente anche adesso, ma anche in periodi precedenti.
Vorrei un vostro consiglio, se farmi visitare da un neurologo ed accertare altre cause oppure andare come suggerito da uno gnatologo per il problema mandibolare. Il mio dubbio rimarrebbe comunque, in quest'ultimo caso, come possono essere questi sintomi apparsi improvvisamente senza dare alcun segnale nei mesi precedenti.
Vi ringrazio infinitamente.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

considerato lo "schiocco" che avverte all'apertura della bocca, mi sembra opportuna una iniziale valutazione gnatologica per eventuali problemi all'atm.
Poi, in base al responso dello gnatologo, si vedrà come procedere, cioè se iniziare un percorso terapeutico rivolto all'atm o dirigersi verso il versante neurologico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 238XXX

la ringrazio dott.re per il consiglio... vorrei chiederle un chiarimento.
Visto il "click" che sento alla mandibola spesso anche io sono più indirizzata ad andare per prima cosa dallo gnatologo... ieri sera però quando sono andata a dormire ho avuto una sensazione di "naso chiuso" dopo poco essermi sdraiata e questa mattina mi sono svegliata con la stessa sensazione, ma con il dolore e la pressione maggiormente situati dalla parte sx della faccia e della mandibola (ieri era prevalentemente a dx). Potrebbe essere comunque una problema mandibolare o potrebbe trattarsi di un problema catarrale non diagnosticato dall'otorino? Io ho il naso libero tutto il giorno, tranne qualche volta al mattino un senso tipo di congestione (come questa mattina, tanto che ho male anche alla tempia sinistra). Il naso però è sempre asciutto, al massimo è solo in gola che sento di avere del muco.
Grazie ancora per la disponibilità e la pazienza.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se l'otorino ha escluso cause di sua competenza in effetti la prima cosa da fare è la visita gnatologica, poi in base ai riscontri di quest'ultima si vedrà come procedere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro