Utente 311XXX
Buongiorno a tutti..
Vi Scrivo per avere anche un.vs. parere.
Premetto che non ho mai mal di schiena importanti
Iniziò ad agosto ero al lavoro seduta ed improvvisamente sento delle scossa muovendo il piede dx.non ci feci molto caso ma da li a poco mi si accentuo il problema. Era agosto e mon trovai nessuno specialista in grado di aiutarmi io stavo sempre peggio e nel frattempo mi si verificò un problema simile al piede sx. Li avverto come delle vibrazioni sempre sotto la pianta del piede soprattutto in scarico a riposo e mai camminando.
Passato ferragosto trovai un neurologo mi visitò a dire il vero molto velocemente e senza dare troppo importanza ai miei sintomi mi liquido con esito di ansia..
Purtroppo andai sempre peggio e finalmente un gg andai in guardia medica e il medico mi disse di valutare la schiena .
Fare una risonanza e andare da uno specialista.
Feci la rm e il risultato ve lo riporto:
Accentuazione della lordosi fisiologica i dischi intersomatici da L3 a S1 risultano assottigliati e mostrano fenomeni di iniziale disidratazione reperto maggiormente evidente in L3 L4
Erina discale posteriore mediana paramediana sinistra L4 L5 determinante compressione del sacco durale e delle emergenza radicolare sinistra
Protrusione concentrica del profilo discale posteriore L3 L4 determinante compressione del sacco durale e dei recessi laterali ma non conflitto radicolare
Canale vertebrale normo ampio regolare l'aspetto del cono midollare.
Dopo questo esito della risonanza andai dal neurochirurgo il quale facendomi un ulteriore esame neurologico per escludere lesioni del nervo mi prescrive esercizi per rafforzare la zona addomino pelvica e esercizi di riabilitazione secondo il metodo McKenzie
Al momento non vi sono indicazioni per l'intervento ma se i sintomi non passano nel giro di sei mesi bisogna rivalutare.
Ora le mie domande:
Se pensate che questi sintomi sono legati al problema alla schiena e soprattutto capire perché è iniziato sul piede destro e poi si è accentuato anche sul sinistro dove inizialmente non avvertivo nulla.
Seconda domanda se mi consigliate questi esercizi McKenzie in quanto facendoli trovo si sollievo ma i giorni seguenti ho più fastidio ai piedi e ho la sensazione visto che ho una lordosi accentuata ho paura di aumentarla
Inoltre ultimamente avverto un leggero formicolio anche alle mani anche lì forse dovuta al problema di cervicale che ho ( risultato di una lastra di 2 anni fa artrosi interapofisaria al tratto distale netta riduzione in ampiezza dello spazio intersomatico discale a livello C7 D1)
infine vi chiedo se è meglio fare anche un elettromiografia è questa che me la deve prescrivere il neurologo medico di base ho altri e soprattutto vorrei capire perché è iniziato da una parte e adesso ce l'ho in tutte e due i piedi se pensate ci possa essere anche qualche altro fattore neurologico e appunto se devo fare altri esami
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
dal referto della Risonanza Magnetica emerge che esiste un'ernia che parrebbe essere in conflitto con la radice al livello corrispondente al segmento L4-L5 e che potrebbe essere responsabile della parestesia al piede sinistro. Ma la Sua è una situazione più complessa, essendo coinvolto anche l'arto inferiore dell'altro lato. Lei ha riferito che all'esame neurologico non è emersa alcuna situazione deficitaria. Il mio consiglio è che esegua un'elettromiografia ad ambedue gli arti inferiori. Per quanto attiene al segnalato disturbo a carico delle mani, non è di alcun valore diagnostico la radiografia diretta della colonna vertebrale cervicale, ma è necessario eseguire una Risonanza anche a quel livello.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 311XXX

Gentile dott. Colangelo, la ringrazio molto della sua risposta.
in fase di visita neurologica accennai all 'emg al dott ma testuali parole mi disse "non ci penso neanche"
A questo punto chi me lo deve prescrive questo esame anche il medico di base o solo lo specialista ? devo quindi andare da un altro neurologo?
Pensa che problema legato agli arti superiori possa avere a che fare con.la cervicale ?
Quindi se ho capito bene dovrei fare una rm solo alla cervicale o encefalica?
Grazie ancora
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
ben lungi dal voler creare tensioni con il Suo medico di riferimento, avendo Lei richiesto un parere ai Neurologi di questo sito, io ho espresso il mio punto di vista.
Se vuole avere una panoramica più obbiettiva sui problemi connessi alla patologia della colonna cervicale può leggere negli Speciali Salute il mio articolo "Tutto sulla cervicalgia". Comunque, ribadisco l'opinione che sia opportuno eseguire un EMG.
La saluto cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it