Utente 192XXX
Buongiorno a tutti,
vivo e lavoro fuori dall'Italia, in una piccola città nel centro dell'Europa.
Ho circa 40 anni, e da sempre sono molto miope (-7.5 os -6.25 od) ma non ho mai avuto particolari problemi e ho sempre fatto visite ogni 2-3 anni. Durante una visita di controllo un paio di mesi fa, l'oftalmologo aziendale mi ha trovato una zona fragile (periferica) nella retina dell'occhio sinistro e mi ha consigliato di farmi vedere da uno specialista.
Così ho fatto dopo un mesetto, e il risultato è stato che le zone fragili erano diventate 2 (sempre periferiche)... mi è stato consigliato il laser preventivo senza troppe spiegazioni (i dottori qui non "perdono tempo" a tranquillizzare il paziente, purtroppo) dicendomi che comunque è un'operazione di totale routine.
Ho eseguito l'intervento, e ho chiesto che precauzioni avrei dovuto prendere. Risposta: vai tranquillo, nessun problema, puoi tranquillamente volare (io viaggio molto spesso in aereo).
La settimana successiva alla visita di controllo, la sorpresa: vicino ad una delle zone trattate si era formato un foro! Ho quindi ricevuto un secondo trattamento il giorno stesso.
Ovviamente ora sono estremamente preoccupato: è possibile che l'intervento sia stato fatto in modo superficiale? Capita spesso una situazione del genere? Fra qualche giorno ho ancora un controllo: che faccio se il problema si ripresenta ancora (ovvero, quante volte si puo' intervenire con il laser in un lasso di tempo così ridotto)?
E' vero che posso tranquillamente continuare a volare anche subito? E soprattutto, cosa devo aspettarmi nel futuro come decorso?
Stavo comunque pensando, come ho fatto in altri casi, di farmi vedere anche in Italia visto che ho ancora famiglia e casa nella zona di Milano.

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, può succedere che magari per fenomeni microtrattivi locali si possa formare un foro, è giusto trattarlo come hanno fatto non deve avere precauzioni particolari, tranne compiere grossi sforzi, può volare. Faccia dei controlli peridici e stia tranquillo.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 192XXX

Grazie della risposta, lei è stato molto gentile.
Siccome la dottoressa mi ha solo detto che ho la retina molto sottile, la mia paura è quella di doverne fare tanti di trattamenti laser... e non capisco fino a che punto si possa arrivare.

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Non è detto che debba farne altri, e comunque di norma i i trattamenti laser su retina periferica non comportano problemi per quantità degli stessi.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#4] dopo  
Utente 192XXX

Buonasera,
approfitto della vostra gentilezza per un ulteriore chiarimento.
A 4 settimane dall'intervento laser, ho ancora un bel po' di disturbi saltuari alla visione periferica dell'occhio trattato. Praticamente vedo tremolii e leggeri bagliori in un angolo... il fenomeno è praticamente assente di mattina e di sera, ma si accentua nel pomeriggio specialmente se sono al lavoro.
Ho già fatto 2 visite di controllo (una nella clinica dove ho fatto il laser, una seconda per sicurezza anche a Milano) ma non sono stati evidenziati nuovi problemi retinici.
Cosa puo' essere quindi? Qualcosa legato al processo di cicatrizzazione? Ma dopo 4 settimane non è ancora terminato?

[#5] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, il processo di cicatrizzazione con pigmentazione dell'area trattata può durare anche più di 4 settimane,i suoi possono essere dei fenomeni normali tanto più che ben due visite hanno dimostrato che non ci sono problemi particolari.

cordialità
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo