Sclerosi multipla?

Buonasera, sono una ragazza di 19 anni, qualche mese fa mi piegando la testa in modo abbastanza brusco mi sono accorta di sentire una scossa elettrica che dalla cervicale si propagava agli arti superiori (non lungo la schiena però), arrivava in particolare fino al mignolo e all'anulare e durava circa un secondo, era come se si stirasse un nervo, non so spiegarlo molto bene.
Lì per lì non ho fatto troppo caso alla cosa, anche perchè poi mi è capitato solo un'altra volta.
Cercando diverso tempo dopo su internet però ho trovato che si tratta del segno di lhermitte e che questo può essere uno dei primi sintomi della sclerosi multipla.
Circa tre mesi fa inoltre inizio a sentire un formicolio al tallone destro, questo formicolio non passava in nessun modo e quando stendevo il piede verso l'alto, anche in questo caso sentivo come se tirasse qualcosa internamente.
Passano i giorni e il formicolio inizia ad esserci anche nel tallone sinistro, in determinati momenti si alternavano quindi scompariva da uno e compariva nell'altro e così via.
In altri momenti invece li avevo in entrambi i piedi (questo soprattutto quando avevo le scarpe), erano abbastanza leggeri ma sempre presenti anche se come dicevo, spesso in modo alternato.
Ovviamente cerco su internet i sintomi e la prima cosa che mi spunta anche qui è sclerosi multipla.
Decido di parlare di questa cosa con i miei genitori, ma nessuno presta attenzione, mi dicono che sono esagerata e che non ho bisogno di andare da un neurologo perchè probabilmente passeranno da soli.
Dopo qualche settimana iniziano effettivamente a passare, ma dopo circa 5 giorni in cui non li avevo tornano negli stessi punti in cui li avevo prima.
Comunque, cerco di andare avanti con la mia vita, visto anche che in quel periodo avevo i primi esami all'università e anche in questo caso, dopo qualche settimana passano.
Siccome la cosa non mi ha convinto del tutto, decido comunque di andare da un neurologo, il quale mi dice che la visita è negativa, ma mi prescrive comunque una risonanza all'encefalo.
Ad oggi ho fatto la risonanza che è risultata negativa e sono tornata dal neurologo al quale ho chiesto se potesse trattarsi comunque di sclerosi multipla, lui mi ha risposto che con una risonanza all'encefalo negativa esclude che si tratti di questa malattia, e mi ha dato degli integratori di vitamina B.
Ora, ovviamente io non sono un medico ma cercando su internet (e lo so che lo faccio troppo spesso) ho trovato che per escludere la sclerosi multipla non basta una risonanza all'encefalo, ma deve essere fatta anche al midollo spinale e che il segno di lhermitte è sintomo di una lesione cervicale.
Vorrei sapere lei che ne pensa di questa storia e dei miei sintomi visto che ormai questo non capire di cosa si tratta mi sta generando un'ansia infinita
Cordiali saluti
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 65,9k 2k 23
Gentile Ragazza,

Innanzitutto Le dico che Lei non ha il segno di Lhermitte che in ogni caso non è specifico della SM ma si può manifestare anche per problematiche cervicali, possibili nel Suo caso considerata l'irradiazione agli arti superiori.
Detto questo, Le consiglierei di indagare in tal senso mediante una RM cervicale e lombosacrale vista la sintomatologia agli arti inferiori.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Intanto grazie mille per la risposta, quindi lei pensa che potrebbe anche essere un problema alla schiena? E poi un'altra domanda, la SM può dare formicolii che si alternano tra piede destro e sinistro nel corso della giornata come li avevo io? La cosa che mi preoccupava era che non passavano quindi ho pensato che potesse essere qualcosa di serio. Per quanto riguarda il segno di Lhermitte in effetti non ero proprio certa che il mio lo fosse ma siccome su internet si parlava di scossa ho pensato che la scossa che sentivo io fosse quello. Grazie ancora
Cordiali saluti
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 65,9k 2k 23
Nella sm il formicolio è persistente e sempre nella stessa zona, può estendersi anche in altre regioni ma non nel corso della stessa giornata, peraltro alternandosi.
L’origine lombosacrale e/o cervicale è un’ipotesi a distanza.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa