Utente 170XXX
Gentilissimi, ho 25 anni ed è da circa 6 mesi che soffro di una fastidiosissima sensazione di instabilità con acufeni associati (inizialmente continui, ora non continui ma frequenti).

In particolare il tutto è iniziato con degli acufeni una sensazione di giramento di testa soggettivo ed una "ipersensibilità" ai rumori. L'acufene era una sorta di fastidio durante la giornata (sopportabile), ma se mi recavo in un posto molto rumoroso impazzivo e mi rimbombavano tutti i suoni e le orecchie. Con il passare del tempo l'acufene si è fatto più insistente e facevo fatica a concentrarmi su ciò che avveniva direttamente intorno a me, in quanto il fischio mi portava ad essere concentrato sui rumori lontani (es macchina che passa per la strada ecc).

Circa due mesi fa sono andato in vacanza per 3 settimane al mare ed ho iniziato a fare dei risciacqui nel naso con acqua e sale, soffiando il naso in modo molto intenso e l'acufene mi sembra diminuito, anzi, a volte non lo sento neanche la sera, tuttavia mi è rimasta la sensazione di instabilità, stanchezza ed ultimamente (da circa 1 mese) anche di fastidio alla vista. In particolare quando soffio il naso sento una sensazione di continuo stappamento delle orecchie e quando deglutisco spesso sento dei click. Inoltre ho un forte mal di testa pressochè continuo nella zona frontale e vicino agli occhi.
Ho inoltre notato che nel momento in cui la sensazione di instabilità e il mal di testa sono elevati tappandomi un orecchio con il dito sento l'acufene molto intenso, mentre quando sto bene l'acufene non lo sento per nulla.
Andando in moto o in bicicletta inoltre il rumore del vento lo trovo molto fastidioso e infilando il casco l'acufene è più intenso.

Al momento ho effettuato le seguenti visite:
-Risonanza magnetica con e senza contrasto da cui si è evidenziato unicamente una piccola ciste nella zona mandibolare destra.
-Esame audiometrico e di fuzionalità tubarica in cui tutto è nella norma
-Rinofibroscopia tutto nella norma
-Esami del sangue tutto nella norma.

Sin da piccolo ho sofferto di mal di orecchio molto intenso quando mi recavo in piscina, da circa 4 anni però non mi è più venuto. L'acufene ha iniziato a manifestarsi dopo 2 mesi di piscina ininterrotta per circa 2 mesi. Spesso dopo la piscina accusavo una sensazione di fastidio alla schiena e al collo, ho anche pensato ad una contrazione, ma da 4 mesi non mi reco più in piscina.

Dato che tuttavia gli esami dall'otorino non hano evidenziato nulla potrebbe essere qualcosa di neurologico? Ci sono altri esami oltre la risonanza magnetica che potrei fare?

Grazie mille per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Che tipo di risonanza magnetica ha effettuato....RM encefalo, RM orecchio, RM seni paranasali?
Dr. Eytan Raz

[#2] dopo  
Utente 170XXX

RM encefalo.

Aggiungo che la sensazione di orecchie tappate è associata anche ad una sensazione di liquido nelle orecchie.

Grazie per la risposta.

[#3] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
I sintomi da Lei descritti non sembrano ad origine dal sistema nervoso centrale, cioe' dal cervello, soprattutto in relazione alla negativita' della RM encefalo. Un esame che potrebbe essere utile e' la "TAC orecchio". Consiglio tuttavia di effettuare prima una visita specialistica con un otorinolaringoiatra.
Dr. Eytan Raz

[#4] dopo  
Utente 170XXX

Gentilissimo,

un ultima domanda: la RM che ho fatto permette di vedere anche i seni paranasali? E' da 2 o 3 giorni che ho frequenti annebbiamenti alla vista e che ho la sensazione di "muco" nelle orecchie e naso tappato è aumentata.

Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Gentile Utente-
Con la RM encefalo si visulizzano parzialmente i seni paranasali, ma non essendo l' esame incentrato su di essi, non si possono ottenere informazioni dettagliate. Per fare un esempio, è come se fossero preenti nella fotografia ma non fossero messi a fuoco.
Per studiare i seni paranasali, altra possibile causa dei suoi sintomi, l' esame consigliato è la "TAC seni paranasali", che viene effettuata senza mezzo di contrasto.
Dr. Eytan Raz