Utente 441XXX

Buongiorno, scrivo per un Vs illuminato parere in merito alla possibilità di riprendere attività sportiva interrotta dopo la vitrectomia subita per distacco di retina periferico al quadrante inferiore destro dell'occhio destro. Ho quasi 44 anni e, lo scorso anno, prima della vitrectomia subita a novembre, a giugno, ero stato sottoposto a intervento con femtolaser per rimozione di cataratta precoce ad occhio destro, impianto di IOL multifocale con correzione totale della miopia accentuata e lettura a media distanza. Dopo un mese di rigorose precauzioni suggerite, ho ripreso le normali attività della vita quotidiana. Dopo due mesi di visione ottimale, ad inizio settembre accuso dei flash proprio all'occhio destro, che sento secco ed appiccicoso e, dopo qualche ora, la visione in occhio destro era costellata di puntini neri e bollicine. Corro dall'oculista che diagnostica un "collasso" del vitreo dell'occhio destro, mi prescrive di bere molto, assumere integratori, stare a riposo e controlli ravvicinati. Nella seconda metà di ottobre, il medico mi dice che la retina non presenta più aree di trazione e che posso riprendere una vita normale. Riprendo ad allenarmi in palestra, bevendo sempre molto (2 litri d'acqua) durante gli esercizi per non disidratarmi. Dopo un circa mese, al controllo programmato, l'oculista riscontra il distacco della retina nel quadrante periferico inferiore destro in occhio destro e, dopo 48 ore trascorse a riposo, dormendo, come raccomandatomi, con la testa sollevata prevalentemente inclinata a sinistra, vengo sottoposto a vitrectomia in microchirurgia oculare (a 25 gauge se non erro) ed immissione di C2F6 puro. L'intervento riesce perfettamente dice il chirurgo, seguono 24 ore di postura a faccia in giù e 10 giorni sul fianco destro, controlli ravvicinati e, dopo un mese, laser ambulatoriale per rinforzare la zona operata. Oggi leggo10 decimi e bene, anche da vicino; patisco solo una sensazione di abbagliamento in presenza di luce bianca o giornate uggiose e una sorta di piccola nuvola di vapore acqueo che oscura un pò la visione nel quadrante inferiore sinistro guardando in alto a destra, conseguenza di qualche residuo di vitreo, dice l'oculista che, un mese fa, confermando la guarigione, fissando prossimo controllo a fine aprile, mi ha autorizzato a riprendere una vita normale, anche lo sport e la palestra. Nessun problema in occhio sinistro, solo miopia (-5) corretta con lenti a contatto morbide e un inizio di cataratta. Questo il quadro, spero abbastanza dettagliato, alla luce del quale, consapevole di opinioni differenti in proposito, alla luce dei più recenti studi, chiedo: 1) posso riprendere a frequentare la palestra in modo assiduo, anche quotidianamente e quali precauzioni eventualmente utilizzare? 2) posso riprendere, magari con protezione di occhiali sportivi, a disputare le partite di calcetto, ed a nuotare immergendomi anche senza occhialini. Ringraziando anticipatamente porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
sue domande
1)Questo il quadro, spero abbastanza dettagliato, alla luce del quale, consapevole di opinioni differenti in proposito, alla luce dei più recenti studi
posso riprendere a frequentare la palestra in modo assiduo, anche quotidianamente e quali precauzioni eventualmente utilizzare?

risposta
questa e’ una domanda che deve formulare al medico chirurgo oculista che l’ha operata e che conosce bene le condizioni attuali del suo occhio

2) posso riprendere, magari con protezione di occhiali sportivi, a disputare le partite di calcetto, ed a nuotare immergendomi anche senza occhialini.

risposta
puo’ fare quello che vuole , ma ripeto e’ un parere che puo’ darle chi l’ha operata

buona serata
suo
Luigi Marino MD PhD

MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita medico specialistica oculistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante.
Veda per cortesia le nostre Linee Guida per l’uso dei consulti online
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333