Utente 285XXX
Egregi dottori,

Sono un ragazzo di 21 anni, e da moltissimo tempo soffro di fascicolazioni frequenti. Non saprei dire di preciso da quanto, ma sarà sicuramente qualche anno e ho imparato a conviverci. Tuttavia molto più di recente, da circa un mese, ho iniziato ad avvertire anche degli scatti involontari in varie parti del corpo, ma principalmente alle gambe, a volte preceduti da una sensazione di pizzicotto. Informandomi su internet ho scoperto che dovrebbe trattarsi di miocloni. Le fascicolazioni non mi preoccupano perché, come detto, le ho da tempo e mi ci sono abituato, ma questi miocloni sono fastidiosi, anche perché sono abbastanza frequenti, quasi uno al giorno. A parte questi, non avverto altri sintomi e mi sento perfettamente in salute.
Ho voluto tenere presenti anche le fascicolazioni perché, dipendendo anche esse dai nervi, potrebbero essere collegate.
Le fascicolazioni si verificano in qualsiasi parte del corpo, addirittura il naso, ma più spesso nelle gambe e i glutei. I miocloni invece quasi unicamente nelle gambe, raramente altrove. Entrambi li avverto esclusivamente a riposo.
Infine, non so se c'entri, ma nelle gambe avverto anche una sensazione di stanchezza e ho il continuo bisogno di stenderle e di sgranchirle, come quando ci si sveglia di mattina, ma forse quest'ultimo sintomo è dovuto alla sedentarietà.

Ritenete che questi sintomi siano motivo di preoccupazione e che bisognerebbe approfondire?

Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

intuitivamente a distanza sembrerebbe una situazione di ipereccitabilità neuromuscolare, nulla di preoccupante, ma se il disturbo dovesse persistere da questa postazione Le devo consigliare una visita neurologica.
Utile il dosaggio degli elettroliti nel sangue (sodio, potassio, calcio e magnesio).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 285XXX

Gentilissimo Dr. Ferraloro,

La ringrazio per aver preso in considerazione la mia richiesta di consulto.
Quindi, nel caso in cui il problema dovesse persistere, dopo quanto tempo più o meno mi suggerisce di prendere in considerazione una visita neurologica?
Infine, non sono sicuro di aver capito la Sua ultima frase, intende che sarebbe opportuno migliorare l'apporto di sodio, potassio, calcio e magnesio?

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dopo qualche mese sarebbe consigliata una visita neurologica.

Forse mi sono spiegato male sugli elettroliti, infatti volevo dire di effettuare un esame del sangue per valutare i loro livelli, non migliorarne l'apporto se non sappiamo i loro valori ematici.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 285XXX

Gentile Dr. Ferraloro,

Le rinnovo i miei ringraziamenti per la Sua disponibilità. Prenderò in considerazione quanto suggeritomi.
Le auguro inoltre un buon proseguimento di serata.

Cordiali Saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro