Utente 464XXX
Salve, sono una ragazza di 22 anni,
Premetto di aver vissuto e di vivere un periodo di sofferenza legato alla perdita di due persone a me molto care,
e che durante quel periodo di "stanby" ho iniziato ad avere dolori alla testa abbastanza invalidanti.
In contemporanea, i denti del giudizio sembravano voler uscire, ma ad oggi a distanza di diversi mesi si stanno facendo sentire di più:
Volevo sapere se fosse possibile che questi sintomi siano legati a questo problema ovvero i denti del giudizio e se sono influenzati da questa somatizzazione negativa di tutte le situazioni vissute, dato che, una di queste persone è morta di tumore al cervello, e l'altra per una setticemia notevolmente avanzata (SEPSI) e soprattutto, ammalatesi di punto in bianco.
Mi riservo di elencare i sintomi che provo...
Stanchezza costante,
Bruciori e gonfiore dei linfonodi del collo oltre al dolore causato alla pressione su di essi.
Sensazione di calore al collegamento tra mandibola e orecchie, e anche pressione fino al timpano.
Senso di gonfiore, di intralcio nell'atto della deglutizione.
Mal di testa invalidante ma che va e viene.
Mal di schiena
Difficoltà nel finire il respiro (capita che per poter respirare bene debba SBADIGLIARE FORZATAMENTE)
il tutto svanisce quando vado a letto,
Non ho disturbi ne del sonno, ne mi sveglio per nessuna ragione, ma al mattino ricomincia il tutto.
Credo di aver anche somatizzato molto queste brutte esperienze vissute. e tutto ciò mi scatena un ansia pazzesca che nessuno riesce a capire e il mio malessere viene ignorato.
Premetto di aver consultato il mio dentista che da la colpa a questi denti (SEMI INCLUSI) gonfissimi e mi ha prescritto 7 giorni di antibiotico AUGUMENTINE mattina e sera ed ha affiancato un colluttorio con clorexidina al 0.20% di nome PLAKOUT.
La mattina mi sveglio con i denti serrati, e si presume che soffra di bruxismo.
Ho problemi di scoliosi, e lavoro davanti ad un pc e passo qui molte ore, oltre ad ovaie entrambe policistiche.
ho una visita fissata per il 25 di questo mese per fare un' ortopanoramica, e successivamente l'estrazione dei denti.
Volevo sapere se per voi questi sintomi possono essere legati tutti a questo problema o se eventualmente sono altre le vie da prendere?
Vedo il mio dentista abbastanza distratto.
Ho anche le ghiandole salivari sotto la lingua che si sono "ostruite" a detta sua e sono diventate dure quasi come ossa. Mi ha riferito che l'antibiotico agirà anche su quelle.
Posso comunque escludere brutti mali? Mi tormenta questo! la paura che magari non si possa scoprire qualcosa per superficialità.
Grazie anticipatamente!
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, purtroppo la vita ci riserva momenti belli e meno belli e quando si entra nello sconforto anche un fastidio diventa amplificato e lo si recepisce come dolore. Ora nel suo caso è corretto curare i denti e sicuramente ne trarrà dei vantaggi, ma alcuni problemi li potrà risolvere solo il tempo. Le auguro tempi migliori.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 464XXX

Salve dottore, la ringrazio davvero per la sua gentile risposta.
La mia paura più grande é quella di un tumore o qualcosa di grave.
Magari é solo un problema di ipocondria.
Ma ho problemi a finire il respiro mal di testa fortissimi che ogni tanto cambiano zona, e si localizzano, la notte prima di addormentarmi mi trovo con i denti serratissimi e mi fa male tutto per quanto sia stretto il morso ed i linfonodi li sento doloranti e gonfi.
Ho paura.
Grazie dottore

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Stia serena, non abbiamo nessuna diagnosi di tumore o sintomi che possono far preoccupare, per cui non faccia questi inutili pensieri. Alla sua età con internet non è facile buttare tutto nel cestino, ma prima o poi lo farà. Le consiglio di farsi aiutare in questi temporanei momenti.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/