Utente 188XXX
Volevo sapere come comportarmi in merito a questo tipo di mio problema perché due oculisti mi hanno dato due pareri discordi .
Circa 3 anni fa mi accadde di avere un emoraggia in un occhio , andai al pronto soccorso , mi venne detto che era un capillare rotto , che non era nulla di nulla ( in realtà mi venne detto che se avessi avuto un livido in una gamba non sarei mica andata al pronto soccorso a farmelo vedere ) e di non far nulla che sarebbe passato da solo e che probabilmente era successo perché avevo fatto un qualche tipo di sforzo ; poiché l' occhio continuava a peggiorare , il giorno seguente , andai a pagamento a fare una visita oculistica e , visitandomi , mi disse che non era un capillare rotto , ma che avevo una varice che si era scoppiata e che avrei dovuto mettere un collirio 3 volte al giorno per 15 giorni perché la varice stava ancora sanguinando .
Da allora mi è successo altre due volte e ieri l' altro di nuovo .
Tengo a precisare che sforzi non ne ho fatti visto che sono andata a dormire che non avevo nulla e mi sono svegliata in piena notte con un forte dolore all' arcata sopraciliare e alla tempia , per cui sono andata a guardarmi allo specchio e ho visto una piccola emoraggia a sinistra . La sera seguente sono andata a dormire e la situazione era praticamente invariata ma , quando mi sono alzata la mattina seguente l' occhio era , appunto completamente rosso di sangue e il dolore continua a persistere .
Ora , vorrei sapere ,sempre se è possibile , se devo mettere o meno un collirio e se sì quale ( non trovo più la ricetta dell' oculista che me lo aveva prescritto , ma sopratutto ( visto che io ricamo e vendo le cose che ricamo ) se posso fare qualcosa per evitare questo " inconveniente " e quali possono essere le cause escludendo uno sforzo fisico o colpi di tosse o cose simili , visto che mi è successo tutte le volte di trovarmi l' emoraggia al mattino alzandomi dal letto .
Grazie mille e buon lavoro .

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
una emorragia sottocongiuntivale e’ spesso legata ad una alterazione della parete vascolare
(fragilita’) ed ad uno sbalzo pressorio, per cui se vuole evitare che le emorragie si ripresentino deve consultare
un buon cardiologo per verificare la pressione arteriosa

ed un buon ematologo per controllare i fattori della coagulazione,

si ricordi che gli occhi sono , come si suol dire , lo specchio dell’anima, ma anche un CAMPANELLO D’ALLARME per molti accidenti CARDIOVASCOLARI.
in bocca al lupo
suo DOC
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 188XXX

Quindi , se lego questo fatto , al fatto che una settimana fa , mentre stavo facendo un mercatino , mi son sentita male , son diventata pallidissima , freddissima e son svenuta per qualche minuto ...........
Io ho un esenzione per encefalopatia vascolare ed ho varie soffenze parenchimali in varie parti del cervello e prendo regolarmente la cardioaspirin nonostante abbia il colesterolo basso ( però a volte ho l' omocisteina alta per cui faccio cicli di cure di vitabina b12 e folina ) ; quello che mi da da pensare però è che io , tendenzialmente , non ho la pressione alta , ma bassa .
Attualmente , il mio medico curante , mi ha consigliato di fare una risonanza magnetica alla testa ; io le avevo chiesto se fosse il caso di fare un ecocardiogramma ma lei ha detto di no e io , a pagamento , non me lo posso proprio permettere , ho difficoltà a pagarlo anche avvalendomi della sanità pubblica .
Comunque , grazie mille dell' in bocca al lupo, della risposta risposta e buon lavoro .