Utente
Salve, mia madre 94 anni, per 90 gg ha fatto questa cura per i sintomi che avvertiva e descritti al neurologo: VESSEL E VERTASE IL Neurologo ha detto di fermarsi... secondo il vostro parere non dovra' fare piu' questa cura?
o si fa a cicli?
?
ha avuto benefici in questi mesi, la testa dava meno fastidi di sensazioni vertiginose! GRAZIE

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la durata di una terapia dipende da tanti fattori che solo il collega che segue un paziente può conoscere, pertanto se il neurologo ha ritenuto di dovere sospendere la cura avrà avuto dei buoni motivi, in primis, nel caso specifico della Mamma, l’età.
Infatti con l’età avanzata si riduce il metabolismo ed i farmaci possono col tempo accumularsi nell’organismo.
Se dovrà riprendere la terapia? Dipende dalle condizioni cliniche della Mamma e dal decorso delle varie problematiche, anche in questo caso le dirà il neurologo come procedere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Dottore , la contatto nuovamente xche' dopo quasi 2 mesi di sospensione della cura , mia madre ha avuto il primo disturbo di sensazione di instabilita' ( vertigine ) , visto il momento in cui i medici non ricevono , lo specialista che la segue veniva in clinica una volta la settimana e adesso ha sospeso le visite (covid ) non ho suo nm cellulare ..cosa devo fare ? posso iniziare la stessa cura per la mia mamma ? ( cura: vessel 250 e vertase ) GRAZIE

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non si possono consigliare farmaci a distanza ma in un momento come questo e considerato che la terapia è stata prescritta da un neurologo, ritengo che possa iniziare la cura precedentemente praticata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro