Utente
Salve, è da due giorni che ho un forte mal di testa nella parte destra.

La zona nella quale è più concentrato è la tempia ma, alle volte, ho delle fitte anche nella fronte e nella nuca.

Il dolore è iniziato martedì mattina; mi sono svegliata alla 6:00 e ho deciso di restare a casa, quindi ho ripreso sonno fino alle 10:00 circa.
Una volta svegliata ho guardato un film sul computer e proprio in quel momento è iniziato il male alla testa.
Non passa in alcun modo: ieri ho preso una Tachipirina, poi di notte un volfast e qualche ora fa un buscofen, che mi ha dato la farmacista dopo che le ho spiegato il problema.
Ho gli orari molto sregolati, mi addormento tardi e mi sveglio molto presto, diciamo che solitamente a notte non dormo più di cinque ore.

Sono molto nervosa e il dolore mi sta facendo allarmate e non poco.
C'è da dire che io ho sempre sofferto di mal di testa, ma questo è più persistente del solito.

Ho pensato a un'emicrania o cefalea ma sinceramente non lo so.

Questo non è il periodo migliore per recarsi in ospedale, quindi non so bene cosa fare.


Voi cosa dite?
Cosa potrebbe essere?

Grazie in anticipo per la risposta

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

anche se il mal di testa è persistente, ha le caratteristiche delle altre volte?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Salve, sì, nonostante la persistenza è come le altre volte. Sopportabile ma comunque molto fastidioso.
Potrebbe essere anche per il cambio di stagione, non so..
Sono preoccupata, data la mia leggera ipocondria tendo a pensare subito al peggio..

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

da quanto scrive, sembrerebbe una cefalea tensiva, ovviamente con i famosi limiti del consulto online.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro