Potenziali evocati uditivi

Gentili Dottori.
Sono ua ragazza di 24 anni, studentessa universitaria.
Circa due mesi fa ho cominciato a avvertire sensazioni di vertigini e disturbi dell'equilibrio, oltre che parestesie e lievi spasmi muscolari occasionali agli arti.
Mi sono rivolta a un neurologo che, visibilmente infastidito durante la visita ha attributo la mia sintomatologia a un quadro di conversione d'ansia.
L'esame obiettivo era nella norma se non per questo "ROT con lieve e dubbia prevalenza destra".
In ogni caso il neurologo mi prescriveva una elettromiografia e potenziali evocati uditivi.
L'elettromiografia eseguita più tardi risultava nella norma, mentre i potenziali hanno rilevato a livello dell ' orecchio sinistro " per stimolazione di 80dBnHL i potenziali si presentano con morfologia disgregata e ampiezza ridotta ma con latenze assolute e intervalli interpicco nella norma." Orecchio destro nella norma per morfologia, ampiezze, latenze assolute e intervalli interpicco. Il referto inoltre consigliava RM encefalo.

Detto questo, Gentili Dottori, in attesa di una eventuale successiva visita neurologica, vi chiedo un parere sull'esito di questo esame. Qual'è il suo significato? Questa alterazione potrebbe essere la causa dei disturbi d'equilibrio?
Ci sono patologie compatibili con questo quadro?Voglio dire, non nego che possa essere una conversione d'ansia, ma in questo caso c'è un dato obbiettivo alterato. La verità è che sono sempre più incline a temere una patologia demielinizzante, anche se ho letto che a livello di potenziali questa dovrebbe dare una alterazione delle latenze delle onde, per un ritardo di conduzione.

Un ultima questione: io non percepisco soggettivamente di sentire meno, anche se capita alle volte che qualcuno mi richiami con un "ma non si senti?". L'esito dei potenziali evocati può deporre per una ipoacusia? Se sì mi consigliate una visita audiologica?

Sono parecchio confusa...
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali Saluti.


[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Per aver una idea circa quale regione anatomica possa essere interessata andrebbero specificate quali siano le onde alterate...

...e più in generale andrebbe presa visione dell'esame.

Questo esame (BAEPs) esplora la funzionatità delle vie acustiche estese dalla coclea (parte dell'orecchio), rilalendo verso il sistema nervoso periferico e quindi il sistema nervoso centrale, fino alla corteccia cerebrale.

L'esame indicato, quale step diagnostico successivo, correttamente è RM dell'encefalo.

Questo è un consulto a distanza e come tale non può in alcuna maniera sostituirsi ad una visita medica.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Capisco.Grazie della risposta.
Purtroppo nelle " conclusioni" non c' è indicazione su quali siano le onde alterate. E non credo sia possibile in questa sede far visionare il tracciato.
Dunque farò come indicato, cercherò di richiedere una Risonanza Magnetica, sperando in tempi di attesa non eccessivi.
Ma la RM è capace di visualizzare tutte le strutture dell'orecchio e del cervello?
nel caso Lei mi consiglia anche una visita audiologica?

Grazie.
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Assolutamente SI.
[#4]
dopo
Utente
Utente
MI scusi, Lei si riferisce alla prima o alla seconda domanda che ho posto?
[#5]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Mi spiace essere stato impreciso.
"...la RM è capace di visualizzare tutte le strutture dell'orecchio e del cervello?..." -> assolutamente SI
Esame da effettuare "con sollecitudine" come anche indicato dal collega che ha refertato i Potenziali Evocati (BAEPs).

Con gli accertamenti completati sarà poi più semplice verso quale ulteriore valutazione specialistica muoversi.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Chiaro. Grazie.
Mi scusi se approfitto ancora della sua disponibilità.
il problema è che mi muovo con il SSN. L'ultima volta ho impiegato circa un mese per vedere un neurologo e un altro mese per fare gli accertamenti neurofisiopatologici. Non oso immaginare quanto tempo ci vorrà per fare la Risonanza.
Secondo Lei la Risonanza può essere richiesta direttamente dal Medico di base o dovrei attendere di vedere nuovamente il Neurologo?

Sono sempre più preoccupata, questa faccenda sta interferendo notevolmente con la mia vita quotidiana, con gli studi...a fronte di una sintomatologia che nelle ultime settimane è marcatamente diminuita.


[#7]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Il medico di medicina generale ha una laurea in medicina e chirurgia. Sarebbe dunque sufficiente la sua prescrizione ma molti pretendono la prescrizione specialistica per poi ripetere il faticolo lavoro di ri-prescrivere su ricettario rosa questo poichè "mamma ASL" altrimenti "li sgrida dove fa più male...".

Lei comunque ha la prescrizione che si legge nel referto dei potenziali evocati e che necessariamente deve essere firmata o da un neurologo o da un neurofisiopatologo.

Questo è più che sufficiente.
Ad un eventuale rifiuto richieda "dichiarazione scritta" che l'esame può attendere o non è necessario in tempi rapidi (rammenti come la certificazione medica è un obbligo).
[#8]
dopo
Utente
Utente
Certo Dottor Poli, farò come dice.
Un ultima cosa: io non sono pratica di questo sito. Le chiedo , che Lei sappia , se ci fosse la possibilità, per esempio per corrispondenza privata di farLe visionare il tracciato dei potenziali evocati, tramite copia digitale.
Ho provato a caricare un immagine del tracciato, ma in questa sede non è possibile.
[#9]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Anche se avessi il tracciato dei BAEPs non avrei comunque la possibilità di formulare una "diagnosi di causa" (al più forse potrei indicare in quale regione "potrebbe" esserci un problema).

Faccia una:
Risonanza Magnetica dell'encefalo ad elevato campo (1.5 Tesla).
Questa deve essere la prescrizione.

Altrimenti si rivolga ad una struttura sanitaria privata con la medesima richiesta.
[#10]
dopo
Utente
Utente
D' accordo.
La ringrazio, Dottor Poli, della disponibilità.
Buona serata.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test