Utente 376XXX
Buonasera ho 19 anni e da 8 mesi soffro di cervicalgia. Tutto è iniziato all'improvviso con forti dolori al collo che si estendevano fino alle spalle e metà schiena. Sotto consiglio del mio medico curante ho fatto per 7 giorni una cura farmacologica(antinfiammatorio,miorilassante,anti vertigini) senza alcun tipo di risultato apprezzabile. Il medico di base mi ha consigliato di andare in un centro fisioterapico a fare delle sedute di massoterapia ma dopo ben 10 sedute di massoterapia,pressoterapia,tens,tecar etc etc non ho avuto alcun tipo di risultato apprezzabile,l'unica cosa che mi aiutava per un giorno circa ma poi svaniva era quando il fisioterapista andava a "disattivarmi" i muscoli della masticazione. Visti i scarsi risultati ottenuti decido di andare da un paio di fisiatri per fare delle visite. Mi vengono prescritti una risonanza magnetica cervicale e dorsale risultata completamente negativa,l'unica cosa era una verticalizzazione del rachide cervicale,ma che subito dal fisiatra in questione, mi è stato detto che non era quello la causa dei miei problemi. L'altro fisiatra mi ha prescritto una radiografia in proiezione AP e LL anch'essa risultata negativa se non per una lieve inversione del rachide cervicale all'altezza C5-C6 ma anche questo mi è stato detto che non era la causa del mio problema. Da entrami mi è stato detto che il problema poteva essere stress,postura,sforzi etc etc ma che puntualmente ogni volta queste tesi risultavano false. Io sono una ragazza della provincia di Cremona ma che da circa 4 mesi mi sono trasferita a Palermo. Una volta arrivata a Palermo,decido di rivolgermi a un altro fisiatra. Dopo una lunga visita ben accurata e precisa mi viene detto che il mio problema viene dai denti e precisamente si tratta di una disodontiasi dei denti del giudizio. Mi viene detto di andare da uno gnatologo. Dopo pochi giorni ho un lutto in famiglia e mi sento costretta a risalire in provincia di Cremona dove sono stata per un periodo medio-lungo. A Milano faccio la visita gnatologica in questione e a primo impatto il medico mi dice che il problema è legato all'articolazione ATM e che quindi sarò costretta ad applicare delle placche per circa un paio di anni per andare a sistemare il mal posizionamento della mia mandibola,ma comunque decide di prescrivermi una ortopantomografia per visionare meglio il quadro. Faccio la OPT(esito: minute areole di radiotrasparenza dei colletti 16 e 26 sospette per carie interstiziali. Terzi molari superiori parzialmente erotti) e quando gliela porto mi dice che la tesi precedente all'80% era errata perchè dopo aver visionato la radiografia si è reso conto che all'80% il problema è legato ai denti del giudizio che sono mal posizionati e inoltre non hanno lo spazio necessario per uscire. Un po' dubbiosa decido di rivolgermi a un altro dentista che però mi da la stessa tesi dicendo che assolutamente gli ottavi superiori e inferiori sono da togliere, aggiungendo però che notava il nervo mandibolare molto vicino alle radici degli ottavi e quindi sarebbe stato un po' rischioso estrarli senza rischiare una parestesia al labbro inferiore. Per questo motivo mi prescrive un dental scan cone beam. Ritorno a Palermo e decido di effettuare questo esame che come esito ha: Tomografia computerizzata della arcata dentaria superiore: Ritenzione distoangolare di 18 e 28. Tomografia computerizzata della arcata dentaria inferiore: Inclusione osteomucosa di 38 e 48 che appaiono in lieve distoversione. Le radici di 38 interessano lievemente il canale mandibolare che appare vestibolarizzato. Le radici di 48 appaiono palatizzate e sono contigue al canale mandibolare,che è in posizione centrale. Io all'età di 8 anni avevo messo un apparecchio per raddrizzare i denti e il mio dentista dell'epoca mi aveva detto che avrei dovuto rimuovere gli ottavi perchè spazio a disposizione non c'era e inoltre mi avrebbero creato problemi,effettivamente io una volta l'anno circa sono costretta a fare cicli di antibiotici perchè qualche ottavo mi fa ascesso. Inoltre io pensandoci se massaggio la zona in corrispondenza dei denti del giudizio trovo sollievo. Dopo questa lunga spiegazione la mia domanda è: la causa principale dei miei problemi potrebbero essere davvero i denti del giudizio?inoltre,i miei ottavi sono davvero in una posizione così critica da rischiare danni? Ringraziandovi anticipatamente per l'attenzione porgo
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Probabilmente Lei ha due problemi:
1) i denti del giudizio malposti che sono causa di infezioni (pus);
2) malocclusione dentale che causa i sintomi da Lei descritti.
Il mio consiglio è quello di fare prima un bite e poi di farsi estrarre il dente.

Stare a bocca aperta facendo leva in maniera asimmetrica potrebbe peggiorare la situazione. Cominci dallo gnatologo in maniera da poter avere un bite da usare dopo l'estrazione.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum