Utente 310XXX

Buonasera,
È da qualche giorno che mi si appanna l'occhio sinistro, ho pensato fosse dovuto al fatto che sto studiando molto e che passo tante ore davanti al pc, ma questa notte mi sono svegliato con l'occhio completamente appannato, dopo un'ora vado al pronto soccorso dove mi visitano con uno strumento facendomi appoggiare il mento su un supporto.

Mi dicono che ho l'occhio molto secco e quasi scocciati per avergli fatto perdere tempo mi danno delle gocce per lubrificarlo. Oggi è come se avessi un fastidio localizzato attorno alle ciglia, la visione non è perfettamente nitida, ma neanche appannata, vedo dei riflessi quando guardo gli oggetti, ma riesco a leggere a distinguere perfettamente le cose.

Essendo io ansioso sono subito andato su internet per vedere le cause e citavano cose gravissime tra cui la sclerosi multipla e tumori. Adesso sono davvero in ansia, di cosa potrebbe trattarsi? La diagnosi fatta al pronto soccorso è da prendere in considerazione?
Cordiali saluti

ps: sono andato a guardare il referto e dice con esattezza riduzione film lacrimale con lieve iperemia congiuntivale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Pagliara

24% attività
0% attualità
12% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SALERNO (SA)
POTENZA (PZ)
BARONISSI (SA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Assolutamente si. La secchezza oculare spesso è dovuta ad un uso eccessivo del pc, e determina una riduzione della vista, spesso transitoria, che appare "appannata". Il film lacrimale ha la funzione di proteggere l'occhio, lubrificandolo, ma ha anche una funzione diottrica, cioè di consentire una corretta messa a fuoco. Di solito ammicchiamo (apriamo e chiudiamo gli occhi) ogni 7-10 secondi, per lo più automaticamente. Quando si sta per molte ore al pc, si tende a ridurre la frequenza dell'ammiccamento. In tal modo si riduce il film lacrimale, che tende a "rompersi" prima del dovuto. L'occhio è costretto a continue variazioni di messa a fuoco, per sopperire all'instabilità del film lacrimale, con conseguente sforzo accomodativo ed appannamento visivo. I colliri appartenenti alla categoria delle lacrime artificiali, offrono un valido aiuto per risolvere la sintomatologia.
In conclusione, può stare tranquillo. Utilizzi spesso il collirio e, se lo ricorda, ogni tanto, tenga chiusi gli occhi per alcun secondi. Inoltre, ogni due ore, sospenda l'attività al computer, alzandosi e guardando lontano, per rilassare i muscoli dell'accomodazione (una specie di strechting visivo), come è riportato anche dalla legge 626 per i videoterminalisti, che hanno diritto a dieci minuti di riposo dal VDT ogni due ore. In tal modo, risolverà il suo problema.
Cordiali saluti
Dr. Vincenzo Pagliara
Medico Chirurgo
Specialista in Oculistica

[#2] dopo  
Utente 310XXX

La ringrazio dottore,
ho iniziato la cura, ma i disturbi non diminuiscono, ma forse dipende dal fatto che sono solo de giorni. Stamattina mi sono svegliato e appena aperto gli occhi vedevo appannato, mi è successo anche questa notte. È normale?
Anche durante il giorno ho una sensazione strana, però è anche vero che mi ci sono un po' fissato e ci penso sempre.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Pagliara

24% attività
0% attualità
12% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SALERNO (SA)
POTENZA (PZ)
BARONISSI (SA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
È normale. La cura e' appena iniziata e la secchezza oculare e' più accentuata di notte e al mattino appena svegli, perché con gli occhi chiusi c'è minore ossigenazione dell'occhio ed aumenta anche la secchezza oculare (per il periodo prolungato senza ammiccamento). È' umano essere un po' apprensivi, ma con un po' di pazienza il suo problema si risolverà, grazie alla terapia appropriata. Per aggiornamenti sono a sua disposizione.
Dr. Vincenzo Pagliara
Medico Chirurgo
Specialista in Oculistica