Questo significa che in ogni momento si corre il rischio di una dislocazione

Salve, ho 36 anni e una miopia e Astigmatismo di +4.5 e +5. ho gia' effettuato 2 visite da oculisti diversi per sottopormi all' intervento di correzione .
Mi e' stata consigliata da un dottore la PRK e intralasik da un'altro.
Ho letto su internet che la PRK mi sembra piu' semplice da effettuare e con meno rischi.
All'ultima visita mi e' stata appunto proposto la intralasik ...ma e' vero quello che si legge che il flap non sara' mai ben saldo?
questo significa che in ogni momento si corre il rischio di una dislocazione?
se il flap si sposta cosa succederebbe?
i rischi di complicazioni post-operatorie sono effettivamente maggiori con la intralasik rispetto alla prk o lasek?
Grazie.
[#1]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
Carissimo,
essendo miope non vedo la necessità di effettuare una intralasik ed opterei sicuramente per una lasek!!!
La “Cheratomileusi Epiteliale a mezzo Laser” (“Laser Epithelial Keratomileusis”-LASEK), evoluzione della tecnica PRK e della LASIK che riunisce i pregi delle due metodiche, perché in questo caso il chirurgo crea un flap prima dell’intervento del laser, ma questo lembo è esclusivamente epiteliale e non vi è la lamina stromale che si crea per la LASIK; questo rende superfluo l’uso del complesso e costoso cheratotomo (con le relative possibilità di complicanze legate ad un suo inceppamento). Sotto a questo lembo, il chirurgo effettua una normale PRK sul parenchima corneale e poi ribalta su questo il lembo epiteliale, permettendo una ripresa rapida della visione con poco dolore e rischi ancora inferiori a quelli delle altre metodiche.
Rispetto alla PRK ha il vantaggio quindi di ottenere una superficie corneale piu' rapidamente guarita; purtroppo,bisogna farla bene perchè altrimenti viene riconvertita in PRK , in quanto l'operazione di risparmio epiteliale puo' non avere successo.
In questi casi la LASEK diventa causa di un inutile allungamento dei tempi operatori,altrimenti da OTTIMI RISULTATI!!!
Comunque le metodiche di PRK, LASEK e LASIK hanno attualmente risultati molto soddisfacenti, con problemi ormai ridotti al minimo soprattutto per la miopia (ma è possibile trattare con successo anche l’ipermetropia).

Un caro saluto
[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio tantissimo Dr. Dulio Sivaro per la sua risposta.
Adesso ho un appuntamento il 16 di dicembre per un controllo preoperatorio ma devo ancora pensarci bene a quale operazione dovro' fare .
Comunque la mia paura piu' grande e' sempre il rischio del flap se non sara' mai ben saldo e
finche' non mi sara' chiaro questo credo che non mi sara' facile decidere.
Grazie ancora
a presto.
[#3]
Attivo dal 2007 al 2010
Oculista
Carissimo,
le devo essere sincero la sua frase:"devo ancora pensarci bene a quale operazione dovro' fare " mi inquieta un tantino!
In tutta sincerità credo che che sia il chirurgo refrattivo a dover decidere,in base ai suoi dati anatomoclinici e funzionali,il tipo di intervento da effettuare!!!!!
Un saluto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio