Utente 972XXX
Salve dottori, non so se questa è la sede giusta ma credo di si, nel caso mi sia sbagliato spero lo stesso che mi possiate dare una risposta alla domanda che sto per porvi.

Da molti anni forse una 10, ho un bozzo in testa "quasi al centro-un pò più a sinistra (tipo bernoccolo) che non è mai andato via ne tanto meno è aumentato di volume. Ho fatto anche 2 RMN nell'arco di 1 anno al Cranio proprio in virtù di questo bozzo ma nelle quali non è stato riscontrato nulla.
Però personalmente riguardando le lastre della RMN noto dalle varie figure che proprio detto volgarmente, sul perimetro del cranio si evince questo bozzo, quindi la forma del cranio cambia con questa piccola curva... scusate per l'assenza di terminologia medica... ma spero di essere stato al quanto esaustivo.
Ora dato che nessuno mai mi ha detto cosa potesse essere, volevo sapere cosa fare? ma soprattutto secondo la vostra esperienza cosa potrebbe essere? Un aneddoto che io associo sempre è che molti anni fa, giocando una parrtita di pallone presi due colpi molto forti tra pallonate etc... proprio in testa e ricordo che mi fece male per un bel pò questo punto... purtroppo all'epoca non dieti molto risalto a questo dolore e solo dopo mi accorsi di avere questo bernoccolo o bozzo... pensando che poi passasse da solo non gli diedi conto trovando ancora oggi con questo bozzo in testa.

ps. Vorrei allegarvi anche una foto della RMN dove si evince questa curvatura ma non so se è possibile. comunque in attesa di una gradita risposta, porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non è possibile inviare immagini di esami diagnostici.
Il problema è esterno al cranio, pertanto di non competenza neurologica.
Si rivolga ad un chirurgo plastico o ad un chirurgo generale.
Ipotesi diagnostiche? Cisti, lipoma, altro....non è possibile stabilirlo on line.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro