Utente 443XXX
Buongiorno a seguito di un incidente avvenuto il 13/06/2018, sono stata portata in ospedale per essere controllata da una tac dell’encefalo e massiccio facciale ho riscontrato leggendo il referto qualcosa che mi ha spaventato troppo il referto dice così piccole ipodensità di dubbio significato artefattuale in sede pontina para mediana sinistra ,utile controllo evolutivo i medici non mi hanno detto niente li in ospedale me ne sono accorta soltanto una volta letta la cartella clinica devo preoccuparmi? Cosa dovrei fare? Ho 27 anni Grazie in anticipo per la risposta

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il radiologo che ha redatto il referto ha ipotizzato anche possibili artefatti, cioè alterazioni riconducibili alle radiazioni stesse della TC e quindi non patologiche.
Le consiglio una verifica mediante una risonanza magnetica encefalica che può effettuare in tutta tranquillità non essendo sottoposta a radiazioni ionizzanti.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 443XXX

Grazie mille dottore della celere risposta... vorrei chiederle un’ultima cosa posso eseguire l’esame da lei consigliatomi avendo ancora il chiodo endomidollare alla gamba? Grazie infinite

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

questo lo deve chiedere al neuroradiologo dove prenoterà la RM portando con sé il referto dell'intervento precedentemente effettuato.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 443XXX

Grazie infinite e buona giornata

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro