Utente
Buonasera, scrivo per avere un chiarimento su quanto accaduto.
Ho 33 anni, ero al parco giochi con la mia bimba di 2 anni e, ad un certo punto, ho avvertito un formicolio alla mano destra che è aumentato con il tempo fino a non sentirla più.
Non ho mai perso la forza nella stessa e infatti ho chiamato mio marito e preso in braccio mia figlia.
Dopo un po', il.
disturbo alla mano sembrava passare ma avvertivo uno strano fastidio oculare.
Vedevo ma con l'occhio destro vedevo la figura non perfetta, come se ci fosse una piccola linea a dividerla.
Dopo altri minuti non riuscivo a pronunciare bene alcune parole o meglio alcune lettere tipo la z e la seconda.

Intanto, mi sono recata subito al pronto soccorso e cercavo di ricordare la mia data di nascita e nome e cognome (che ricordavo).

Al pronto soccorso ho avvertito uno stato confusionale, mi sembrava strana qualsiasi parola, ho avuto dubbi sul nome di mio marito.
Ho atteso e intanto piangevo per paura di non rivedere più la mia bimba.
All'arrivo del neurologo i sintomi sono pasaati, a parte l'ansia e la paura.
Il neurologo mi ha fatto una visita facendomi camminare, alzare le braccia e facendomi toccare il naso con le dita.
Cose che ho eseguito perfettamente.
Mi hanno fatto le analisi del sangue che erano perfette e mi hanno dimesso prescivendomi una RM encefalo con MDC e una RM cervicale in quanto io ne soffro da qualche anno.

Cercando su internet i miei sintomi ho letto che potrebbe trattarsi di TIA con possibilità di ictus nelle successive 24-48 ore.

Lei cosa ne pensa?
È stato un TIA?
La possibilitá di avere un ictus è elevata?
È il caso di andare in pronto soccorso di nuovo?
Considerando che stanotte sarei sola con la mia bimba?

Grazie per la cortese risposta

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

se sia stato un TIA non è possibile stabilirlo con certezza, altra possibilità da prendere in considerazione è l'aura emicranica senza cefalea (almeno Lei non ha riferito mal di testa insorto dopo la sintomatologia descritta).
Non è stata fatta una TC al P.S.?
Oltre la RM encefalica effettui anche un ecodoppler dei tronchi sovraortici (TSA).
Tenga sotto controllo pressione arteriosa, glicemia e colesterolo.
Molto utile è praticare attività fisica, anche una camminata a passo svelto di circa 45 minuti al giorno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie, dottore, per la sua cortese e celere risposta. Al PS non mi è stato fatto alcun esame (se non gli esami del sangue) in quanto il neurologo che mi ha visitata non ha ritenuto necessario effettuare un TAC o RM.
Non ho avuto mal di testa ma, per tutta la giornata di ieri, il solito dolore cervicale che si irradia fino al braccio dx.
Ho sempre portato la pressione arteriosa bassa ma ieri all'arrivo in PS era 130/70 dovuta forse allo stato di agitazione in cui mi trovavo. Seguo, da due anni, terapia con Eutirox, per ipotiroidismo da gravidanza.
Seguirò i suoi consigli ed effettuerò il TSA. La ringrazio per la sua disponibilità.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente
Vorrei chiederle quali sono i sintomi che distinguono un TIA da un'aura emicranica senza cefalea?
Grazie di nuovo

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

a volte è difficile fare questa distinzione, comunque un'anamnesi accurata ed eventuali esami diagnostici può indirizzare un neurologo esperto.
Dopo avere effettuato gli esami Le consiglio di rivolgersi ad un neurologo per fare una sintesi clinica ed avere una diagnosi il più possibile corretta.
Non si faccia prendere però da eccessive paure.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro