Utente
Salve dottori.
Sono un ragazzo di 27 anni, vi scrivo perchè da qualche tempo mi capita di compiere dei gesti involontari con gli arti superiori e con il viso (per intenderci, scatti alle mani o alle braccia oppure movimenti della bocca) durante la fase di addormentamento/dormiveglia o durante i sogni, che mi fanno svegliare e mi impediscono un ritmo regolare del sonno.
Ciò avviene sia di notte sia durante eventuali riposi pomeridiani.
Sapreste dirmi a cosa potrebbero essere dovute queste clonie?
Ho effettuato una TC del cranio e non è risultato nulla.
Grazie per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia che riferisce potrebbe verosimilmente essere correlata con le "scosse ipnagogiche" quelle che si verificano nella fase dell’addormentamento, mentre quelle nel sonno potrebbero essere le cosiddette "scosse ipniche".
La loro causa non è nota ma spesso sono associate a stati ansiosi o a stress.
Se il disturbo si presenta frequentemente o se interferisce con la qualità del sonno Le consiglio di rivolgersi ad un Centro di medicina del sonno per un approfondimento clinico ed eventuali esami strumentali diagnostici, per es. una polisonnografia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la risposta. Inoltre volevo specificarle che, da sveglio, spesso mi tremano i muscoli in modo involontario e persistente, penso si possa definirle fascicolazioni (parte superiore delle braccia, soprattutto addome, meno spesso gambe)...ma ciò avviene sempre quando sono seduto/sdraiato, non in movimento...volevo sapere potrebbero essere correlate le due sintomatologie? Grazie

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La correlazione potrebbe essere l'ipereccitabilià neuromuscolare che spesso riconosce un’origine ansiosa o da stress.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la celere risposta dottore.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Salve dottore...vorrei chiederle se anche il movimento incontrollato e involntario della parte inferiore dell'occhio sinistro (la parte dove ci sono le ciglia) potrebbe essere correlato...l'ho notato guardandomi allo specchio e il movimento era ritmico e ripetuto per un minuto circa. In caso positivo, ci sono dei farmaci che potrebbero giovare? Grazie mille

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

verosimilmente si tratta di miochimie palpebrali e la correlazione potrebbe essere sempre l'ipereccitabilità neuromuscolare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Dottore sto prendendo da circa 2 mesi 10 gocce di Lexotan al giorno, 5 al mattino e 5 alla sera un pò prima di coricarmi...ma sembra che non mi facciano alcun effetto...secondo il suo parere è una terapia adeguata o c è qualche farmaco più specifico? La ringrazio anticipatamente

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

solitamente l’ansiolitico, come il lexotan, può dare un beneficio temporaneo al dosaggio adeguato. Nel Suo caso questo dosaggio è assolutamente inadeguato, peraltro dopo due mesi l’efficacia può ridursi.
Per la terapia dell’ansia si usano farmaci diversi che ovviamente non si possono consigliare a distanza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Grazie dottore. Ma perchè ritiene il dosaggio inadeguato? In che senso?

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
5 gocce di lexotan corrisponde ad un terzo di cpr del minore dosaggio, per rendere l'idea, cioè un dosaggio molto basso.
Lei però si attenga alla prescrizione che ha avuto.
Dr. Antonio Ferraloro