Utente
Sono Arianna, ho 21 anni e da circa 2 settimane sto avvertendo al piede destro una sensazione di formicolio e intorpidimento.
In particolare sento questo fastidio all'alluce e sotto le dita; premetto che ho iniziato ad avere questo sintomo più o meno dall'inizio della quarantena e sono una persona molto ansiosa.
Passo le mie giornate molto tempo seduta e mi chiedevo se potesse essere una conseguenza di una potenziale postura scorretta.
Ho paura possa essere SM, SLA o insomma qualcosa di particolarmente grave.

Ringrazio anticipatamente per l'attenzione,
buona giornata.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Arianna,

considerato il periodo d’insorgenza è possibile l’origine psicosomatica del disturbo che riferisce, anche posture prolungate possono accentuare il problema.
La SLA la può escludere perché non può esordire col formicolio che non è un sintomo motorio.
La sensazione l'avverte in maniera continua o discontinua?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Intanto La ringrazio per la risposta,
comunque ci sono momenti in cui è più accentuato, altri in cui lo avverto in maniera più lieve.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Arianna,

sembrerebbe un sintomo di tipo psicosomatico, vediamo il decorso.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr. Antonio Ferraloro,
La ringrazio moltissimo per la disponibilità.
Spero mi passi e che non sia effettivamente niente di che. Mi consiglia di fare una visita nello specifico una volta finita questa quarantena?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Arianna,

Dipende dal decorso del disturbo, se dovesse persistere è corretto effettuare una visita neurologica, viceversa non penso sia necessaria.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro