Utente
Gentilissimi dottori, sono qui a scrivere per richiedere alcune risposte ad alcune domande circa un caso che mi è capitato circa un mese fa... 3anni fa mi è stata diagnosticata sindrome da attacchi di panico (DAP) e secondo mio psichiatra ho iniziato una terapia a base di Citalopram e Rivotril... Circa un anno fa, lo stesso psichiatra ha deciso di iniziare a farmi sospendere la terapia con scalo regolare per remissione della patologia, sino a giungere a sospensione totale un mese circa fa... Subito dopo la sospensione ho iniziato ad avere alcuni piccoli episodi di ansia e attacchi di emicrania aura... Rivoltami nuovamente al mio psichiatra, lui mi ha confermato che tutto ciò non deriva dalla sospensione dei farmaci, bensì da una dieta che stavo seguendo da alcuni mesi sotto controllo di una biologa nutrizionista, che mi aveva mandato in calo glicemico... Ad oggi sono qui a chiedervi se è possibile che una dieta possa aver fatto così danni?
O se tutto ciò possa essere uno strascico degli effetti sospensivi dei farmaci tempo addietro... O di entrambe le cose... È possibile avere una risposta o degli esami da sostenere per poter venire a capo della situazione?
Fatto è che non appena ho sospeso la dieta e il mio psichiatra mi ha prescritto nuovamente 4 gocce di Rivotril da assumere al sonno, l'aura e l'emicrania sono scomparse!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è difficile dare risposte univoche alle Sue legittime domande.
Quanto tempo è trascorso tra la sospensione della terapia e l’insorgenza della sintomatologia?
Come si manifestavano gli attacchi di emicrania con aura e con quale frequenza?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Salve dottor Ferraloro,
dalla sospensione della terapia all'insorgenza della sintomatologia è trascorso all'incirca un mese... Gli attacchi di emicrania con aura cominciavano con manifestazioni di luce colorata da un unico occhio (a volte il destro e a volte il sinistro), annebbiamento della vista sino a emicrania molto forte dall'altro lato del capo... Una volta si è persino addormentata la mano e il braccio sinistro... Questi attacchi duravano all'incirca (5-10minuti aura) e un giorno intero l'emicrania con strascichi sono ai giorni a seguire e con frequenza iniziale di pochissimi giorni di distanza l'uno dall'altro... Anche uno dietro l'altro... In totale sono stati 7 attacchi e così come sono cominciati, così sono spariti...

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l’emicrania con aura è per definizione a causa sconosciuta ma a volte è possibile riconoscere dei fattori scatenanti, una dieta drastica potrebbe essere uno di questi.
Il fattore scatenante più frequente è lo stress psicofisico.
Meno probabile la sospensione graduale della terapia.
Non è nemmeno da escludere una coincidenza senza alcuna correlazione.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr. Antonio Ferraloro,
la ringrazio infinitamente per le sue risposte, ma ahimè, ad ora non ho ancora capito come il mio psichiatra abbia dedotto che tutto ciò sia derivato da uno "scompenso metabolico" o un' "ipoglicemia" in atto (parole sue!), senza aver dato un minimo sguardo alle mie analisi che riportavano un valore molto alto di trigliceridi (motivo per cui mi sono rivolta ad una dietologa), nè avermi fatto fare un esame relativo ad insulino resistenza o altro...
Da postmettere, che la dieta non era affatto drastica, nè povera di carboidrati o zuccheri, vista la presenza di frutta, pane e pasta e co.
La mia "rabbia" ( se così vogliamo definirla) sta di fatto, nelle circostanze di fatto, per cui, io ad oggi non ho ancora ottenuto risposte a riguardo e ho dovuto riprendere i farmaci (cosa di cui ne avrei fatto volentieri a meno) con una DAP in remissione e bloccato immediatamente una dieta.
La mia domanda ora è "Ma se adesso dovessi sospendere nuovamente il Rivotril con scalo regolare, è possibile che l'emicrania possa ritornarmi?", visto che il fattore dieta è stato per lo meno abolito e/o modificato.

Mi scusi se la disturbo ancora, ma purtroppo, mi reputo una persona che si basa su fatti e non su teorie, come mi è accaduto!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

premesso che non si può rispondere con certezze alla Sua domanda, la graduale riduzione della terapia fino alla sua sospensione non è detto che scateni episodi emicranici, ripeto, potrebbe anche essere stata una coincidenza.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro