Utente
Buonasera, chiedo per cortesia un consulto per mia sorella. Recentemente è stata dal dentista per sostituire due otturazioni infiltrate, a distanza di un mese una dall'altra. Il medico ha utilizzato l'amalgama dicendo che avrebbe resistito maggiormente (le ha ricostruito due molari completamente in amalgama). Visto che sta cercando una gravidanza, è pericoloso per lei e per il bambino avere in bocca una quantità così elevata di amalgama, e l'aver ingerito sicuramente alcuni frammenti? Il medico non ha nemmeno utilizzato la diga per la ricostruzione, sottovalutando di molto la cosa.
In rete leggo pareri discordanti, non sappiamo più a chi credere e come agire in futuro. Secondo voi sarebbe più "salutare" tenere i due denti ricostruiti oppure cambiare dentista, rimuovere le due otturazioni e sostituirle con il composito?
Volevo poi chiedervi se realmente esiste un'amalgama grigia senza mercurio, perchè il suo dentista le ha detto che quelle al mercurio venivano usate una volta ma ora non lo si usa più.
Grazie in anticipo. Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Lorenzo Ricapito

24% attività
4% attualità
12% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile utente,

l'amalgama d'argento, per definizione, è una "lega" costituita per circa il 50% da mercurio e per la restante parte da argento, rame, stagno e tracce di altri metalli.
Le molecole di mercurio, ovviamente, non si trovano in forma libera ma "legate" alle scaglie degli altri metalli in modo da formare l'impasto utilizzabile nelle cavità dentali bonificate dalla carie.

E' dimostrato che il mercurio, una volta legato agli altri metalli, è stabile e si libera nel cavo orale dalle otturazioni in quantità assolutamente trascurabili per la salute.

Non vi è dubbio che la comunità odontoiatrica stia riducendo l'utilizzo dell'amalgama d’argento per l'otturazione dei denti cariati, dovuto alle richieste estetiche sempre maggiori da parte dei pazienti più che a serie ragioni di tipo tossicologico.

Sarei portato a sconsigliare di rimuoverle: certamente si libererebbe molta più quantità di vapori di mercurio che se non rimanessero laddove sono state fatte, anche se, con tecnica rigorosa, si potrebbe tenere sotto controllo la loro rimozione.

Cordiali saluti.

Dr. Lorenzo Ricapito.
Perfezionato in Odontoiatria Pediatrica.
Perfezionato in Odontostomatologia dello Sport.

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, la ringraziamo molto per la cortesia e le spiegazioni, che ci aiutano a fare chiarezza.
Volevo chiederle un'altro consiglio, se posso: una decina di giorni fa sempre a mia sorella si è staccata la parte esterna di un dente curato diversi anni fa e ora si vede quasi completamente l'otturazione in amalgama anche lateralmente. In questo caso, non essendoci più il dente a "proteggere" l'amalgama di lato la quantità di mercurio che si libera in bocca è maggiore rispetto a prima?
Il suo dentista le ha detto che glielo avrebbe rifatto in composito, volevo però chiederle se è meglio che lo curi urgentemente oppure se non ci sono problemi di maggiore "tossicità" del mercurio e può aspettare tranquillamente dopo le feste perchè ora è influenzata.
Considerando poi la rimozione di questa amalgama, dopo quanto tempo può cominciare a cercare nuovamente una gravidanza?
Di nuovo grazie per il consulto. Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Lorenzo Ricapito

24% attività
4% attualità
12% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile signora,

la mancanza della parete NON modifica le caratteristiche fisico-chimiche dell'amalgama, piuttosto ci sarebbe da valutare quanto possa resistere un
dente in queste condizioni (se premolare o molare, se devitalizzato o vitale,
se localizzato nel lato di maggiore funzione masticatoria o meno, ecc).

Dopo tutte queste valutazioni, aiutati anche da un'analisi radiografica, allora
si potrebbero trarre le giuste conclusioni a riguardo dell'opportunità di attendere
o di eseguire con urgenza una terapia adeguata al mantenimento dell'elemento
il più a lungo possibile:
- restauro in composito o esecuzione di un intarsio dopo rimozione dell'amalgama;
- ricopertura in toto dell'elemento con corona protesica (in questo caso non servirebbe rimuovere la vecchia amalgama ma solo rivestirla insieme al dente residuo);
- nei casi più estremi, estrazione dell'elemento con eventuale impianto in titanio (ma mi sembra che non sia il suo caso).

A riguardo della gravidanza, decida liberamente: penso ci siano ben altri condizionamenti che non questi di ordine odontoiatrico.

Cordiali saluti e le auguro di diventare presto zia...
Dr. Lorenzo Ricapito.
Perfezionato in Odontoiatria Pediatrica.
Perfezionato in Odontostomatologia dello Sport.

[#4] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, volevo ringraziarla per il prezioso aiuto che ci ha dato. E speriamo proprio che l'anno nuovo mi porti un bel nipotino/a!
Di nuovo grazie. Cordiali saluti.