Utente
Salve,
volevo illustrarVi una situazione che riguarda la salute di mia madre, casalinga di 55 anni, non fumatrice, donatrice (Avis) e che non soffre d'ansia. Svolge una vita normalissima, stressante, ma normalissima, come tutte le casalinghe d'altronde. Da circa 3 mesi ci riferisce che non ha mestruazioni, salvo piccole gocce di tanto in tanto (Pre-Menopausa?). Comunque,
qualche settimana fa ha iniziato ad accusare un discreto mal di testa, senza presentare però altri sintomi meritevoli di nota. Questo mal di testa non è continuo, ma potenzialmente si verifica un giorno si e uno no, quasi sempre sopportabile ma comunque fastidioso. Il dolore dice di accusarlo praticamente sopra il naso, frontale. La settimana scorsa, di notte, ha avuto un mal di testa più forte rispetto al solito, che l'ha convinta a recarsi dal nostro medico curante, quest'ultimo dopo aver ascoltato mia madre, non l'ha allarmata ma gli ha comunque prescritto una visita neurologica. Questa visita neurologica l'ha svolta 2 giorni fa. Sinceramente pensavamo di uscire da lì con qualche certezza in più ed invece... "Potrebbe essere sinusite", "potrebbe essere anche un infezione nel sangue", "potrebbe incidere anche la pre-menopausa.", in sintesi il medico ci ha detto: "Da ciò che vedo e da ciò che mi dite, io non trovo nulla di allarmante ma consiglio per sicurezza una risonanza. La "ricetta" è davvero poco chiara, classica scrittura indecifrabile da medico :) Riporto ciò che capisco, perdonatemi eventuali eresie e cercate di decifrarmi :)
"presunte: cefalee subcontinue frontale, di tipo compressivo.
si consiglia RMN cervello + tronco encefalo m.c.d" e qualcos'altro che non riesco a capire."

gli ha prescritto pure una cura x 20 giorni a base di bustine che non conosco il nome ma che ho capito avere qualche sostanza in comune con la tachipirina e qualcosa in comune con la caffeina (scusate eventuali eresie e scusate la mia ignoranza in materia).

insomma, ci ha da un lato rassicurato ma dall'altro lato messo un pò d'ansia visto che cmq credo io, per consigliare la risonanza... magari qualche "sospetto" ce l'ha. o NO? è SOLO prassi?

secondo voi, stando a ciò che leggete, e tenendo presente che sono cmq consapevole che online non è possibile fare una diagnosi, volevo chiedervi:
-secondo voi è il caso di allarmarsi?
-potrebbe davvero essere qualcosa di serio? o possiamo stare potenzialmente tranquilli come consigliato da medico curante prima e neurologo dopo?
-la menopausa non centra?
-la sinusite secondo voi è l'opzione più plausibile? per il neurologo parrebbe di si.
DITEMI QUALCOSA
Lei non presenta, grazie a Dio, almeno per ora, nessun'altro sintomo. Svolge la sua vita come sempre allo stesso modo. Non ha altri sintomi rilevanti insomma. Oggi ad esempio non si è lamentata, ma sotto stress o stanchezza gli capita più facilmente di avere mal di testa.

Essendo donatrice ha da poco pure fatto le analisi ed era tutto ok, anche se hanno riscontrato carenza di ferretina nel sangue. (detto al neurologo)

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è difficile rispondere con precisione, a distanza, alla Sua domanda.
Le posso dire che statisticamente le ipotesi più frequenti riguardo la sintomatologia descritta sono essenzialmente due, quella sinusitica e quella tensiva. Dal Suo racconto s'intuisce che la visita neurologica abbia avuto un esito negativo. E' stata prescritta una RM che non è necessariamente indice di un sospetto diagnostico importante. Alcuni colleghi la consigliano dopo una cefalea di prima insorgenza che persiste da giorni.

Cordiali saluti e buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Salve Dr Ferraloro,
innanzitutto grazie mille per la risposta.
Mi aspettavo di ricevere qualche commento in più ma va bene così.
Approfitto della sua competenza e della sua gentilezza per informarla che nel referto rilasciato dal neurologo che ha visitato mia madre, c'è scritto: "diagnosi presunta: cefalee subcontinue frontale, di tipo compressivo. Si congilia RMN cervello + tronco encefalo." Mi sono fatto aiutare da una mia amica dott.ssa per tradurre la scrittura ai miei occhi incomprensibile. :) Ad oggi fortunatamente non ho altro da riportare, in questo istante mia madre è dal medico curante per riportare quanto detto dal neurologo e per prenotare la RMN, nella giornata di domani dovrebbe iniziare di 20 giorni prescritta dal neurologo (tachicaf? può essere?).
Spero di ricevere altre delucidazioni.


Distinti saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

nel primo post ha scritto <<non conosco il nome ma che ho capito avere qualche sostanza in comune con la tachipirina e qualcosa in comune con la caffeina>> è molto probabile che sia Tachicaf (paracetamolo e caffeina) che è un antidolorifico. Una volta però fatta la diagnosi, in caso di persistenza del dolore sarebbe razionale iniziare una terapia di base.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
si , infatti questa cura la devo fare solo in attesa della risonanza.

comunque, mia madre confrontandosi con sue amiche e anche io parlando con qualcuno sono venuto a conoscenza che comunque una situazione simile se non addirittura uguale l'hanno riscontrata tantissime donne in fase di pre-menopausa o addirittura di menopausa

per carità, la risonanza va fatta per stare completamente sereni però, vorrei capire una cosa: nel caso di mia madre la menopausa può incidere o no?

comunque, fortunatamente in questi giorni che io sappia non ha avuto episodi importanti di cefalee , ieri tra l'altro ha passato il giorno in cucina a preparare arancine e a fine serata non mostrava segni di stanchezza o altro, e la cura se così si può definire l'ha iniziata soltanto stasera, quindi ieri non era sotto effetto di nessun farmaco. è un buon segno, spero, credo, o no?

e poi, ultima cosa:
dipende sempre dalla serietà e dalla professionalità del medico di turno, ma un buon neurologo, dopo una visita neurologica, se avesse riscontrato qualcosa di "anomalo" se ne sarebbe accorto e ce l'avrebbe detto o sbaglio? no perchè dalle sue parole non trapelava FORTUNATAMENTE nessun allarme. Sennò che senso hanno queste visite neurologiche? che senso avrebbe prescriverle addirittura prima di prescrivere una RMN? Così, giusto per sapere.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente, anche la menopausa può avere può avere un ruolo nell'insorgenza della cefalea, consideri infatti come questa è spesso sottoposta ad influenza ormonale.
Ovviamente la regressione della sintomatologia anche in assenza di farmaci antidolorifici è un elemento positivo.
<<un buon neurologo, dopo una visita neurologica, se avesse riscontrato qualcosa di "anomalo" se ne sarebbe accorto e ce l'avrebbe detto o sbaglio?>> certamente!

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio tanto.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona giornata!
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
salve,
mi scusi se torno a disturbarla ma ho qualche novità da riferire e che magari può aiutarla o aiutarVi, qualora dovesse intervenire qualche suo collega.
Mia madre questa notte ha avuto di nuovo un episodio di forte mal di testa, poi anche questa mattina verso le 11, dopo gli è calmato nettamente. Adesso però ha già preso un paio di bustine, di quelle prescritte dal medico. Quindi di nuovo mal di testa, non continuo ma a intervalli. Adesso, parlandone a tavola, con un pizzico di vergogna e con un pizzico anche di nervosismo, ci ha fatto sapere che il ciclo non gli è ancora venuto, siamo fermi a episodi rari di piccole perdite, e siamo già 3 mesi o forse più senza ciclo, a questo devo aggiungere una cosa nuova: ho saputo che gli è capitato in questi giorni di piangere da sola, senza motivo a volte, dopo 2 secondi che se ne parlava si stava irrigidendo, innervosendo... Io cercavo di farla parlare per saperne di più ma è subito andata in escandescenza, quindi ha sbalzi d'umore importanti. Ho subito pensato alla menopausa. Non so, magari tutto questo può anche collegarsi ad altre cose, ma io ho subito pensato alla menopausa perchè alla madre della mia ragazza è successa più o meno la stessa cosa quando stava per entrare in menopausa. Piangeva senza motivo, aveva mal di testa continuo e forte, più o meno la situazione era uguale.

Adesso volevo sapere, una situazione del genere è frequentemente associata alla fase di pre-monoausa o di menopausa? attendo risp