Utente
Gentilissimi Specialisti,
vorrei delle delucidazioni in merito alle modificazioni ormonali che spesso gli antidepressivi portano.

Nel mio caso il farmaco che dovrei prendere il Prozac e mi è stato prescritto, unico ad essere tollerato nella mia patologia ed avere effetto (non ho la depressione, ma è meglio saltare la descrizione di un caso singolare di encefalopatia mialgica, di due fratelli, ammalatisi entrambi a seguito di infezione da EBV, con un quadro assai strano e infiniti problemi neurologici e immunitari).

Non lo ho ancora cominciato.

Gli antidepressivi possono avere un'impatto piuttosto forte nel modificare i livelli del GH e del testosterone, e con tutta probabilità è questo il motivo per cui alcuni pazienti perdono o acquistano peso, senza che gli studi che leggo facciano mai chiarezza fra liquidi, massa magra e massa grassa.
Ciò genera una grande confusione e non permette di capire nel gruppo di studio se è il GH che crolla o il testosterone che si impenna o crolla pure lui, ecc....

1.
Io ho già problemi rilevanti con i livelli di questi due ormoni, provocati dalla malattia, perchè prima erano perfetti, ma vorrei sapere se esistono studi e sono noti gli effetti del prozac in merito.

2.
Vorrei inoltre sapere se il prozac agisce anche come anti colinergico come molti antidepressivi.
interferire con l'aceticolina nell'ippocampo, nel mio caso, mi aggraverebbe di molto alcuni problemi neurologici che mi porto dietro, e siccome inizio ad avere difficoltà a riconoscere i volti, memorizzare cose banali e ho perso buona parte dei ricordi di tutta la mia vita, vorrei evitare di peggiorare la cosa.


E' ovvio che ho un medico che mi prescrive i farmaci, ma, primo non è umanamente scorrette chiedere diversi pareri, secondo, né il mio medico, né altri hanno saputo darmi delle risposte precise, o perdere un po' di tempo a vedere se vi era qualche studio condotto sul prozac e ormoni.


Vi ringrazio della disponibilità.




[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non si capisce a quali medicinali faccia riferimento, dice genericamente "gli antidepressivi". Non è chiaro come raccolga queste informazioni: ha un medico, glielo può chiedere direttamente.
Che gli antidepressivi abbiano l'effetto tipico di influire sui livelli di gh e testosterone non mi torna. Nella mia esperienza i pazienti spesso aumentano di peso perché fanno vita sedentaria e mangiano normalmente, o di più.

Non ho capito bene quale sia la "sua" patologia a cui fa riferimento e in cui sono alterati i livelli di Gh e di testosterone, una patologia riguardante l'ipofisi ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Sia io che mio fratello soffriamo di Encefalopatia mialgica post EBV.
Come al solito, in Italia, per fare confusione la chiamiamo sindrome da stanchezza cronica.
La malattia è tutto fuorché stanchezza. ci sono documentati problemi di iperattività immunitaria cellulo-mediata e contemporanea immunodeficienza.
Vi sono disfunzioni metaboliche e difficoltà cellulare a raccogliere l'ossigeno dai vasi.
Vi sono, sempre anche nel nostro caso disordini endocrinologici tipici della malattia: GH 20 volte più basso del normale, cortisolo basso e testosterone basso.

Certo che ho un medico, ma sembra che certe cose non le sappia bene nessuno, e vengano sottovalutate quando si prescrivono i farmaci.

In generale, in ambito sportivo, è noto che tutti gli antidepressivi provochino crolli del testosterone, conseguente sblocco dei recettori beta per il testosterone sugli adipociti, e quindi aumento di peso e perdita di massa magra.
la mancanza di desiderio ed erezione è per lo più una conseguenza di questo.

alcuni invece innalzano notevolmente il GH per poche settimane, e vengono usati come doping.
(prima di ammalarmi ero uno sportivo)

Il Prozac, sembra l'unico a non provocare problemi agli ormoni maschili.

Io cercavo solo delle conferme a ciò che ho visto fare nello sport e sentito dire da medici sportivi molti anni fa, visto che ora questi farmaci mi occorrono per la patologia e me li prescrivono.

in particolare, l'unico modo riconosciuto a livello internazionale per controllare l'encefalopatia mialgica, e stare un po' meglio è

1. sedare con il gaba-ergico più mirato che esista (rivotril) il sistema limbico. poichè i recettori NMDA sono anche sui linfociti T helper 2, alleggeriscono l'iperattivazione immunitaria, la catena citochinica, e infatti con rivotril la febbre scompare.
la predisposizione genetica alla malattia è in parte qui.

2. occorrono SSRI, e si usano pur in assenza di depressione, prozac o zoloft, nessun altro antidepressivo funziona in questa malattia.
questo perchè sono gli unici ad agire sulla neurogenesi ippocampale.
dalle autopsie si sa che i malati di encefalopatia mialgica hanno lesioni all'ippocampo e corteccia prefrontale, e tracce di RNA di alcuni virus erpetici in queste zone.

dottore, io cercavo solo delle conferme, se però è interessato all'argomento posso darle delle indicazioni.
esistono una marea di studi seri, non cavolate o articoli su improvvisati su siti vegan da ortoressici.
ma in ogni caso il "documento del consenso canadese sulla encefalopatia mialgica" sono le linee guida usate ormai in tutti i centri di riferimento nel mondo.

cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Sia io che mio fratello soffriamo di Encefalopatia mialgica post EBV.
Come al solito, in Italia, per fare confusione la chiamiamo sindrome da stanchezza cronica."

Si intuiva che fosse un discorso del genere. Temo che la confusione la stia facendo Lei.

"In generale, in ambito sportivo, è noto che ..." No.

Temo che le informazioni da Lei raccolto le abbia generalizzate o integrate tra di loro per ricomporre un quadro più completo possibile, e questo produce solo una grande confusione rispetto a quello che poi effettivamente si sa.
Se cerca delle conferme non ha senso. Se le cose le sa già, non ha bisogno di conferme, se cerca informazioni, non necessariamente sono conferme.
Lasci che i medici ragionino sulle loro cose e sulle sue condizioni.

La cosiddetta sindrome da stanchezza cronica può in parte corrispondere a pregresse infezioni da EBV, tende a rispondere ad alcuni antidepressivi SSRI, e ciò avrebbe poco senso con la tendenza degli stessi a produrre alterazioni tipo "stanchezza cronica".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"