Utente 399XXX
Salve le scrivo per mio figlio di 5 anni che frequenta l ultimo anno di asilo è un bambino normalissimo ansi e un piccolo genio perché vedendo la sorella fare i compiti da solo ha imparato a scrivere a leggere e riesce a fare le addizioni in mente senza nemmeno l uso delle dita , ha una memoria incredibile riesce ha suonare sul piano forte dopo aver visto solo una volta la sequenza da eseguire in poche parole e piu che normale ha solo un problema a scuola non riesce a parlare si blocca suda e nun gli esce la voce la maestra quando me la fatto notare credevo fosse un capriccio perché non gli e mai andato giu che io me ne andavo e lo lasciavo da solo ma lui mi a spiegato che propio non riesce a parlare che si sente male tutto questo lo spiegato al mio medico curante che mi a detto che si tratta di mutismo selettivo e che dovrei rivolgermi ad uno psicologo , volevo chiedere se e propio necessario ?ho se e possibile che crescendo passi da solo ? Vi ringrazio anticipatamente se vogliate rispondrmi cordiali saluti .Maria

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria De Angelis

20% attività
4% attualità
0% socialità
L'AQUILA (AQ)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
Il mutismo selettivo può dipendere da molti fattori tra cui anche l'assenza di interazioni con persone che non siano i familiari,quindi da una situazione di isolamento sociale della famiglia, ....,ma può dipendere anche da altre situazioni che vanno indagate. Si tratta di uno stato di disagio del bambino che non va trascurato.
Occorre chiedere una consulenza al neuropsichiatra infantile
Cordiali saluti
Maria De Angelis neuropsichiatra infantile psicoterapeuta
Dr.ssa Maria De Angelis
http://www.neuropsichiatra.net/

[#2] dopo  
Dr.ssa Maria De Angelis

20% attività
4% attualità
0% socialità
L'AQUILA (AQ)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
Il mutismo selettivo può dipendere da molti fattori tra cui anche l'assenza di interazioni con persone che non siano i familiari,quindi da una situazione di isolamento sociale della famiglia,ma può dipendere anche da altre situazioni che vanno indagate. Si tratta di uno stato di disagio del bambino che non va trascurato.
Occorre chiedere una consulenza al neuropsichiatra infantile
Cordiali saluti
Maria De Angelis neuropsichiatra infantile psicoterapeuta
Dr.ssa Maria De Angelis
http://www.neuropsichiatra.net/