Utente 270XXX
Buongiorno gentili dottori. Da un mese a questa parte ho difficoltà nel mettere a fuoco gli oggetti sia vicini che lontani,ma in particolar modo quelli lontani. La settimana scorsa ho fatto una visita oculistica che mi è sembrata molto accurata alla fine della quale mi sono stati prescritti degli occhiali a permanenza. I risultati della visita sono: occhio destro cil -1 asse 180; occhio sinistro sf +0,25 cil -1 asse 165. Porto gli occhiali da quasi una settimana ormai e indubbiamente vedo molto meglio anche se comunque mi ci vuole sempre qualche secondo per mettere a fuoco. Mio marito che porta gli occhiali da molto tempo dice che è normale perchè l'occhio si deve ancora abituare. Il fatto è che da un paio di giorni la vista non mi sembra nitida come prima e ho un gran bruciore e rossore agli occhi,sento gli occhi molto stanchi e a fine giornata ho le palpebre un pò gonfie. So che è difficile valutare il caso a distanza ma in attesa di una nuova visita chiedo un vostro parere. E' possibile che l'oculista abbia sbagliato a prescrivermi gli occhiali e per questo l'occhio si sta sforzando di più e questo mi provoca i sintomi sopra descritti? O semplicemente mi devo ancora abituare agli occhiali? Grazie in anticipo per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
potrebbe non sopportare la correzione astigmatica completa.
In questo caso dovrebbe diminuire il potere delle lenti.

Potrebbe essere invece sbagliato l'asse dell'astigmatismo.

In alternativa potrebbe aver contratto una congiuntivite e gli occhiali sono corretti.

Senta il suo Medico Oculista

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 270XXX

Grazie mille per la risposta dottore. Saluti