Utente
Salve gentili Dottori. Sono un ragazzo di quasi 25 anni. Sto avendo vari problemi alla vista e non solo da circa 2 anni e mezzo, che mi sembrano essere più di tipo neurologico che oculistico e che mi stanno procurando ansia e timore di aver contratto qualcosa di molto grave. Nello specifico si tratta:

- Sdoppiamento delle immagini se guardo in tutte le direzioni, cioè a destra, a sinistra, in alto, in basso, in diagonale, eccetto nella posizione centrale... per cui, per quel che riguarda questo sintomo non ho avuto finora grosse difficoltà nel quotidiano (attività sportiva compresa)
- Prima che sorgesse questa diplopia mi ero accorto che, se mantenevo lo sguardo nelle direzioni laterali, le immagini cominciano a muoversi, a "girare". Questo tipo di vertigine ovviamente, da quel momento in poi, è stato sempre presente se provavo a mantenere lo sguardo fisso nell'estrema lateralità.
- In generale sento una sensazione di "rigidità" dei muscoli oculari, e spesso mi accorgo anche della presenza di una "pseudoptosi" all'occhio sinistro.
- Spesso ho un tremolio alla palpebra inferiore sinistra e alla palpebra superiore destra
- Con il passare del tempo ho cominciato a soffrire anche di vertigini vere e proprie, sia posizionali (ad esempio alzando o abbassando la testa, girandomi di lato nel letto) che non (cioè non provocate da movimenti specifici e questo tipo di vertigine si è scatenato per lo più dopo lettura, prolungata o meno, davanti al pc. C'è da dire comunque che passo molte ore al pc. Proprio qualche settimana fa ho avuto l'ultimo episodio di vertigine che mi è durato tutto il pomeriggio e la sera, che mi ha lasciato "strascichi" fastidiosi. Se ad esempio scuoto la testa, come per dire "NO", le immagini sembrano muoversi, ma solo al mio movimento! Idem se sposto la testa di colpo in una direzione opposta, avverto un rapido spostamento (NON DIPLOPIA) dell'immagine dalla sua posizione. Ed anche quando la muovo come per dire "SI" le immagini sembrano "ballare".
Questo è il sintomo che mi sta preoccupando maggiormente in quanto lo noto soprattutto durante l'attività fisica (corsa, scatti)

Per quel che riguarda le visite, ho fatto delle visite oculistiche e ortottiche ambulatoriali. A livello oculistico non è stato rilevato nulla, non so se il semplice fondo oculare sia sufficiente ad escludere determinate patologie. Dalla visita ortottica è emerso qualche "deficit", di convergenza, e anche uno strabismo, mi pare l'abbia definito "scompenso", non ricordo bene in quanto non mi hanno lasciato nemmeno un referto. Mi avevano prescritto degli esercizi che non hanno dato risultati, e di "monitorare" la situazione e rivederci ogni sei mesi. Mi avevano inoltre parlato di un intervento chirurgico! All'ultimo controllo invece (6 mesi fa) mi hanno proposto le lenti prismatiche dicendomi però che erano utili SOLO per la diplopia centrale (che io per ora NON ho!), per cui ho lasciato stare. Il 3 luglio ho una visita neurologica.
Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Sembra anche a me come la sua diplopia meriti un approfondimento esaustivo mediante una valutazione clinica neurologica di persona ed eventuali esami strumentali nel caso il collega che la visiterà ritenesse indicati.
Il 3/7 pv oramai è prossimo.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente
Salve Dottor POLI

Volevo aggiornare il post per dire che la visita neurologica è il 21 luglio.. quella del 3 luglio era un'altra visita

Però domani dovrò fare una risonanza cerebrale che mi ha prescritto il mio medico curante dopo aver riparlato con lui dei miei disturbi!
Non so però come me la faranno (se con gadolinio o meno)... il mio medico non ha specificato.
Nel caso ci fosse "qualcosa" senza il contrasto si vede???


Cordialmente


[#3]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Alcune "cose" si vedono meglio con il mdc. Dovrebbe essere il meddico radiologo a decidere mdc Si o mdc NO.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore.

Oggi ho effettuato la risonanza magnetica, senza contrasto, durata circa 20 minuti.
Finito l'esame il radiologo non mi ha comunicato nulla, dicendomi solo "apposto".
Il referto devo andare a ritirarlo sabato.

Il fatto che non mi abbia detto niente su un eventuale mdc, potrebbe significare che non ha visto "nulla"?
Ma questo loro possono deciderlo in caso?



Cordialmente

[#5]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Come credo di essermi già espresso al contatto prededente una RM con mdc è in ogni caso esame più approfondito con risoluzione di immagine migliore e miglior opportunità di evidenziare anche le più piccole eventuali alterazioni che altrimenti potrebbero alle volte passare inosservare.
Ciò detto vale come principio generale.
Per quanto concerne il suo caso se all'esame RM senza mdc oggi eseguito il radiologo (tecnico di radiologia o medico specialista in radiologia?):
1)"...il radiologo non mi ha comunicato nulla, dicendomi solo "apposto"...", e
2)"...l fatto che non mi abbia detto niente su un eventuale mdc, potrebbe significare che non ha visto "nulla"?...",

verosimilmente vuol significare quel che lei dice.

Quel che non comprendo è perchè le domande che formula a me in un "consulto a distanza" e che, pertanto, non ho potuto visionare le immagini non le abbia più adeguatamente formulate di persona al "radiologo" che oggi ha eseguito l'esame.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente
Può darsi fosse solo un tecnico, un "giovanotto" più o meno della mia età.. almeno all'apparenza...

Comunque gli ho solo detto "come è andata" , anche perchè mi sembrava un pò frettoloso e non me la sono sentita di fargli troppe domande, e ha detto che il risultato sarà pronto per sabato.


Dottore ma per piccole alterazioni, lei intende anche un tumore? Considerando la mia storia ormai di 3 anni con queste problematiche (insorte però gradualmente, cioè la diplopia ad esempio mi sono "accorto" di averla da un paio d'anni, ma prima avvertivo principalmente solo sensazione di occhi storti/disallineati, ed anche tuttora) un tumore sarebbe cresciuto giusto? O se fosse un tumore probabilmente a quest'ora non sarei qui a scrivere?

Anche perchè all'inizio il sospetto l'ho avuto fortemente sulla sclerosi multipla, ma poi non vedendo altri sintomi in 3 anni (come la fatica ad esempio, non ho particolari problemi con lo sport) ho un pò "rimosso" quell'idea... pensando invece a qualche tumore.

Tra qualche giorno però dovremmo saperne di più, e avrò anche la visita neurologica il 21


Cordialmente

[#7] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
sono passato oggi a ritirare l'esito in quanto già pronto.

<<Sistema ventricolare in asse, di ampiezza nei limiti della norma.
Spazi sottoaracnoidei e cisternali regolari per forma e volume.
Non sono evidenti alterazioni patologiche del segnale proveniente dalla sostanza bianca e grigia.
Sella parzialmente vuota>>


Mi sembra un referto un pò "striminzito" rispetto a tanti che ne leggo sulla rete.

Non ho capito però l'ultima dicitura. Sella parzialmente vuota che significa? Ho fatto una ricerca breve ma non ho capito granchè. E' una condizione patologica??? In particolare ho letto che i pazienti possono presentare piccoli tumori ipofisari concomitanti che secernono ormone della crescita, prolattina o ACTH.. e che per la sindrome della sella vuota però non è necessaria alcuna terapia specifica.
Qual è il suo parere?

Dimenticavo di dirle che qualche settimana fa ho fatto anche esami del sangue, tra cui glicemia, tiroide (tsh, t3, t4).. nella norma

La ringrazio in anticipo

[#8]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Referto RM nella norma.
Sella parzialmente vuota ovverosia reperto occasionale di sella vuota parziale, se in assenza di sintomatologia clinica relata a disturbi endocrini, va archiviata (alla luce della restante parte del referto) come reperto occasionale privo di significato patologico.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#9] dopo  
Utente
Quindi secondo lei tra i miei sintomi e la "sella parzialmente vuota" crede non ci sia correlazione? Per disturbi endocrini che intende per esempio?

Lei scrive:

"alla luce della restante parte del referto" ...

premesso che in internet si può scrivere di tutto, ma ho letto che la sindrome della sella turcica può essere secondaria a tumori dell'ipofisi. Quindi se ci fosse questo sospetto, il medico radiologo l'avrebbe segnalato? O vengono diagnosticati mediante altre indagini?


Mi perdoni se dico sciocchezze.
Attenderò comunque la visita neurologica giorno 21 luglio per capirci meglio qualcosa dal vivo.

Grazie in anticipo
Cordialmente!

[#10] dopo  
Utente
Salve Dr. Poli (vorrei chiedere possibilmente anche il parere del Dr. Ferraloro)

Volevo riaprire questo topic in quanto dopo aver fatto la visita neurologica (che mi era stata spostata verso la fine di agosto!) il neurologo mi ha prescritto degli esami, ovvero una nuova risonanza magnetica senza contrasto ma a 3 TESLA al centro di ricerca, più un ANGIO-RMN... fatte 1 mese, ed anche un'elettromiografia a singola fibra.. sempre per le solite problematiche alla vista (in particolare) che mi porto dietro da 2-3 anni, e che riassumo brevemente:

- sdoppiamento immagini in alto, basso, dx, sx, obliquo e sensazione di "vista strabica" e palpebre pesanti e calanti (soprattutto la sx, si accentua alla sera e dopo la doccia )
- vista che sembra a "scatti" durante la lettura concentrata
- vista oscillante/tremante al movimento, come ad esempio durante la corsa, scatti, scendere le scale o una discesa... ma anche semplicemente quando tiro un pugno a vuoto o faccio movimenti bruschi con le mani, e quando scuoto la testa su e giù e a destra e sinistra. Questo problema della vista "movimentata" è sorto in seguito a un episodio di vertigini nel mese di giugno di quest'anno.
- vertigini sporadicamente, in particolare con il movimento del capo (come quando devo lavare il viso, o per guardare in alto le stelle, da coricato quando mi giro su entrambi i lati, ecc.) o degli occhi (in quest'ultimo caso sembra più una sensazione di disequilibrio generale)
- emicrania con aura con primo episodio sorto intorno ai 17 anni e tornata negli ultimi 3-4 anni presentandosi in media 1 volta al mese (o ogni mese e mezzo) soprattutto nei periodi caldi (in genere si parte da maggio fino a ottobre-novembre...poi si sa che la situazione può variare)

La nuova risonanza sembra riportare un quadro "nuovo" rispetto alla risonanza precedente.

"Il sistema ventricolare appare in asse, morfo-volumetricanente conservato e asimmetrico per prevalenza dimensionale dell'emilato destro.
Conservato disegno degli spazi subaracnoidei corticali e della fossa cranica posteriore. Non si apprezzano significative alterazioni del segnale a carico del parenchima encefalico. Tonsille cerebellari "affacciate" nel forame magno.
Conservato il segnale dei nuclei della base. Asimmetria degli ippocampi, per prevalenza volumetrica della testa ippocampale e delle colonne del fornice di sinistra; aspetto rotondeggiante del corpo destro (incompleta rotazione ippocampale destra?). Sella turcica vuota e ingrandita. Non evidenti segni di restrizione della diffusione nelle immagini Dw di significato acuto a carico del parenchima cerebrale. Ipetrofia della mucosa dei turbinati di destra, con scoliosi sinistro-convessa del setto.."

- AngioRm venosa:
SENI TRASVERSI SIGMOIDEI
Simmetria volumetrica dei seni trasversi/sigmoidei
Disomogeneità bilaterali e segmentali dei tratti medio-distali dei seni trasversi, verosimilmente attribuibili a turbolenze di flusso,con lieve restringimento del segmento distale trasverso sinistro.
SENI LINEA MEDIANA
Conservati il calibro e il segnale di flusso del seno retto e del seno sagittale superiore

- Angio-Arteriosa cerebrale:

Segmento A1 sinistro ipoplasico, con configurazione "azygos" del segmento A2.
Asimmetria volumetrica dell'arteria carotidi interne per prevalenza di calibro destro.
Buona la rappresentazione del segnale di flusso a carico dei vasi dei poligono di Willis e delle principali arterie intracraniche visualizzabili.
Non evidenti, nell'ambito deella risoluzione della tecnica RM angiografica 3D-TOF, immagini da riferire alla presenza di malformazioni vascolari o aneurismi a carico dei vasi arteriosi intracranici visualizzabili


Chiedo cosa significano quelle diciture, il neurologo mi ha detto di contattarlo quando ho tutti gli esami in mano (manca l'elettromiografia che dovrebbe essere pronto questa settimana) ma io sto provando a contattarlo cmq per prendere l'appuntamento ma non ha risposto. Ho letto delle cose su internet non tanto carine e mi sono abbastanza impaurito.
Dovrei aspettare l'altro esame o è il caso di muovermi in fretta???
Credevo di poter stare un pò tranquillo dopo la risonanza di luglio, ed invece.... ma una domanda però mi sorge spontanea: come è possibile che alla risonanza a 1,5 tesla queste "alterazioni" o anomalie non sono state segnalate???? Non si vedevano??? O è stato poco attento il radiologo???


Grazie per la vostra disponibilità

[#11] dopo  
Utente
Gentili dottori... mi sorprende un pò che nessuno abbia risposto ma comprendo che a distanza non è facile in quanto già dal vivo la mia situazione non è facile da inquadrare... non pretendevo certo una diagnosi online ma almeno qualche informazione

A beneficio anche di utenti che si trovano in situazioni simili alla mia... comunico che oggi ho incontrato il mio neurologo di fiducia e ho avuto anche il risultato dell'elettromiografia.
Il risultato è compatibile con la miastenia gravis (probabilmente solo a livello oculare che generale secondo il neurologo) e adesso sono in attesa del dosaggio anticorpi antirecettore dell'acetilcolina per la conferma.

Per quanto riguarda il referto della RMN il sospetto è di ipertensione intracranica idiopatica...

Per entrambe le problematiche i neurologi mi hanno tranquillizzato (avendomi visto anche un pò agitato) definendole "benigne"....

Tra 15 giorni ho in programma un DH per fare il dosaggio degli anticorpi per la miastenia, in programma anche una TAC al timo

In ogni caso la mia paura più grande è questo problema del flusso venoso e la "presunta" ipertensione, avendo letto anche che può portare alla cecità o eventi ischemici...
L'ultima visita oculistica risale a 1 anno fa circa e non era stato riscontrato niente.

Per favore, chiedo anche un vostro parere.....anche il suo Dr. Ferraloro che è il più presente sul sito

Sono abbastanza scosso per queste problematiche che mi trovo ad affrontare in giovane età .

Grazie