Utente 497XXX
Buongiorno, circa un mese fa ho cominciato ad avere un forte bruciore ai piedi, con sensazione di pizzichi e lieve prurito qualche volta. I sintomi si accentuavano al sole, erano presenti svariati puntini sul dorso di entrambi i piedi, che era la zona che bruciava di più e spesso, quando bruciava, arrossava. Allora ho prima messo per 3 giorni una crema eurax 10, poi ho proseguito con un gel all'aloe vera e la situazione sembrava risolta, non avevo più sintomi. Ho continuato a mettere il gel una volta al giorno per prevenire, ho provato a non metterlo più per un giorno, ma la sera l'ho messo alla fine. Verso domenica i sintomi hanno cominciato a risvegliarsi, con sensazione di bruciore, punture di spillo e lieve prurito, non costanti. Accade ancora il fenomeno dell'arrossamento e alcuni puntini sembrano essere ancora presenti, ma non so se possano effettivamente c'entrare, mi è venuto il dubbio che possa essere un problema neuropatico dato i sintomi. Io già soffro di neuropatia vulvare e prendo laroxyl ogni mattina, in origine prendevo 6 gocce, ma ho cominciato a prendere 10 dalla settimana scorsa perché una gastroenterologa le ha aumentate per un problema d'ansia che ho. Soffro anche di tirodite cronica per cui prendo syrel 1 cp ogni mattina a digiuno e scoliosi, mio padre ha il diabete così come mio nonno paterno. Cosa potrebbe essere?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
Il primo e più immediato orientamento diagnostico sarebbe per una fotodermite scatenata dall’esposizione solare, ma questa è di competenza dermatologica per cui non mi pronuncio. Sono stato sul punto di spostare il consulto nella sezione competente ma la segnalazione di altri elementi ed il riferimento anamnestico di diabete familiare mi inducono a sospettare una condizione di neuropatia che sarebbe opportuno far esaminare in maniera appropriata (clinicamente e con eventuali indagini) da parte del Neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it