Utente
Salve, mia madre (50 anni) ieri si è recata in pronto soccorso dove le è stata riscontrata una "Paresi facciale di tipo periferico a destra".
Nel referto dice anche: " Restante esame neurologico nei limiti".
La terapia prescritta è la seguente: Deltacortene 50 mg/die (2 compresse) da assumere per 5 giorni, poi iniziare a scalare togliendo 1/4 di 1cp ogni 3 giorni.
Pantoprazolo 20 mg 1 cp die.
Tiobec 800mg 1 die per 30 giorni.
B vital totale 1 cp die per 30 giorni.
Successivamente controllo neurologico e utile RM encefalo con m.
d. c.
con studio in dettaglio dell'angolo pontocerebbelare e n.
facciale.


La cosa è preoccupante?

Ieri ha comincio con la cura prendendo il cortisone verso le 19: 30 dopo essere uscita dal pronto soccorso.
Su indicazione del curante oggi lo ha assunto dopo pranzo e da domani dovrà assumerlo al mattino come indicato nel referto.

Questa mattina aveva leggermente viso e collo arrossati?
Potrebbe essere stato il cortisone?


Inoltre visto quanto sta accadendo ho letto un articolo dove si diceva che il Covid-19 può insorgere anche con problemi neurologici tipo convulsioni, delirio e confusione.
Dobbiamo preoccuparci in questo senso?
Mia madre non ha avuto febbre e anche ieri in pronto soccorso le hanno detto che la temperatura era normale.
Se fosse Covid-19 il cortisone potrebbe mascherare la comparsa della febbre?

Lei non sta lavorando e non dovrebbe avere avuto contatti a rischio, però mio padre lavora in un supermercato ovviamente con le dovute precauzioni.


Resto in attesa di un vostro riscontro.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'arrossamento teoricamente può essere causato dal cortisone. Riguardo il timore di un interessamento neurologico da COVID-19 mi sento di rassicurarLA, una paralisi periferica del nervo facciale non è in correlazione col coronavirus.
Riguardo la terapia cortisonica ovviamente potrebbe mascherare la febbre però da alcuni studiosi di Covid pare che in alcuni casi possa essere protettivo.
La guarigione della paresi in più dell'80% dei casi si verifica in 4-8 settimane.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, è stato gentilissimo.

Mi ha rassicurata sulla correlazione della paresi con il Covid-19. La cosa mi preoccupava francamente.

Per quanto riguarda la RM encefalo che le è stata prescritta ritiene debba essere fatta subito oppure meglio portare prima a termine la cura e poi procedere?

Colgo l'occasione per ringraziarla nuovamente.

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche causa emergenza sanitaria aspetti per vedere il decorso della paresi, se dovesse migliorare in qualche settimana potrebbe effettuare la RM con calma, altrimenti sarebbe opportuno anticiparla.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Mi scusi dottore se torno a disturbarla.

Mia madre oggi mi ha riferito che nel momento in cui è sopraggiunta la paresi facciale l'occhio destro le si è annebbiato.

È una cosa normale?

Non capisco come mai in ospedale non abbiano approfondito con esami strumentali e si siano limitati solo alle analisi del sangue.

Capisco che viviamo una situazione straordinaria e drammatica dal punto di vista sanitario ma spero che non sia stato lasciato nulla al caso.

Grazie ancora.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente
P.s. Inoltre nel messaggio principale ho omesso un dato che potrebbe essere importante. Mia madre ha avuto la paresi facciale domenica 12 aprile e su indicazione del curante ha assunto delle pastiglie di Bentelan. Soltanto lunedì 13, dopo circa 24 ore, si è recata al pronto soccorso.

Oggi ha misurato anche la pressione con i seguenti valori: 137/87 e glicemia: 104.

Mi scusi ancora per il disturbo.
Cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in corso di paralisi facciale non si manifestano solitamente disturbi della vista, ci potrebbe essere un disagio visivo causato dalla secchezza oculare che si può accompagnare a questa condizione.
Anche domenica, assumendo il bentelan, la Mamma è stata in terapia cortisonica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente
Grazie infinite per la disponibilità e gentilezza.

La sensazione è stata quella di avere un velo all'occhio destro nel momento in cui si è verificata la paresi.

Il giorno seguente in pronto soccorso la pressione è risultata 170/90.

Per quanto riguarda le analisi i parametri fuori range erano i seguenti:
Glucosio 114 val. rif. (70 - 110)
Creatinina 0,41 (0,52 - 1,04)
C.K. 36 (37 - 200)
Calcio 10,50 (8,60 - 10,20)
A.P.T.T. 25 (26 - 38)
Ratio 0,80 (0,87 - 1,19)
NE% 88,6 (37 - 70)
LY% 7,2 (20 - 45)
EO% 0,1 (0,5 - 6,0)
NE% 8,68 (1,40 - 7)
LY% 0.70 (1,20 - 3,40)
RBC 5,73 (3,50 - 5)
MCV 63,4 (80 - 98)
MCH 21,5 (27 - 34)
RDW-CV 17,5 (11,6 - 14)

Segnalo che mia madre ha anemia mediterranea.

Cordiali saluti.

[#8] dopo  
Utente
P.s. Inoltre mia madre lamenta anche sensazione di avere sale nella bocca. Cerca di idratarsi il più possibile, ma la sensazione non svanisce. Potrebbe essere un effetto collaterale del cortisone?

Cordiali saluti.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è probabile che la sensazione che la Mamma avverte sia causata ugualmente dalla paralisi del nervo facciale, in quanto un ramo, detto nervo intermedio, controlla la sensibilità gustativa della maggior parte della parte anteriore della lingua, almeno due terzi.
Riguardo le analisi, alcune non hanno un valore patologico, per es. il CK basso, altre sono compatibili con l’anemia mediterranea, altri con la terapia cortisonica, per es. la glicemia.
Per il resto deve rivolgersi al medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Non so come ringraziarla dottore.

Probabilmente entro 10 giorni mia madre riuscirà a fare la RM encefalo con m.d.c. come indicato in pronto soccorso.

Abbiamo chiesto al curante se ci potrebbero essere interferenze tra la terapia in atto (Deltacortene, Pantoprazolo, Tiobec 800 e B Vital Totale) e il mezzo di contrasto e ci ha detto in modo vago che non dovrebbero esserci grossi problemi.

Lei ritiene che possiamo stare tranquilli ed eseguire la RM senza problemi?


Cordiali saluti.

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il giorno dell’esame riferite al radiologo i farmaci che assume la Mamma. Il mezzo di contrasto della RM è poco allergenico, cioè sono rari i casi di allergia (ma possibili) soprattutto se la Signora non soffre di allergia. Peraltro se sarà ancora in terapia cortisonica sarà anche protetta.
Qualora invece la Mamma sia un soggetto allergico dovete comunicarlo all'ambulatorio radiologico con alcuni giorni di anticipo in modo che si possa impostare una brevissima terapia antiallergica prima dell’esame.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
torno a scrivere per aggiornarla.

Mia madre ha quasi completato la terapia cortisonica e la situazione è molto migliorata. La bocca è tornata quasi alla sua posizione normale. L'occhio anche va molto meglio. Però ha ancora un pochino di seccezza oculare e sensazione di avere come un velo all'occhio destro.
Il cortisone deve prenderlo per cinque giorni ancora ma le dosi sono molto ridotte (oggi e domani 1/2 di compressa e per gli ultrimi tre giorni 1/4).
Purtroppo non è stato possibile fare la risonanza in tempi brevi a causa del Covid-19. Anche perché lei è asmatica e allergica all'aspirina e il medico di base le ha sconsigliato centri privati sprovvisti di rianimazione visto che deve iniettare il mezzo di contrasto.

Le scrivo anche perché da ieri mia madre lamenta dolore al collo che si irradia alle spalle e sale fino alla tempia sinistra e sopra agli occhi. A volte anche fino al naso. Mi ha detto che nelle due notti passate ha sudato molto e attribuiva la cosa alla cervicale visto che tra l'altro ne ha sempre sofferto.

La cosa che mi ha insospettita è che lei è sotto cortisone e trovo strano che si sia infiammata la cervicale, ammesso che si tratti di questo, proprio ora.

Lei ritiene che la cosa sia preoccupante?

Cordiali saluti.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che la sintomatologia riferita sia indipendente dalla paresi facciale, a tal riguardo faccia visitare la Mamma dal medico curante o dal neurologo che La segue.
Mi fa piacere che la sintomatologia sia quasi del tutto regredita.
Ritengo che per la secchezza oculare siano state prescritte le lacrime artificiali.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Grazie dottore,

si per la secchezza oculare sta usando delle lacrime artificiali.

Questi dolori alle tempie, mi diceva, di averli avuti negli ultimi 10 giorni e sono molto simili a quelli che ha avuto qualche giorno prima di avere la paresi facciale.
Le dirò di recarsi dal medico curante e proverò a contattare la neurologa che l'ha visitata in pronto soccorso il 13/04.

È come sempre gentilissimo.
Cordiali saluti.

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Bene, mi faccia sapere.

Buon pomeriggio
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, mi scusi se torno a disturbarla.

Mia madre è agli ultimi tre giorni di assunzione del Deltacortene.
Ieri mattina ha assunto regolarmente 1/4 di compressa. Oggi per errore ha assunto 1/2 di compressa. È un problema?
Domani deve assumere regolarmente 1/4 e terminare la terapia?

Cordiali saluti.

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, nessun problema, domani può assumere 1/4 di cpr da ripetere dopodomani e poi sospende.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro