Utente 433XXX
Salve a tutti, mi chiamo Giovanni e scrivo per evidenziare il mio problema.
Premetto che da circa un anno e mezzo lamento più che un dolore vero e proprio, una strana sensazione che mi fa vivere male.
Come dicevo, un anno e mezzo fa, ebbi un grave lutto familiare, seguito da una piccola operazione per risolvere un epistassi al naso e dunque chiudere una vena. Uscito dall'ospedale cominciai ad avvertire una fastidiosa sensazione sia in posizione seduta in quanto sembra che io mi muova sulla sedia e che possa da un momento all'altro cadere, sia in piedi con un passo che diventa ingestibile quando cammino, e sembra di "volare" o di "camminare sulle nuvole".
A questo punto decisi di recarmi da un cardiologo (perchè sulla lettera di dimissioni dell'ospedale notai che c'era la presenza di un blocco di branca destra incompleto che volevo far esaminare), e mi fece un ecocardiogramma, con un piccolo "prolasso mitralico" che però non preoccupava il cardiologo tanto che disse che potevo continuare a svolgere la vita di tutti i giorni e che anzi essendo congenito se non mi aveva dato alcun problema e nessun rigurgito fino a quel momento, potevo stare tranquillo.
Decisi allora di recarmi da un otorino che però non notò alcun problema dal punto di vista uditivo, sia con visita oggettiva e sia con esame audiometrico.
Infine mi rivolsi ad un neurologo che mi fece una visita oggettiva con alcune domande ma anche per vedere la risposta a livello nervoso per esempio delle gambe con il classico "martelletto", o per vedere se le stesse reagivano e non cedevano a particolari movimenti. Mi disse che ero una persona emotiva e fortemente ansiosa e che non avevo ragione di preoccuparmi.
A seguito delle visite, per molto tempo stetti decisamente meglio specie con l'arrivo dell'estate.
Da qualche giorno, però, lamento gli stessi sintomi e ho pace soltanto la notte. Anche se questi avvengono ad intervalli, sembra di cadere e di "sbandare". Ho deciso allora di fare una rx cervicale con questi risultati:
METAMERI IN ASSE, NORMALI PER MORFOLOGIA, SENZA EVIDENTI ALTERAZIONI STRUTTURALI OSSEE A FOCOLAIO IN ATTO. SPAZI INTERSOMATICI DI AMPIEZZA REGOLARE.
Credo dunque che sotto questo aspetto non siano stati evidenziati problemi, ma il mio timore persiste e soprattutto la paura possa essere qualche patologia a livello nervoso come la SM, anche se non ho altri particolari sintomi a parte qualche palpitazione veloce talvolta. In attesa, di un Vostro riscontro, ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Giovanni,
non hai proprio nessuna ragione di dover pensare a malattie gravi di cui non manifesti alcun segno (come ha rilevato il Neurologo cui ti sei rivolto) né tanto meno i sintomi che ne autorizzano il sospetto. Insisti ancora con il tuo medico curante per scoprire qualche causa di tipo generale (anemia, ipotensione, etc.) e se tutto fila liscio allora affidati ad un Neurologo per una corretta diagnosi del disturbo emotivo e per una adeguata terapia.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 433XXX

La ringrazio dottore per la sua celere risposta.
Volevo chiederle anche se una cattiva postura può incidere sulle sensazioni di sbandamento.
Ringrazio nuovamente per la sua professionalità e disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Senz'altro può incidere, ma sotto questo punto di vista fatti esaminare da un Fisiatra.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 433XXX

Dottore è stato gentilissimo, la ringrazio per la risposta.
Cordialmente