Utente
Buongiorno sono un uomo di 65 anni che soffre da un pò di mesi di forti dolori al lato destro del viso, in particolare soffro di forti mal di testa che partono dalla tempia e si irradiano in tutto il lato destro del viso sino alla mascella. Da una visita neurologica si è sospettata l' infiammazione del nervo del trigemino, lo specialista prima di fare una diagnosi precisa ha richiesto una RM ENCEFALO senza contrasto ma poi durante l' esame il tecnico a ritenuto opportuno effettuarla anche con il mezzo di contrasto.
Riporto di seguito il referto:l' indagine è stata condotta con sequenze SE e TSE variamente pesate, orientate nei piani ortogonali. Sono presenti multiple piccole lesioni focali, iperintense in FLAIR e T2, localizzate prevalentemente in sede periventricolare, e subcorticale frontoparietale bilateralmente, su base vascolo-ipossica cronica. Sistema ventricolare in asse, regolare per morfologia e dimensioni. Lieve ampliamento atrofico degli spazi liquorali cisternali e dei solchi corticali.
Al momento sono in attesa di un nuovo consulto neurologico ma nel frattempo vorrei avere se è possibile delle delucidazioni, e se necessari a quali altri esami devo sottopormi?
Chiedo un consulto perchè già anni fa avevo fatto una tac cranica ma a queste lesioni (non descritte in modo specifico come stavolta) il mio medico non aveva dato nessuna importanza nonostante io mi lamentassi di questi insopportabili mal di testa e dei problemi alla vista. la ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
tali lesioni sono delle piccole ischemie che si sono ripetute nel tempo. Oltre alla necessaria visita neurologica, le consiglierei un ecodoppler dei vasi epiaortici e gli esami ematici di routine aggiungendo il dosaggio dell'omocisteina, dell'acido folico e della vitamina B12. Le consiglierei pure una visita cardiologica con ECG.
Dovrebbe tenere, inoltre, sotto controllo glicemia, colesterolo, pressione arteriosa, abolire il fumo qualora fumasse, praticare attività fisica e fare una dieta povera di grassi animali.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio di avermi risposto così presto! Farò di certo gli esami che lei mi consiglia ma sono un pò preoccupato in quanto io sono diabetico (non faccio l' insulina) prendo tre pastiglie al giorno di Glucophase, prendo una pastiglia al giorno di Creston per il colesterolo alto, e una pastiglia al dì di Concor per la pressione alta. Inoltre venti anni fa ho avuto l' infarto del miocardio anche se poi non ho avuto più problemi al cuore.
Volevo chiederle a cosa vado incontro con questo tipo di diagnosi?
I miei familiari mi fanno notare che spesso dimentico le cose..cose di cui parliamo ciò che facciamo..io ovviamente non mi rendo conto che ciò accada ma volevo chiederle se crede che questi problemi possano essere causa di queste lesioni o comunque delle conseguenze? La ringrazio ancora.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
come vedo lei è diabetico, iperteso e col colesterolo alto. Inoltre ha avuto pure una cardiopatia ischemica. A maggior ragione le consiglio la visita cardiologica con EEG ed eventuale ecocardio se il cardiologo lo riterrà opportuno. Certamente che i problemi di memoria possono essere una conseguenza del suo stato vascolare cerebrale.
Le RACCOMANDO di tenere il più possibile nella norma i tre parametri sopra enunciati (pressione arteriosa, glicemia e colesterolemia). Quando effettuerà il controllo neurologico, il neurologo certamente le prescriverà una terapia idonea. Suppongo che assuma già terapia antiaggregante o anticoagulante per il pregresso infarto del miocardio.
Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buonasera dottore, penso che nell' attesa di ottenere l' appuntamento con il neurologo farò la visita cardiologica soprattutto perchè mi lascia perplesso il fatto che nessuno mi abbia mai dato un antiagregante o anticoagulante o meglio ricordo allora di aver preso per un breve periodo la cardioaspirina.
Speriamo di risolvere al più presto e di iniziare il prima possibile una terapia adeguata.
La ringrazio ancora una volta.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
tale terapia è fondamentale.
Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro