Utente
Salve, due giorni fa mio padre di 55 anni, sovrappeso e con pressione alta (prende pastiglie) è andato in pronto soccorso perché gli si è improvvisamente bloccata la lingua. Non riusciva a parlare bene nè a deglutire e tuttora la situazione è la stessa. Gli hanno fatto i seguenti esami: tac, elettrocardiogramma, esami ematologici (due a distanza di un giorno), ecodoppler. Tutto a posto ma questa lingua è ancora bloccata. In più mio padre ha detto che ha anche un po di mal di testa e la cosa mi spaventa. È ancora in ospedale in attesa di risonanza magnetica (non capisco cosa aspettano! ). Cosa può essere?? Devo portarlo in una struttura più specializzata? Ho paura che sottovalutino la situazione.. Gli esame possono escludere problemi circolatori?
grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la TC può escludere problemi emorragici cerebrali, almeno al momento, ma non esclude un'eventuale ischemia cerebrale che spesso non è visibile nelle prime ore dall'evento acuto.
Mi pare che non sia stata fatta una seconda TC optando i sanitari per una RM.
Fondamentale è pure l'esito della visita neurologica che Lei ovviamente non può conoscere nei dettagli.
Prima di pensare un eventuale trasferimento è opportuno effettuare la RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore.. mio padre è ricoverato in neurologia.. è al sicuro in ospedale? Non capisco perché aspettano a fare questa RM

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il reparto di neurologia è ovviamente appropriato, aspetti la RM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buonasera dottore, mio padre ha fatto la RM e gli comunicheranno i risultati domani mattina (?). In più il medico gli ha consigliato di fare l'esame del midollo spinale che mio padre ha accettato di eseguire tra pochi giorni. Mi sto un po' agitando per lo strano comportamento dei medici che hanno questi tempi particolari e sembrano misteriosi. È normale questa situazione? Tuttora non si capisce perché mio padre abbia la lingua paralizzata.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che i medici stiano studiando il caso, mi pare pure che si stiano muovendo nelle giuste direzioni. Capisco la Sua ansia e preoccupazione ma ci sono dei tempi tecnici ai quali non si può sfuggire.
Poi, a distanza, non posso sapere come evolve esattamente la situazione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buonasera dottore, grazie della disponibilità. Il risultato della risonanza magnetica è negativo, è tutto a posto. Oggi ha fatto l'analisi del midollo spinale ma non hanno trovato il liquido, e mio padre non lo vuole più rifare perché ha avuto un dolore atroce. A sto punto la diagnosi è paralisi del nervo ipoglosso ma non si sa il motivo.. sono un po ' disorientato, penso che domani lo dimetteranno.. cosa mi consiglia di fare? Non sono tranquillo.. ora parla un po' meglio ma perché si è abituato..

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il nervo ipoglosso innerva la lingua e il pavimento della bocca.
Origina da un nucleo posto nel bulbo che è una struttura che si trova al di sopra del midollo spinale (come se fosse una sua continuazione).
Ci possono essere vari livelli della lesione (sopranucleare, nucleare e infranucleare) ciascuna con espressioni cliniche diverse. La lesione può essere unilaterale o, più raramente, bilaterale.
Capisce bene quindi la complessità di questo nervo.

Il consiglio che Le posso dare è di rivolgersi ad un centro neurologico di eccellenza per un approfondimento diagnostico del caso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro