Utente 511XXX
Salve, scrivo per avere un parere su questa situazione: circa due anni fa mi si ruppe il 6° dente (ovvero dopo tale dente vi è solo un altro molare prima del dente del giudizio) con asportazione di circa 1/3 della sua corona,e pertanto mi venne otturato dall'odontoiatra di fiducia, che mi conosce da oltre 20 anni. Preciso che il suo modo di operare è senza l'utilizzo di diga e che in quell'occasione vi fu molta difficoltà in quanto avevo molta saliva. Ad oggi, non so se per questo motivo oppure a causa dell'estensione della frattura, l'otturazione è venuta via. Prima che il medico potesse ricevermi, ho mangiato, masticato e spazzolato regolarmente la parte del dente rimasta scoperta senza provare il minimo dolore (se non banale sensibilità al freddo come per gli altri denti), mi preme sottolinearlo. Quando ha potuto ricevermi, mi ha comunicato che non avrebbe più provveduto ad effettuare un otturazione direttamente, ma dapprima una devitalizzazione e solo dopo un otturazione, in quanto un otturazione diretta avrebbe potuto procurarmi problemi in futuro visto che potrebbe lesionarsi o rimuoversi di nuovo. Perplesso, dato che secondo me un otturazione potrebbe rimuoversi con o senza dente devitalizzato, ho preferito temporeggiare con un otturazione provvisoria, che tuttora funziona bene e mi permette di adoperare il dente al 100% senza nessun problema. In ogni caso, mi ha assicurato che si tratta di un'operazione sicura, della durata di poco più di un'ora in seduta unica, in quanto viene effettuata da una sua collega con metodologie moderne rispetto alle sue vecchie tecniche.
Dubbioso, chiedo consulto presso un altro studio dentistico ove il medico, dopo essere venuto a conoscenza della storia, mi effettua una radiografia digitale e mi mostra che, a causa dell'estensione, vi sono pochi millimetri di distanza dalla camera pulparia e pertanto procederebbe anche lui con un otturazione post devitalizzazione, anche egli col fine di evitare problemi futuri. In questo caso si tratterebbero di 4 o 5 sedute, con un'operazione a più step e con distruzione quasi totale della corona dentaria ancora in piedi.
Adesso sono ancor più perplesso, in quanto non solo non comprendo perché procedere con un'operazione oggi e non tra qualche anno, quando effettivamente un problema potrebbe sorgere, visto che ora non ho alcun sintomo e magari una otturazione fatta bene potrebbe evitare problemi per molto tempo, ma in più la differenza di metodologia nell'operare è troppo eccessiva e non so se sia troppo frettolosa la prima oppure troppo scrupoloso il secondo, con conseguente dubbio di scelta a proposito di come procedere, e dove.
Spero di avere cordiali riscontri a riguardo,
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, comprendo le sue perplessità, ma lei non è un medico che può decidere di quali cure necessita. Deve affidarsi alle buone mani di professionista, meglio avere un solo referente di tutte le cure e che sia iscritto all'ordine dei medici. Non esiste una regola del trattamento canalare, perchè non esiste un caso uguale ad un altro, per cui non
è possibile sapere il numero di sedute. Anche 30 anni fa molti denti sono stati trattati in un unica seduta, ma che la procedura dia risultati sicuri al 100%, purtroppo non l'abbiamo nemmeno oggi.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 511XXX

Grazie per la risposta, ok quindi mi pare di capire che scegliere l'uno o l'altro medico fa lo stesso. Invece, potrebbe indicarmi i rischi provocati da granuloma in pazienti che assumono immunosoppressori ad alti dosaggi ogni giorno come nel mio caso? Oltre ad eventuali controindicazioni per perni fissati nel dente o capsule per la ricostruzione.
Grazie, saluti

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Non ci sono controindicazioni alla riabilitazione protesica in soggetti che assumono immunosoppressori. Granuloma non è un termine corretto, la definizione giusta e periodontite periapicale cronica, questa patologia è da curare anche in soggetti che non assumono immunosoppressori perché questa lesione può degenerare il patologie più importanti.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/