Utente
Un grazie di cuore a chi mi risponderà perchè ho bisogno di capire se tutti i miei sintomi sono subdoli oppure sono preoccupanti.

Da diversi mesi ho dei sintomi strani e non strani.

Tutto e iniziato una sera.

Ad un certo punto mi sentivo come se il pavimento sotto di me andava su e giù.

I giorni passavano, ad un certo punto passata 1 o 2 settimane non sentivo più niente.

Passate altre tre settimane ho iniziato a sentire delle fascicolazioni per tutto il corpo.

Ma non durano nemmeno così tanto.

Danno solo un guizzo e poi scompare anche per un bel po però ritornano sempre ogni giorno.

Per tutto il giorno però sento delle strane sensazioni alla schiena, alle gambe e alle braccia.

Sento come se tutto il corpo mi vibrasse ma dentro di me non fuori.

Sento come se qualcuno desse una piccola spinta alla colonna vertebrale in zona lombare, come se facesse dei piccoli scatti.

Quando so a letto se provo ad alzare solo la schiena ma tenendo fermo le gambe mi trema tutta, anche quando la piego.

Quando tengo il braccio apoggiato e sollevo solo le spalle, mi inizia a tremare tutto il braccio sempre tenendolo attaccato al tavolo, insomma e come se tremassi tutto anche per fare degli sforzi.

E qualche volta ma pochissime sento dei formicolii in faccia qualche volta solo nella parte destra e qualche volta nella parte sinistra.

3 settimane fa sentivo anche dolore vicino al linguine un po più su dopo che sotto ala coscia sentivo dei formicolii.

Dopo un po la gamba sembrava debole e tuttora sono un po debole.

Ora io mi chiedo mi devo preoccupare?

Devo fare assolutamente delle visite neurologiche, devo pensare a delle malattie del motoneurone come la SLA?

Io ora sono disperato ho paura e non so a chi rivolgermi.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

non vedo nessun elemento che possa fare sospettare una sla, Le dirò di più, non ci sono nemmeno elementi per sospettare una malattia neurologica.
A mio avviso il disturbo è di origine ansiosa, tuttavia, senza urgenza e terminata l’emergenza attuale, effettui una visita neurologica.
Stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto Buona Pasqua!!
La ringrazio molto della sua velocissima risposta, però i miei sintomi sono durati per 4 o 5 mesi, soprattutto adesso mi preoccupano molto di più le fascicolazioni.
Premetto che ho fatto una visita neurologica risultata negativa e a detta del neurologo: "Sei neurologicamente perfetto".
Per farmi stare tranquillo mi ha fatto due esami, la emg risultata negativa ed un altro che non mi ricordo il nome, mi ha dato come delle scosse...
Risultata negativa.
Però da come sono testardo ho ancora paura per la SLA... Le mie fascicolazioni non sono persistenti fanno ancora qualche guizzo e poi se ne vanno per poi ritornare in un altro posto, non c'è lo sempre per tutta la giornata, però mi preoccupa il fatto che alcune volte rimangono fermi in un posto come la coscia o il ginocchio oppure la spalla che è durato anche per diversi giorni, poi è scomparso e non si è presentato più per qualche mesetto.
Lo so che per la SLA, deve essere accompagnato da deficit motori e da debolezze, qualche volta io mi sento debole però non mi sembra di perdere forza o avere delle atrofia, anche se non si noterebbero perché sono già magro di mio.
Quello che chiedo è come dovrebbe presentarsi la debolezza e il deficit motorio riguardo a questa malattia.
P. S. Io questo consulto l'avevo scritto 1 mese fa senza aver ricevuto risposta.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

per deficit motorio s’intende l’impossibilità di compiere un normale movimento.
Da quanto ha aggiunto nell’ultimo post, si conferma ancora di più quanto detto precedentemente, cioè che non ci sono segni di sla.
Se la paura dovesse persistere deve affrontare il problema ansioso perché il vero sintomo è "avere paura della malattia", oggi è la sla, domani potrebbe essere un’altra.
Grazie, buona Pasqua anche a Lei.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie di nuovo dottore.
Lo so che chiedo troppo però non riesco a stare calmo...
Da piccolo ho avuto un meningococco, la tubercolosi curata per fortuna, il morbo di calve pheters e un aspergilloma che si era annidato nella cicatrice della tubercolosi, io ho paura che dopo tutto questo il mio corpo in qualche modo potesse essere soggetto a più malattie che ad una persona sana che non ha mai avuto questi problemi... ho paura che sia a rischio di contrarre questa malattia.
Che il mio corpo ormai è più debole.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

capisco perfettamente che tutte le vicissitudini avute in passato abbiano lasciato il segno, dal punto di vista psicologico, esitando nella paura delle malattie, è perfettamente comprensibile.
Con tutto ciò non è un soggetto a rischio sla, Lei ha lo stesso rischio della popolazione generale, cioè come tutti, anzi meno perché non ha l’età tipica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore, volevo anche dire che quando si presentano le fascicolazioni alla coscia sx sento come del prurito... a cosa può essere dovuto, in caso di sla si avvertono anche questi sintomi?

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

nella sla non c'è prurito, nel Suo caso può anche essere di origine ansiosa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Buon Giorno dottore,
Stamattina ho sentito come un piccolo crampo alla coscia, più fascicolazioni, tutto questo può essere dovuto anche al fatto che dopo un attività fisica in questo caso, ho fatto una corsa intorno a casa mia e in qualche modo mi sono sforzato ? Ho anche un po’ di carne greve...
Le volevo chiedere anche a cosa può essere dovuto il fatto che ogni volta che muovo o le gambe oppure le scapole sento tutta la schiena tremare fino ai piedi e ad un certo punto sento come se la schiena si staccasse e si sollevasse da terra anche se effettivamente non succede questo, ci sono stati dei periodi in qui lo sentivo molto di più e quando camminavo andavo su è giù.
È difficile da spiegare, ma mi succede questo.
Scusi per le troppe domande.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le fascicolazioni da sforzo fisico sono frequenti.
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
E secondo lei riguardo alla schiena ? A cosa potrebbe essere dovuto ?

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non riesco a capire dov’è il problema?
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Buon giorno dottore,
Le pongo un ultima domanda e poi non la disturbo più.
Da un po di giorni io ho ancora questa fascicolazione sotto alla coscia, che dura per qualche minuti e poi smette, per poi ripresentarsi qualche minuto dopo, rimane nello stesso punto e non coinvolge altri muscoli della gamba.
Io volevo chiedere in caso di SLA come dovrebbero essere le fascicolazioni? Io continuo a non avere debolezza anche se ho paura che con il passare dei giorni dalla fascicolazione poi passa alla debolezza muscolare vera e propria...
Riguardo alla schiena come avevo già detto chiedevo a cosa poteva essere dovuto il fatto che mi sento ad un certo punto come se qualcosa mi spingesse in su ed in giù, come se la mia schiena si attaccasse e facesse degli scatti.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

"Io volevo chiedere in caso di SLA come dovrebbero essere le fascicolazioni?" non c’è una regola, solitamente accompagnate a deficit motorio.

"Riguardo alla schiena come avevo già detto chiedevo a cosa poteva essere dovuto il fatto che mi sento ad un certo punto come se qualcosa mi spingesse in su ed in giù, come se la mia schiena si attaccasse e facesse degli scatti." non è un sintomo neurologico per cui non saprei rispondere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Esistono casi di Sla dove le fascicolazioni so possono presentare inizialmente anche senza deficit di forza? Tipicamente le fascicolazioni possono interessare anche più distretti oppure anche solo uno? Colpisce di più i polpacci oppure possono interessare anche altri distretti come nel mio caso sotto alla coscia? E quanto possono durare queste fascicolazioni?

Mi scusi davvero per la mia insistenza...

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

queste domande sono già un sintomo, un sintomo ansioso, è il disturbo d’ansia che deve curare.
Con le eventuali risposte si accentuerebbe il problema.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Buon giorno Dottore,
Lo so però non ho pace...
È normale avere anche rigidità alla gamba dopo questa continua fascicolazione sotto alla coscia ?
Di solito il deficit motorio viene insieme alle fascicolazioni e poi perdura ? Oppure ci sono dei momenti dove torno a compiere bene i movimenti?

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il deficit motorio si aggrava sempre di più.
Però se Lei non cura l’ansia non risolverà il problema con le domande a cui peraltro, per correttezza nei Suoi confronti, non risponderò più.
Si rivolga appena possibile ad uno psichiatra.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro