Utente
Salve! Sono una donna di 32 anni. In questi giorni dovrò fare un intervento sulla gengiva con elettrobisturi. Io ho la trombofilia ereditaria e una possibilità di più del 50% di avere un forame ovale pervio. dal punto di vista cardiologico mi è stato consigliato di assumere augmentin il giorno prima , il giorno stesso e il giorno dopo l'intervento. Come anestesia mi verrà fatta la carbocaina senza adrenalina. Volevo sapere se i due medicinali , possono causare una reazione allergica o altre reazioni, presi sia a distanza di tempo di poche ore ,che a lunga distanza.
Grazie

[#1]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Gentile utente non c'è nessuna interferenza all'anestesia con Carbocaina in corso di terapia antibiotica con Augmentin.
L'allergia poi è altra cosa, se si è allergici ad un farmaco lo si è a prescindere da eventuali associazioni farmacologiche.
Se ha già fatto anestesia con la Carbocaina e ha già assunto Augmentin senza avere reazioni allergiche può stare tranquilla.


Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2]  
Dr. Pierluigi Scaglia

28% attività
4% attualità
16% socialità
CALENZANO (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Vede Signora, posso solo dirle che i due farmaci che verranno usati sono tra quelli di uso più comune in tutti gli studi odontoiatrici, anche nel mio. Non ho avuto notizie di reazioni allergiche, però ogni soggetto è un caso a se... per cui non posso escluderle del tutto.
Cordialmente.
Dott.PIERLUIGI SCAGLIA-MedicoChirurgo Odontoiatra
Terapie con Laser-Odontoiatria adulti e infantile-Protesi-Implantologia-Ortodonzia-

[#3] dopo  
Utente
Grazie Dottori per le vostre gentili risposte. Io ho usato sia Augmentin in passato che fatto anestesie locali con carbocaina , ma non li ho mai usati insieme. Chiedevo anche perchè su una rivista medica americana c'era scritto di una persona che aveva fatto un intervento con carbocaina e aveva fatto terapia con Augmentin e a distanza di mesi ha avuto un' ischemia. Non si specificava se aveva problemi cardiaci e siccome io ho la possibilita di avere un forame ovale pervio per il quale debbo finire le indagini , la possibile interazione dei due farmaci e la possibile ischemia come descritta sulla rivista mi aveva preoccupata.

[#4]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Probabilmente nei mesi precedenti all'ischemia quella signora aveva fatto un sacco di altre cose oltre a prendere augmentin e carbocaina...
Forse era fumatrice, cocainomane o magari aveva trigliceridi e colesterolo elevati. Non ci è dato saperlo
Perchè correlare l'evento all'associazione farmacologica di mesi prima?
Se fosse andata dalla parrucchiera il giorno antecedente all'ischemia si sarebbe correlata la stessa allo shampo utilizzato?
Non so di che rivista si tratti e non ho letto l'articolo ma bisogna stare attenti a quel che si trova su internet e a come lo si legge.


Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#5]  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
20% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gentile utente in accordo a quanto già stato spiegato dai colleghi nei precedenti commenti aggiungo dicendo che la carbocaina senza adrenalina viene eliminata dal suo organismo molto più rapidamente di quella con adrenalina, non provoca effetti collaterali se non sono gia stati diagnosticati in precedenza, (ad es. ipersensibilità), ha un effetto rapido ma tende a diminuire velocemente. Vengono eliminati per il 90%dal fegato. Gli antibiotici tipo augmentin possono causare reazioni allergiche (shok anafilattico) riducono i livelli di viamina k (una vitamina che serve per far coagulare il sangue quindi evita la formazione di trombi) e viene eliminato prevalentemente per via renale. Le loro azioni sono differenti e non correlate anche se assunte insieme, credo che il suo dentista di fiducia saprà conoscendo la sua storia clinica e la sua anamnesi medica, che lei non soffre degli effetti collaterali dei due farmaci che assumerà, per cui credo che possa stare tranquilla. Cordialmente
Dr. Mirco Di Biase
Medico Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie per le vostre risposte! Il dente purtroppo me lo devono togliere perchè è mancante della parete e vorrebbero mettermi l'impianto. Solo che io , soffro di fibriomialgia e ho scoperto di avere il fattore reumatoide positivo e ho le difese immunitarie molto basse e ho letto in internet che chi ha questo tipo di problemi di salute , non dovrebbe sottoporsi all'impianto perchè è rischioso. Volevo sapere , infatti avevo aperto un 'altra richiesta dopo questa per chiedere di questa cosa, siccome ciò avverrà lunedi' pomeriggio, se posso fare l'intervento tranquilla , senza rischi e complicazioni , o è bene indagare sul fattore reumatoide e rimandare l'intervento? Eventualmente, se non potessi fare l'impianto , cosa altro si potrebbe fare? Grazie di cuore a tutti voi!

[#7]  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
20% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Un ponte (o travata fissa) potrebbe essere l'alternativa, tuttavia le consiglio di indagare bene sulla sua perplessità riguardo il fattore reumatoide, ma soprattutto sulle sue basse difese immunitarie; potrebbe chiedere consiglio in prims al chirurgo che eseguirà l'intervento implantologico. La fibromialgia è una patologia che colpisce muscoli e tendini causando dolore ed affaticamento. Lei è stata notiziata riguardo l' esecuzione di intervento implantologico? E stata sottoposta ad un anamnesi medica prima dell' esecuzione di tale intervento. Ribadisco che dovrebbe dirimere le sue perplessità attraverso il collega che intende eseguire l'intervento. Cordialmente.
Dr. Mirco Di Biase
Medico Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it

[#8] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Dottor Di Biase.

Ho la predisposizione ad una malattia autoimmune , ogni sei mesi debbo fare gli anticorpi specifici per artrite reumatoide, in attesa che esca fuori o l'atrite reumatoide o una variante ( come mi ha detto lo specialista immunologo ,di cui è certo che avverrà).

Mesi fa, avevo fatto solo un emocromo con fattore reumatoide , senza anticorpi e il fattore era positivo. Inoltre alti anche i valori dell'emoglobina glicosilata e bassa l'insulina. Non mi è stata fatta anamnesi.Non ho potuto fare ancora gli anticorpi ,per concentrare le spese sul dente.

Domani ho disdetto l'intervento per venire a capo di quell'altra cosa, solo che il mio timore è che fino a stamane ,da giovedi' scorso, ho preso l'augmentin per l'intervento e non so quanto tempo possa stare ,senza intervenire sul dente ( in termini di cariche batteriche) . Ha un 'otturazione provvisoria sulla gengiva ed è stato devitalizzato.

[#9]  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
20% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gentile utente
credo sia doveroso le indichi la differenza fra la fibromialgia e l'artrite reumatoide: la prima è una patologia che colpisce l'apparato locomotore (muscoli, tendini e nervi) causando dolore anche a riposo e affaticamento, purtroppo la sua causa è ancora ignota, vi sono solo ipotesi ; la seconda e una malattia autoimmune ovvero le cellule immunitarie dell' organismo, per una causa ignota colpiscono le membrane che rivestono le articolazioni dello stesso (ginocchia, mani, gomiti ecc.) causando rigidità articolare, dolore, calore e gonfiore. Il fattore reumatoide è utile per diagnosticare l'artrite reumatoide ma poco specifico. Detto questo l'intervento implantologico è un intervento conservativo e poco traumatico (se bisogna inserire un solo impianto come nel suo caso), quindi è possibile essere sottoposti a tale intervento senza importanti complicanze. Lei ( per ciò che ho compreso dal suo scritto) non soffre di artrite reumatoide, ma presenta il fattore reumatoide positivo, per cui si ipotizza eventualmente la comparsa di tale patologia, come possono ipotizzarsi anche probabili sviluppi di malattie infiammatorie non reumatiche. Quindi penso sia opportuno che lei ne parli col collega che effettuerà l'intervento implantologico, il quale valuterà se è possibile eseguirlo garantendo un reale beneficio ed un rischio accettabile in funzione del suo odierno stato di salute. Cordialità.
Dr. Mirco Di Biase
Medico Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it