Utente 251XXX
Buongiorno,
Avrei delle curiosità in merito al té verde. E' ormai assodato che il caffè e il tè nero provochino delle macchie sui denti, volevo sapere se anche il tè verde aveva lo stesso effetto negativo sullo smalto dentale, dal momento che lo bevo ogni mattina a colazione, solitamente amaro o con un po' di miele.
Grazie per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
the e miele non sono l'ideale a meno che non si spazzoli i denti subito dopo; in tal caso qualsiasi bevanda va bene
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 251XXX

Grazie Dr. Marco Finotti per la celere risposta. Ho comunque l'abitudine di lavare subito i denti dopo qualsiasi posto, a meno che non mi trovi fuori casa e sia impossibilitato a farlo, ma capita rade volte. Quindi che sia tè verde o tè nero, con o senza miele, poco importa se ci si lava subito i denti. Dopo tanti anni di apparecchio fisso e attualmente contenzione, mi dispiacerebbe comparissero delle macchie sui denti, quindi presto molta attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
stia tranquillo
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni

28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
molti alimenti, oltre al caffè ed il the nero, ed anche il the verde nello specifico, macchiano i denti in quanto contengono dei pigmenti che si depositano sulla superficie smaltea. Altri esempi sono le carote, i pomodori, i frutti di bosco, il vino rosso... Questi pigmenti possono però essere facilmente rimossi con uno spazzolamento tempestivo così come le è stato consigliato. Tuttavia anche se dovessero instaurarsi macchie di superficie possono essere facilmente rimosse con gli ultrasuoni utilizzati durante l'igiene professionale a cui, anche per questo, è consigliabile sottoporsi ogni sei mesi.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi De Giovanni
ODONTOIATRA

[#5] dopo  
Utente 251XXX

Grazie Dr. Pierluigi De Giovanni per i chiarimenti. Ho un ultimo dubbio che riguarda gli alimenti acidi. Lei ha detto che uno spazzolamento tempestivo risolve il problema; avevo letto da qualche parte che i cibi e le bevande acide intaccano lo smalto e per questa loro azione acida che esercitano sarebbe preferibile non lavarli nell'immediato dopo pasto per evitare di danneggiare lo smalto. Volevo sapere se è una voce attendibile o una delle tante bufale che gira sul web.
Grazie per la cortesia

[#6] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni

28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Sì, le confermo che in caso di cibi particolarmente acidi è consigliabile non spazzolare subito i denti ma almeno 30 minuti dopo la loro assunzione in quanto la temporanea demineralizzazione superficiale dello smalto che essi possono provocare può renderlo più suscettibile all'abrasione. C'è da dire che ci sono molti altri fattori da considerare che possono aumentare o diminuire questo effetto, per cui come sempre c'è molta variabilità tra un paziente e l'altro. Però effettivamente in letteratura scientifica esistono studi che sembrano convalidare la tesi in questione.
Il mio personale consiglio, in questi casi, è quello di procastinare lo spazzolamento ad almeno 30-40 minuti dopo l'assunzione di sostanze acide e nel frattempo tamponare con uno sciacquo con collutorio oppure utilizzare un chewingum senza zucchero.
Dr. Pierluigi De Giovanni
ODONTOIATRA

[#7] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Bufala.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#8] dopo  
Utente 251XXX

Ringrazio tutti i dottori per le risposte. Sull'ultima questione pare che ancora la comunità scientifica non abbia una risposta unanime, infatti mi è sembrato strano avere due risposte opposte. Nei prossimi anni magari la letteratura scientifica darà delle smentite o delle conferme.
Cordiali Saluti