Utente 473XXX
Gentili medici,

vi scrivo perchè da circa una settimana ho una stomatite con la presenza di afte e una gengivite diffusa. Il disturbo ha esordito con una gengivite, a cui sono seguite numerose afte (guance, gengive, interno labbra, lingua) linfonodi sottomandibolari molto ingrossati, e febbre oscillante tra i 37.5 e 38.5. Dopo i primi 3 giorni è svanita la febbre e i linfonodi hanno cominciato a dolermi meno, ma sono comparse numerose pustole all'interno dell'occhio destro (sotto le palpebre). Lieve febbre, 37.2, è ricomparsa oggi (7° giorno dall'esordio dei sintomi).

Il 3° giorno dall'esordio dei sintomi mi sono recato dal medico di famiglia, il quale mi ha prescritto Levofloxacina per 5 giorni (secondo lui è un'infezione batterica) e ibuprofen, più esami sangue completi e urine. Nel frattempo,dopo svanita la febbre e preoccupato per la situazione gengivale, mi sono recato dal mio dentista di fiducia, il quale è convinto trattasi di forma virale, probabilmente forma influenzale. Egli mi ha sconsigliato momentaneamente di prendere gli antibiotici, salvo ricomparsa della febbre, e così ho fatto. Oggi ho ritirato il referto delle analisi del sangue, che comprendevano funzione epatica e renale, tiroide, ec ecc.

Gli unici valori fuori range sono:

-Monociti 16.4 (range 2-11)
-VES 50 (val. rif. <15)

Ora sono assalito da numerosi dubbi:

-prendere o no l'antibiotico (anche perchè ho una tendinite, e la Levofloxacina è sconsigliata in questi casi);

-può essere partito tutto da una radice di un molare dell'arcata superiore dx (da estrarre secondo il dentista)? La gengiva ha iniziato a dolermi vari giorni prima in quell'area. Esistono ascessi dentali silenti (non dolorosi e asintomatici)?

Ringraziando per la vostra disponibilità, porgo
Cordiali Saluti







[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, quanta confusione! Quando si intende sospendere una cura prescritta o variarla si deve avvertire immediatamente il medico che la prescritta. Ora di certo la bocca va curata secondo le indicazioni del suo odontoiatra, la spiegazioni corrette alle sue supposizioni le può dare il suo odontoiatra, se aggiungessimo anche le nostre le creeremmo ancor più confusione.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/