Utente 404XXX
Buongiorno. Mio figlio, 7 anni il prossimo agosto, commette ancora qualche "errore" nel parlare. Ho notato in particolare che talvolta non pronuncia la R ("guadda" al posto di "guarda"), oppure la S ("quetto" al posto di "questo"), oppure la Z viene spesso pronunciata come una S.
A scuola (1° elementare) le maestre dicono che dal loro punto di vista non ci sono problemi, in quanto il bambino scrive bene per cui le parole vengono elaborate correttamente.
Mi chiedevo se posso ancora aspettare o devo portarlo in visita da un logopedista.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Adelia Lucattini

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Dal momento che il bambino ha sette anni e che potrebbe sentirsi a disagio per questo difetto nella dizione, è senz'altro utile che possa essere visto da un neropsichiatrica infantile o un foniatra e anche da un logopedista, possibilmente che collaborino tra di loro.
Il problema va visto dalla parte del bambino che se pur non avesse alcun problema scolastico, non è da sottovalutare la possibilità che lui senta un disagio o viva la sua particolarità come una diversità rispetto agli alti bambini o come un problema che magari non comunica ai genitori per dar loro un dispiacere.
Inoltre è importante poter valutare se nel l'insieme il problema sia solo di pronuncia o anche di costruzione di parole o frasi.
Talvolta i disturbi di dizione sono isolati, talaltra invece si possono associare anche ad altri disturbi del linguaggio e/o della lettura ad alta voce per cui necessitano di un trattamento.
Dr. Adelia Lucattini.
Psichiatra Psicoterapeuta.
Psicoanalista Ordinario SPI-IPA.Esperta in bambini e adolescenti.Depressione-Disturbi dell'umore.