Utente
Salve, sono una ragazza di 19 anni ed è ormai un mese da quando il mio incubo ha avuto inizio.

Ho iniziato ad avvertire un bruciore intenso alle braccia che si è esteso, in un secondo momento, alle mani e ai piedi.

Ammetto di essere estremamente preoccupata per la mia salute, lo sono da sempre, e questo mi ha portata a fare forse uno degli errori piu grandi che potessi commettere: cercare i sintomi su internet.

E così mi sno inoltrata in pagine e pagine che spaziavano da fibromalgia, sclerosi multipla fino ad arrivare alla Sla, mettendomi ovviamente non poco timore.

Nel frattempo i miei sintomi si sono diversificati, il bruciore si è fatto più intenso, come se fossero delle scariche elettriche, ma circoscritto a singoli punti del mio corpo sempre tra gambe, braccia e mani.
A ciò si è aggiunto un senso di stanchezza e una sensazione di rigidità, come se mi dovessi sforzare per usare le mani o avessi dei crampi.
Questa mattina mi sono recata da un neurologo per tentare di capirci qualcosa, dopo analisi del sangue che hanno riscontrato un calo di ferro e una visita dall'ortopedico che non ha riscontrato altro che le possibili conseguenze di un'influenza di cui sono certa di non aver sofferto nell'ultimo anno.

Premetto che sono reduce da una settimana di doppia tachipirina da 1000 prescritta dall'ortopedico che non ha portato benefici alcuni.

Dalla visita di questa mattina, il medico non ha riscontrato alcunché di preoccupante, sottolinenandomi come la visita fosse negativa al 95%, essendo le infiammazioni del sistema nervoso imprevedibili, mi ha suggerito di farmi vedere da uja reumatologo e un farmaco simile a lyrica, invitandomi a prenotare un'ulteriore visita qualora fossero comparsi altri sintomi.

Il medico mi ha evidenziato piu volte la sua quasi certezza che la situazione migliorerà, senza nascondermi che non si può sapere come si evolvera la situazione.

Ammetto di essere non poco in agitazione per questi sintomi, soprattutto alla luce delle scoperte fatte sul web che mi pento amaramente di aver letto.

Ho 19 anni ma spesso mi è capitato di auroconvincermi di soffrire di patologie del tuttto estraneee da me.

È possibile che anche questa volta la mia condizione non sia altro che una conseguenza del mio somatizzare qualsiasi cosa?
Potrebbe essere realmente qualcosa di grave?

Vi ringrazio in anticipo

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

ovviamente è possibile che sia un disturbo psicosomatico anche considerato l’esito negativo della visita neurologica.
Infatti una sintomatologia diffusa difficilmente indica una patologia neurologica che solitamente insorge in maniera più circoscritta.
Escluda la sla di cui non ha nessun sintomo.
Segua le indicazioni del neurologo e veda come evolve.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per il consulto.
Ho dimenticato di aggiungere l'iniziale sospetto del medico neurologo circa una possibile fibromialgia che potrebbe trovarsi alla base del mio malessere che persiste ormai da tempo.
Sottolineo anche come gli arti superiori e gli arti inferiori, con particolare attenzione alle dita delle mani, siano sporadicamente soggetti a delle fascicolazioni fastidiose accompagnare da un tremore al labbro impercettibile esteriormente.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

questi potrebbero essere sintomi ansiosi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buonasera,
Torno a scriverle a distanza di un paio di giorni perché la mia iniziale preoccupazione non ha modo di placarsi, soprattutto alla luce di un nuovo sintomi che si è aggiunto alla lista dei precedenti, vale a dire un malessere generale dato da stanchezza e senso di pesantezza agli arti accompagnato spesso da un calore diffuso nella zona interessata, come se fosse addormentato insomma, nonostante io sia perfettamente in grado di muovermi

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

anche l'insorgere di nuovi sintomi è caratteristico dei disturbi ansiosi, peraltro anche la tipologia di quelli esposti orienta in tal senso.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore,
mi duole doverle rinnovare le mie ansie e paure, tuttavia in data odierna si è, purtroppo, aggiunto un episodio sgradevole a quelli precedentemente elencati.
Prima di recarmi a svolgere un test di ammissione all'università che, mi preme specificare, non destava in me alcuna preoccupazione, ho iniziato a soffrire di un intorpedimento fastidioso al braccio sinistro che, non mi impediva di muoverlo, ma mi rendeva difficoltosa quest'ultima azione.
Al braccio sinistro è poi seguito quello destro accompagnato da una difficoltà a camminare dovuta ad una sensazione di eccessiva stanchezza in queste ultimem
Ammetto di essere, in questo momento e alla luce dei recenti avvenimenti, profondamente preoccupata e ansioss di potermi rivolgere a qualcuno seppur con la paura di un riscontro negativo.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Anche questo potrebbe essere un sintomo ansioso, soprattutto se di breve durata.
Dr. Antonio Ferraloro