Utente 185XXX
Buonasera,
Vorrei sapere se il cheratocono dopo i 40-45 anni tende di più a fermarsi del tutto o solo a rallentare la sua evoluzione.
Magari l'evoluzione potrebbe diventare talmente lenta che per arrivare a uno stadio avanzato potrbbe impiegarci 300 anni, ma potrebbe anche diventare stabile nel vero senso della parola?
Nel secondo caso, cioè se si potrebbe pensare anche a una vera stabilità, si potrebbe anche pensare di eliminare la necessità di occhiali e lac con il cross linking e a un certo momento l'impianto di lenti fachiche?
(visto che il laser è controindicato in presenza di cheratocono)
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, riguardo alla progressione del cheratocono ogni caso è un caso a se, per stabilire la progressività della malattia può essere utile studiare il trend che la stessa ha avuto negli anni, ma può non bastare, il cross linking non guarisce il cheratocono può semmai rallentarne l'evoluzione, in linea di massima l'impianto di lenti fachiche è possibile (per la miopia), ma per l'astigmatismo elevato sarebbe sempre necessaria una correzione ottica tradizionale .

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 185XXX

Buonasera dottore,
La ringrazio molto per la sua celere risposta,
Ceratmente ogni caso è un caso a sè, ma intorno ai 40-45 anni la progressione il più delle volte dovrebbe arrestarsi del tutto?
Spesso si sente questo.
Avevo sentito che le lenti fachiche (in particolare toriche) possono correggere anche gli astigmatismi, anche irregolari.
Non è così?
Non essendo oculista potrei anche sbagliarmi, perciò chiedo a lei.
Spero in un suo chiarimento.
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
No, non si sbaglia, ma molto dipende dall'entità dell'astigmatiso de dalla situazione corneale, occorre fare un valutazione preoperatoria accurata e stabilire la fattibilità dell'intervento.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo