Utente 437XXX
Gentile dottore, volevo chiederle un suo parere su questo esame
Ho fatto una risonanza magnetica richiesta dal neurologo a seguito di parestesie leggere a dita mani e piedi (principalmente alluce e pollice destri)
Pero' dopo un po' di tempo (qualche settimana) ho avuto una volta anche una parestesia alle natiche (durata pochi minuti) e vari e fastidiosi mal di collo/ testa che durano 2-3 giorni, in realta non riesco a dire che sia mal di testa e' un malessere generico che parte dalla parte alta del collo collo con brividi come da influenza ma con abbassamento temperatura a 35.8 ed alle volte anche meno, il termometro digitale non l' ha nemmeno misurata (forse era sotto il minimo) normalmente ho una temperatura di 36.4 e anche freddo a mani piedi e compreso pene.
Volevo chiederle se questi sintomi possano essere ricondotti a quanto trovato nell'esame RM, ho visto le immagini della RM e vedo che effettivamente il midollo e' improntato come riportato ed ora sono un po' incerto se fare movimenti con la testa e col corpo, in attesa della nuova visita del neurologo le chiedevo un suo parere.
Grazie mille
ps ma in questo caso e' meglio andare da un ortopedico o da un neurologo?

Esame condotto mediante acquisizioni sagittali T1 e T2 e, ai livelli di interesse, assiali T2.
Scoliosi cervicodorsale destroconvessa.
Rettilineizzata la fisiologica lordosi cervicale.
Disco-spondiloartrosi caratterizzata da riduzione in altezza degli spazi intersomatici per degenerazione discale da disidratazione.
Plurime protrusioni disco-osteofitosiche ad ampio raggio, che improntano il midollo, in particolare a C5-C6 e a c6-C7, dove si osserva
stenosi subcritica del canale endorachideo. Non alterazioni di segnale parenchimale assiale.
Ipertrofia artrosica degli archi posteriori in particolare a sede cervicale, dove si osserva riduzione dei diametri dei forami di coniugazione
dei due lati per osteofitosi intraforaminale.
Angiomatosi somatica a D4 e a D7.

[#1] dopo  
Dr. Alberto Grasso

28% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
GENTILE uTENTE ,
LA SINTOMATOLOGIA DA lEI DESCRITTA E' ATTRIBUIBILE ALLA SOFFERENZA PLURIMA COMPRESSIVA SUL MIDOLO , IN PARTICOLARE AL TRATTO CERVICO-DORSALE.LE CONPRESSIONI SONO SECONDARIE AD UN PROCESSO DI ARTROSI SISTEMICA , COME SI EVINCE DAL REGERTO DA LEI RIPORTATO.LE CONSIGLIEREI UN CONSULENZA FISIATRICA PER AVERE INDICAZIONI SIA FARMACOLOGICHE CHE DI FISIOTERAPIA DA SEGUIRE A CICLI.
SALUTI
Prof.Alberto Grasso