Utente 837XXX
Salve, sono una ragazza di 22 anni.
Premetto che da un paio di anni soffro di strane pressioni e di pesantezza alla nuca, che ho sempre attribuito alla mia cervicale.
da una settimana avverto un dolore fisso alla parte sinistra della testa, un pò più sopra e un pò più a destra dell'orecchio sinistro e in generale pesantezza alla testa. il dolore è fastidioso, a momenti è più debole, a momenti più acuto, ma c'è sempre. prima che si scatenasse il dolore ricordo che ho avvertito improvvisi formicolii in quella zona.
due giorni fa mi sono recata al pronto soccorso in quanto ho avuto anche un episodio di aura visiva (di cui avevo sofferto un paio di volte qualche anno fa). essendo il dolore alla testa sempre più forte, hanno deciso di farmi una flebo (che non ha risolto il dolore) e una tac.
la tac è negativa, ma ha evidenziato una tenue iperdensità del tentorio e che eventualmente si doveva fare un'altra tac dopo 24 ore.
la neurologa che era intervenuta aveva detto che non ho nulla e che potevo andarmene, la dottoressa di turno al pronto soccorso invece aveva detto che un'altra tac è necessaria e di tornare il giorno dopo.
sono tornata dopo 24 ore e ho chiesto consiglio a un neurologo dell'ospedale, che ha detto di aspettare ancora un giorno, oggi, (perchè due tac sono comunque pericolose) e che se stavo meglio era inutile rifarla.
oggi, appena sveglia, il dolore mi sembrava minore rispetto a ieri, così ho deciso di non fare la tac stamattina, ma ora il dolore è tornato come sempre. sono disperata, non so cosa fare, non so che pensare, nessuno mi sa dire di preciso quello che devo fare.

secondo voi è necessario fare un'altra tac?
e, soprattutto, cosa significa questa tenue iperdensità del tentorio???

a chi mi posso rivolgere???

vi prego di rispondermi al più presto, non so come comportarmi e il dolore non passa.
grazie per il servizio che fornite.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il tentorio è una membrana che separa due parti interne del cervello e precisamente gli emisferi cerebrali dal cervelletto e dal tronco cerebrale. Una tenue iperdensità potrebbe anche non avere significato clinico o potrebbe significare un problema di ossigenazione (sono soltanto due ipotesi possibili). Non vedendo l'immagine comunque non si può dare un parere attendibile. Le consiglio di seguire l'indicazione data, cioè ripetere la TC.
Un parere più autorevole sulla TC può darla comunque il neuroradiologo.
Comunque stia tranquilla.
Mi tenga aggiornato, se vuole.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 837XXX

Buonasera,
la ringrazio di cuore per aver risposto e per essere stato così veloce.
Riguardo il possibile problema di ossigenazione, forse è possibile escluderlo perchè poco tempo fa il mio medico di famiglia mi pare che me la misurò(mi fece mettere un dito in una "scatoletta"), visto che ogni tanto mi vengono delle extrasistole.
prima della tac comunque avevo avuto degli attacchi d'ansia e panico per l'aura visiva, non so se può essere influente.
La aggiorno non appena ripeterò la tac e parlerò anche con un neuroradiologo.

Le auguro una buona serata

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, mi tenga informato se Le farà piacere.

Cordialmente Le invio i migliori auguri.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signorina,
Noto solo ora il quesito e visto che è già trascorso un po' di tempo, sono io a chiederLe gli esiti dei controlli effettuati.
Mi auguro che tutto sia andato per il meglio.

Mi permetto però di integrare i pareri precedenti, osservando che una iperdensità del tentorio, in una giovane donna (per la quale si può escludere una calcificazione dello stesso), deve essere molto attentamente valutata, soprattutto in relazione alla sintomatologia cefalalgica riferita, per escludere piccoli screzi emorragici.

Cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#5] dopo  
Utente 837XXX

Buongiorno,
grazie anche a lei per l'intervento.
In questi giorni non ho scritto nulla perchè aspetto di farmi leggere le lastre approfonditamente e di farmi fare una visita neurologica completa (fissata a fine mese).
Aspettavo questo esito per scrivervi.
Per quanto riguarda il dolore alla parte sinistra della testa, per fortuna è passato: ho fatto una visita dall'osteopata che mi segue per i problemini alla schiena e mi ha detto che la causa era un nervo che partiva dal collo. In effetti ora non ho più quel dolore.
Il problema sono le pressioni che sento ormai da due anni alla nuca quando faccio le scale, mi alzo dalla sedia, a volte anche quando cambio posizione. Queste pressioni sono accompagnate anche da un'accelerazione dei battiti del cuore e difficoltà a respirare, come se mi strozzassero.
Poco tempo fa feci tutte le visite possibili al cuore, ho portato anche l'holter, ma non hanno trovato nulla. quindi il problema credo sia nella testa.
Mi sono rivolta a vari medici, i quali mi hanno sconsigliato di fare una seconda tac visto che il dolore che prima avevo era cessato.
Però sono preoccupata, non mi sento benissimo...quando avverto quelle pressioni (non saprei come definirle esattamente) sembra che mi esploda la testa (tutto nell'arco di pochi secondi, ma anche a ripetizione). In più ho avuto anche un altro attacco di aura visiva senza cefalea, ma subentrata dopo l'attacco.

Molto preoccupata, aspetto di fare la visita...

Grazie per il supporto che mi date. Appena ho novità vi aggiorno sicuramente.

Grazie di cuore, buonagiornata.



[#6] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
mi permetto di dissentire da chi Le sconsiglia di ripetere una TAC di controllo.
Tale esame, a mio parere, va effettuato per valutare se quella iperdensità del tentorio, a suo tempo evidenziata, è ancora <visibile>.
Poi su l'opportunità di proseguire con ulteriori accertamenti dovrebbe decidere lo specialista a seguito di una accurata visita neurologica.

Cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#7] dopo  
Utente 837XXX

Questo pomeriggio mi recherò di nuovo all'ospedale, mi hanno detto di parlare con una dottoressa, spero che mi faccia fare questa tac.
mi dovete scusare, ma c'è una gran confusione su cosa fare.

Vi aggiorno al più presto.