Utente
Buongiorno, sono un ragazzo di 35 anni.
Dopo un periodo di forte stress mi sono svegliato 4 giorni fa dopo una notte tormentata da un braccio che sembrava addormentarsi continuamente.
La sensazione di intorpidimento è rimasta presente in modo attenuato per tutta la giornata.
La sera sono stato visto da un amico fisioterapista che mi ha trattato la regione pettorale e scappare (faccio parecchie flessioni ogni giorno e la muscolatura era molto sovraccaricata).
Ero un po’ spaventato perché mi sembrava che la sensazione fosse presente anche sulla mano sinistra.
La seconda notte il formicolio si è ridotto, tornando poi più volte durante la giornata insieme ad alcuni episodi in cui mi sembravano essere interessati anche gli arti posteriori, prima a sinistra poi a destra.
Ho effettuato una visita neurologica negativa, la neurologa mi ha consigliato rm per escludere ernie cervicali.
La mia paura rimane la SM, sono molto ansioso e la cosa sta condizionando le mie giornate, cosa dovrei fare?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la collega neurologa ha consigliato una RM per lo studio del tratto cervicale della colonna vertebrale per escludere problematiche a questo livello.
Riguardo la paura della SM, basta estendere la RM all’encefalo (nella stesso esame RM cervicale) per avere una quadro completo e potere tranquillizzarsi, anche se la visita neurologica negativa è rassicurante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie della celere risposta. Quando il neurologo parla di parentesi a persistente che periodo di tempo considera? Il fatto che ad oggi sia quasi risolta mi deve far star tranquillo?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

certamente, deve tranquillizzarsi considerato che il disturbo è regredito.
Il periodo di tempo varia da un specialista all’altro.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie del vostro servizio. Non deve essere facile confrontare continuamente persone, la maggior parte paranoica, per cui la stimo. Oggi ho la RM cervicale chiederò a questo punto se la possono estendere all’encefalo per tranquillizzarmi. Grazie ancora

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prego.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno, ho eseguito la risonanza magnetica e sono riuscito ad estenderla all’encefalo e alla colonna. Ho scoperto di avere 4 ernie cervicali, una dorsale e una lombare. Grazie di tutto.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Quindi la collega neurologa aveva visto bene, vede che servono le visite?!

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Mi scusi se abuso ancora della sua pazienza, volevo chiederle un ulteriore informazione. La risonanza magnetica senza contrasto evidenzia tutte le lesioni, sia attive che cicatriziali e il contrasto serve per discernere tra le due giusto? Per cui posso essere tranquillo nonostante non abbia fatto il contrasto? Grazie

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Esattamente, con RM encefalica e cervicale negativa può stare tranquillo.
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, mi spiace di disturbarla ancora, sto seguendo un percorso con la psicologa ma aimè non ho ancora il controllo sulla mia ansia che sta davvero limitando la mia vita personale e con la mia famiglia.
Ora ho paura di avere la SLA. Continuo ad avvertire una sensazione di debolezza all arto anteriore sinistro e alla coscia sinistra. Oggi ho provato a fare del movimento ma mi è stato reso impossibile dalla gamba.La sensazione a volte migliora soprattutto sulla arto superiore mentre la gamba mi sembra via via peggiorando, sento un indurimento muscolare a un muscolo della coscia e debolezza.
Al momento faccio tutti i movimenti e non mi sembra ci sia un importante perdita di forza, mi sembra inoltre che i sintomi colpiscano più la parte prossimale della gamba rispetto al piede. Sto impazzendo. Allego il referto rmn. Grazie






Quesito Diagnostico:
parestesie disestesie arti superiori e inferiori
Tecnica D'Esame
Studio dell'encefalo realizzato con sequenze multiplanari pesate in T1, T2*,T2, FLAIR e DWI. Esame del rachide realizzato con sequenze sagittali pesate in T1, T2, STIR e assiale T2* e T2.
Referto
RM ENCEFALO
Normale morfologia e segnale del cervelletto e del tronco encefalico.
IV ventricolo mediano di forma e volume normale.
In sede sopratentoriale non si evidenziano focolai di alterato segnale negli emisferi cerebrali. Ventricoli cerebrali e spazi liquorali periencefalici regolarmente rappresentati.
Non alterazioni della diffusione.
Collateralmente si segnala sinusopatia flogistica cronica mascellare destra.
RM RACHIDE CERVICALE
Rettilineizzazione della fisiologica lordosi cervicale, conservato l'allineamento dei metameri.
A livello C4-C5 presenza di ernia discale posteriore, mediana- paramediana sinistra che determina
marcata impronta sulla superficie ventrale del sacco durale e del midollo spinale.
A livello C5-C6 ernia discale posteriore, paramediana- laterale sinistra impronta la superficie
ventrale del sacco durale e la tasca radicolare di C6 sinistra.
A livello C3-C4 piccola ernia discale posteriore, paramediana destra.
L'ampiezza del canale spinale cervicale è ai limiti inferiori di norma per brevità congenita dei peduncoli e per acquisite alterazioni degenerative. Gli spazi liquorali perimidollari sono ridotti nel tratto compreso tra C3 e C7.
Non alterazioni di volume, morfologia e segnale del midollo spinale. Non alterazioni del segnale RM RACHIDE DORSALE
Conservata la fisiologica cifosi dorsale e l'allineamento dei metameri.
Note degenerative spondilodiscale polidistrettuali.
A livello D11-D12 protrusione discale posteriore, paramediana destra determina lieve impronta epidurale anteriore.
Segni di disidratazione degli altri dischi intersomatici e minime irregolarità osteocondrosiche nei piatti corticali.
Corda midollare normale per segnale, volume e morfologia.
Conservati gli spazi liquorali perimidollari.
RM RACHIDE LOMBOSACRALE
Conservata la fisiologica lordosi lombare e l'allineamento dei metameri.
A livello L4-L5 ernia discale posteriore, paramediana-laterale sinistra che impronta la superficie ventrale del sacco durale ed il recesso laterale sinistro. Note artrosiche nelle articolazioni interapofisarie laterali.
A livello L5-S1 protrusione discale intraforaminale destra oblitera parzialmente il tessuto adiposo nel recesso laterale destro.
L'ampiezza del canale spinale e ai limiti inferiore alla norma, senza evidenza di stenosi focali critiche. Cono midollare normale per posizione, segnale e morfologia.

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la RM encefalica è perfettamente normale.
I reperti riscontrati alla RM della colonna vertebrale, messa maluccio, possono giustificare la sintomatologia descritta, ovviamente ha bisogno della visita specialistica sia per fare visionare direttamente le immagini dell’esame sia per avere una correlazione tra i reperti imaging ed esame neurologico con annessa sintomatologia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Mi scusi se insisto, so di avere un problema a riguardo. Se avessi la sla La debolezza partirebbe dalle mani o dai piedi giusto? Non dovrebbe partire dalle parti prossimali dell’arto (coscia, spalla e braccio). La mia preoccupazione è che non riesco a definire cosa sento, non è dolore, ora non ho più formicolii, è come sentire un fastidio continuo, come gonfiore e non riesco a capire se possa essere debolezza. (Riesco comunque sia a correre sia a sollevare il mio corpo alla sbarra). Grazie

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Lasci stare la debolezza, deve avere impossibilità a compiere un normale movimento.
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
E sugli atti le prime parti colpite sono quelle distali?

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prevalentemente sì ma non è una regola fissa.
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Dottore oggi dopo una passeggiata di breve periodo (1 km circa) sento affaticatissima sia la coscia che il braccio. Li sento strani, non capisco se è un indolenzimento. Posso chiederle sinceramente se secondo lei a cui ho raccontato la mia storia clinica ci sono sintomi riferibili a sla? O se nonostante la rm ci possano essere possibilità di sm?

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La sm è esclusa dalla RM, la sla dalla sintomatologia.
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente
Gentile dottore, mi sono accorto che sotto il minimo sforzo (facendo per esempio gli esercizi che ho sempre fatto) si sviluppano fascicolazioni della coscia sinistra, che si interrompono quando sono a riposo. Può essere legato all’ernia lombare che ho questa cosa? Non riesco a mettermi il cuore in pace.

[#19]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le fascicolazioni possono essere causate sia da discopatie, per es. ernie discali, sia da sforzo fisico.
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente
Gentile dottore, lunedì eseguirò una visita di controllo neurologica. Ieri mi ha visto un fisiatra che nel referto indica un ipostenia dell’anca sinistra. La mi sintomatologia ora è parzialmente migliorata sul braccio, dove rimango un po’ intorpidito la mattina. Il problema è la gamba. Se eseguo uno sforzo anche ridotto la coscia ha frequenti fascicolazioni (che sento in modo minore anche a riposo) fascicolazioni minori le notò anche su altre parti del mio corpo. Se lo sforzo è maggiore invece avverto sensazione profonda (potrei definirla dolore che permane per delle ore). Vorrei chiederle, questi sintomi li può davvero dare l’ernia? A questa domanda il fisiatra mi ha risposto che è difficile sulle fascicolazioni (che secondo lui non sono fascicolazioni ma contrazioni per sforzo muscolare)
La prego di non mandarmi a quel paese, è il mio compleanno e mi sento come se tutto mi crollasse addosso.

[#21]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le discopatie (e l'ernia discale è una discopatia) sono tra le possibili cause di fascicolazione, ovviamente non posso sapere se le Sue siano tali.
Se vuole può farmi sapere l’esito della visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente
La ringrazio vivamente, le girerò sicuramente la visita.

[#23] dopo  
Utente
Mi risponda sinceramente, secondo lei la mia preoccupazione per forme neurologiche sono paranoie dato che ho le ernie? Mi spiace essere diretto ma tutti i medici che sto incontrando (tranne la prima neurologa) instillano quel minimo dubbio che mi sta rovinando la vita.