Utente 428XXX
Salve dottori e buon anno. Questa notte ho bevuto tre drink di modesta gradazione alcolica e tornato a casa, una volta svegliatomi, ho iniziato a sentire tutte le gambe indolenzite con dolore al piede sinistro. Diciamo che non penso berrò più alcool dato l'effetto che mi fa, ieri dopo una mezz'oretta di questi drink ho iniziato a sentire entrambe le braccia come se fossero addormentate, insieme alle gambe (ma queste un po' di meno), e ora ho notato qualche guizzo (come fascicolazione) alla gamba sinistra. Non so se è normale dopo aver bevuto modesti quantità di alcool. Vi ringrazio per la disponibilità. Aggiungo che sono un ragazzo che offre di attacchi di ansia molto pesante che ha paura di sviluppare malattie cardiache e neurodegenerative, per questo quest anno andrò dallo psichiatra per risolvere questa questione. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

non penso che la sintomatologia che riferisce sia stata causata dall'assunzione di alcolici, probabilmente ha un’altra causa che a distanza non si può stabilire.
È possibile che regredisca spontaneamente, se ciò non dovesse succedere si rivolga al Suo medico curante.
Buon Anno anche a Lei.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Va bene la ringrazio. Non so cosa possa essere, dato che mi sento sempre le gambe come se avessi fatto palestra (quindi come se avessi acido lattic)

[#3] dopo  
Utente 428XXX

Salve dottore volevo dirle che mercoledì vado dal neurologo per visita, giusto per tranquillizzarmi e sicurezza. Comunque ora sento come se avessi acido lattici alle gambe, quando mi piego oppure scendo le scale sento come se avessi appunto reduce da una sessione di palestra. Le fascicolazioni sono praticamente scomparse anche quei guizzi, o almeno, non le avverto

[#4] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Bene, se vuole può farmi sapere cosa Le dirà il neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente 428XXX

Assolutamente, la ringrazio per la disponibilità. Lei che ne pensa di queste ultime cose che le ho detto? Io già feci una visita neurologica per problemi di ansia con un bravissimo dottore che mi ha visitato, mi ha fatto fare esercizi di deambulazione, test ecc... Ed è risultato tutto negativo i risultati risalenti al 27 novembre sono: Paziente vigile e collaborare, ben orientato nel tempo e nello spazio. Non evidenti deficit focali o segni di lato. Manovra di Romberg negativa. Non deviazione alla manovra degli indici protesi. Nervi cranici indenni. Prove cerebellari nei limiti della norma agli AASS e agli AAII. Segni piramidali assenti. Tetra-monotono. Sensibilità: nella norma sia le superficiali che le profonde.

[#6] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la visita neurologica ha avuto esito negativo, questo farebbe pensare un disturbo d'ansia.
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente 428XXX

Capisco dottore. Più che altro la cosa che mi lascia perplesso è che l'ansia addirittura mi dia questi sintomi fisici. Prima avevo preso una fissazione per il cuore (poi con tutti gli esami è risultato apposto) ora sto avendo ste cose. Possibile che l'ansia mi dia queste cose addirittura fisiche?

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

si è mai chiesto cosa significa "psicosomatico"?
Psiche significa "mente", somatico significa "relativo al corpo", quindi "fisico", per cui "sintomo psicosomatico" vuol dire un sintomo fisico generato dal cervello.
Questo in generale, poi è ovvio che non posso sapere se sia il Suo caso.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro