Utente
Buongiorno a Voi!


Vi scrivo per mio padre che all'età di 72 anni gli sono state diagnosticate sindromi parkinsoniane,attualmente è in trattamento con sinemed ed akineton.
Prima di detta diagnosi era già sofferente di cuore,precisamente di fibrillazioni atriali trattate con farmaci dal cardiologo di fiducia.
Attualmente si trova ricoverato in reparto di cardiologia per scompenso cardiaco.Gli è stata fatta una coronarografia dalla quale hanno riscontrato la parziale chiusura di una coronaria,successivamente aperta con stent.
Le domande che a Voi pongo sono:
la patologia menzionata in oggetto può aver aggravato il quadro cardiaco di mio padre?
il parkinson è una malattia neurologica ereditaria?
Nel ringraziarVi anticipatamente per l'attenzione che mi dedicherete,Vi porgo i miei più cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Buona sera,
suo padre affetto da fibrillazione atriale.

Diagnosi di parkinsonismo trattato con Sinemet ed Akineton.

"...la patologia menzionata in oggetto può aver aggravato il quadro cardiaco di mio padre?...";
possibile interazione iatrogena.
Da scheda tecnica dell'Akineton: "...Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso...A causa di un possibile incremento del ritmo cardiaco, in pazienti con infarto cardiaco recente, AKINETON può essere prescritto solo sotto stretta sorveglianza della frequenza cardiaca...Usare con cautela in pazienti con aritmie cardiache...".

Naturalmente questa è solo una ipotesi di lavoro da rammentare ai cardiologi qualora l?Akineton non sia ancora stato sospeso.

Questo è un consulto a distanza e come tale non può sostitutirsi in nessuna maniera a valutazione clinica, in questo caso inter-disciplinare, di persona.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente
Gent.le Dottore buongiorno.


Tengo a precisare che sia il Sinemet che l'Akineton mio padre li sta assumendo tuttora da ricoverato in cardiologia e,dopo quanto Lei gentilmente mi ha spiegato,non capisco il perchè ancora non glieli abbiano sospesi visto,da quanto mi pare di aver capito,possano aver aggravato la situazione cardiaca di mio padre....
Fiducioso di un Suo ulteriore e preziosissimo riscontro,La ringrazio cordialmente per la preziosa consulenza daa Lei fornitami.


Distinti Saluti.

[#3]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Il mio "warning" era riferito prevalentemente all'Akineton (farmaco potenzialmente aritmogeno) e pertanto ritengo poco indicato nei casi di fibrillazione atriale.
Questo in generale.

Come stiano le cose nello specifico poi non so.
Forse vi è già stato un consulto tra cardiologi e neurologi che hanno valutato di poter continuare il trattamento.

Come già detto questo è solo un consulto a distanza, un "valutato da qui", non una visita medica o un consulto al letto del paziente.

Ne parli semplicemente con i colleghi.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore.



L'unico consulto che c'è stato è tra cardiologi e nefrologi per l'insufficienza renale media che gli è stata trovata durante gli esami preliminari per l'esecuzione della coronarografia,posso solamente sperare che prima che lo dimettano,facciano anche un consulto con i neurologi.Oppure posso,una volta dimesso,chiedere una visita specialistica dal neurologo che ha in cura mio padre,previa esibizion della cartella clinica che mi rilascerà il reparto di cardiologia....
La ringrazio Dottore per la Sua pronta e puntuale collaborazione.

Distinti Saluti.

[#5]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Ritengo sia più prudente affrontare la questione durante la degenza ospedaliera in "situazione protetta" più sicura per il paziente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente
Gent.mo Dr. Poli buonasera!


Finalmente oggi sono riuscito a parlare con il medico cardiologo che ha in cura mio padre al reparto e gli ho fatto presente gli effetti sul cuore che può portare l'Akineton,egli mi ha rassicurato dicendomi che con l'impianto del defibrillatore sotto pelle,applicatogli qualche giorno fa,proteggerà il cuore dagli effetti collaterali dell'Akineton,da Lei sottolineati.Con questo defibrillatore non correrà rischi di aggravamento per il cuore e lo potrà continuare ad assumere regolarmente.
Nonostante le rassicurazioni di questo medico,gradirei lo stesso ricevere un Suo autorevole giudizio a riguardo.
La ringrazio ancora una volta per la piena disponibilità dimostatami.



Distinti Saluti.

[#7]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Un defibrillatore cardiaco impiantato sottocute è un ottimo sistema di sicurezza circa l'evenienza delle aritmie.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it