Utente 164XXX
buonasera sono una signora di 53 anni e vivo a napoli sono affetta da 2 anni da una forma di congiuntivite cronica anche se in questo momento il mio medico mi ha prescritto una cura per una congiuntivite allergica, dovuto dal fatto che spesso ho formicolii nel naso e mi gocciola ed ho prurito agli occhi....però questo problema si verifica in tutto l'anno...ho preso diversi farmaci tra cui il cortisone DEXAMONO,NAAXIA per l'allergia, e pure diversi antistaminici tutti con scarso risultato. come dovrei fare per risolvere questo problema che mi affligge tanto???? sapete consigliarmi un buon farmaco oppure il migliore oculista di Napoli??? in attesa di una risposta, porgo cordiali saluti..

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
un farmaco va prescrittoi
dopo una visita medica...

mentre a napoli trova il nostro
dott ANTONIO PASCOTTO
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 164XXX

ho fatto diverse visite mediche ed assunto tanti farmaci, e già ho avuto pareri da 4 oculisti di napoli, ma nonostante mi dessero una cura specifica nessuna ha sortito l'effetto sperato, voglio domandare cos'altro devo fare, veramente sto scalando mari e monti ma non riesco a risolvere il problema. ora non riesco a capire se devo restare così a vita o magari non ho trovato il medico adatto e soprattutto che mi dia la cura più giusta..... chi lo sa è un enigma?????? spero che in voi possa trovare risposte che mi possano aiutare... grazie mille... buonasera

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
le allego un appunto sulla congiuntivite allergica
ma il suo quadro clinico deve essere approfondito semeioticamente con una visita.

la Congiuntivite Allergica è legata spesso ad una reazione ai pollini, agli acari della polvere, al pelo di animali domestici ed all’aria delle nostre città sempre piena di polveri sottili e di smog.
Questo tipo di congiuntivite si presenta con occhi rossi,

prurito incessante, lacrimazione copiosa, fotofobia marcata e bilaterale che sono sintomi costanti ed esaltati alla esposizione agli allergeni.

La congiuntivite allergica è caratterizzata dalla marcata secrezione sierosa, solo a volte vi è una sovrapposizione batterica e compare anche i secrezione purulenta.
La congiuntivite allergica è caratterizzata dal forte prurito e dal gonfiore delle palpebre e dalla chemosi congiuntivale.
Nella forma Vernal , primaverile o giganto – papillare è patognomonica la presenza delle papille congiuntivali tarsali ipertrofiche disposte ad “acciottolato romano”,
come le antiche strade di Roma. A volte tra queste papilla si possono riscontrare tracce di muco, secrezione purulenta e nelle Donne addirittura depositi pigmentati legati all’uso di cosmetici : tale fenomeno è conosciuto con il nome di
“tatuaggio congiuntivale”

L'arrossamento oculare e il prurito interessanoi sempre entrambi gli occhi e sono accompagnati da intensa lacrimazione.
.

Sovente, nelle donne la causa è da ricercarsi in un'intolleranza ai prodotti per truccare e struccare gli occhi e ai cosmetici in generale, compresi quelli definiti ipoallergenici.
La semplice sospensione dell'applicazione del cosmetico irritante consente di ottenere il miglioramento dei sintomi.

TERAPIA
Evitare o ridurre al minimo il contatto con l'allergene, laddove però si riesca ad identificarlo , se invece si riusciti ad identificare l’allergene o gli allergeni si procederà a una vaccinoterapia specifica sotto la guida di un buon medico allergologo.
La terapia di una congiuntivite allergica , soprattutto del tipo primaverile o gigantopapillare (Vernal conjunctivitis) è sempre di competenza del medico oculista .
La terapia locale che in genere suggerisco si base su prodotti fondamentali
- colliri cortisonici
- colliri antistaminici
ma va iniziata ampiamente prima dell’inizio della Primavera o dell’esposizione prevista all’allergene o al polline.
In genere i miei piccoli pazienti cominciano la terapia
Il 15 febbraio con una settimana di un collirio cortisonico con un antibiotico di
“copertura” va benissimo ad esempio
la tobramicina associata al desametasone
la posologia è una goccia di collirio per 4 volte al di per una settimana
poi invece si passa ad un collirio antistaminico
qui la posologia cambia a seconda della molecola, ma il periodo di trattamento deve essere di almeno 4-5 mesi.
Ad ogni buon fine mai e sottolineo mai, ricorrere anche in casi urgenti ai prodotti di libera vendita e molto pubblicizzati che associano antistaminici e vasocostrittori, ma
se si utilizzano di lenti a contatto , sospenderne immediatamente l’ uso ,
sospendere immediatamente i trucchi ed i cosmetici in generale (fondo tinta, creme, tonici)
mettere lacrime artificiali meglio se monodose anche 1 goccia ogni mezzora
lavare gli occhi con acqua ghiacchiata o
addirittura applicare un cubetto di ghiaccio sugli occhi

L'approccio ad una congiuntivite primaverile
deve poi avere sempe un approccio medico multidisciplinare
- specialista allergologo
- specialista immunologo
- specialista pediatra e specialista oculista.


SUMMARY :



The eye is the organ of sight, a nearly spherical hollow globe filled with fluids . The outer layer or tunic (sclera and cornea) is fibrous and protective. The middle tunic layer (choroid, ciliary body and the iris) is vascular. The innermost layer (the retina) is nervous or sensory. The fluids in the eye are divided by the lens into the vitreous humor (behind the lens) and the aqueous humor (in front of the lens). The lens itself is flexible and suspended by ligaments which allow it to change shape to focus light on the retina, which is composed of sensory neurons.Vernal conjunctivitis is swelling of the outer lining of the eyes due to an allergic reaction.Vernal conjunctivitis often occurs in people with a strong family history of allergies. It is most common during the spring and summer.The condition causes itchy, watery eyes. The underside of the eyelids may become rough and covered with bumps and a whitish mucus. The area around the cornea where the limbus may become rough and swollen. If this swelling and roughness moves over the cornea, it may cause scarring and decreased vision.
Symptoms
• Burning eyes
• Discomfort in bright light photophobia
• Itching eyes
• Watering eyes
Avoid rubbing the eyes, because this can irritate them more.Cold compresses (a clean cloth soaked in cold water and then placed over the eyes) may be soothing. The health care provider may prescribe topical corticosteroids to reduce the inflammation. Cromolyn sodium or antihistamine drops may also be prescribed.The condition continues over time, and gets worse during certain seasons of the year. Treatment may provide relief.
Complications
Continuing discomfort ,Reduced vision,Scarring of cornea
Prevention
Using air conditioning or moving to a cooler climate may help prevent the problem from getting worse in the future.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333