Utente 113XXX
lesioni osteosclerotiche e osteoblastiche...cosa sono? sempre se ho scritto bene...grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
osteolitiche = distruzione dell'osso
osteoblastiche = aumento deformato della struttura ossea

ma parliamo di o da ????
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 113XXX

Parliamo del risultato di una tac al bacino che ha dato questi risultati, o meglio c'è scritto e non riporto tutto perchè non l'ho davanti: presenza di lesioni osteoblastiche e osteosclerotiche... in un'uomo di 58 anni operato di adenocarcinoma alla prostata....
ora, il medico con quest'uomo non è stato chiaro...insomma, non è sicuro che siano metastasi!non sa dirlo e con lui molti altri... da agosto!...potrebbero essere artrosi...residui di poliomelite...e via dicendo...

il fatto è che quest'uomo è mio padre!! e sinceramente credo che quest'ultimo medico, radiologo, sia a mio avviso un pò troppo aggressivo...mio padre ora segue una cura ormonale con il casodex...già dopo due mesi di assunzione la pet tac era identica a quella precedente l'inizio della cura, il psa a dicembre era 0,005...secondo l'oncologo può continuare così...e andare da lui ogni sei mesi...

allora, mi chiedevo... perchè la paura deve farla da padrone??? perchè aggredire un corpo con la radio quando questi sta rispondendo bene alle cure? per prevenire??? si, ok, la prevenzione è cosa buona e giusta, ma l'esagerazione no! e siccome davvero i miei genitori sono usciti dal centro medico alquanto disorientati...e io non vivo nella loro stessa città...volevo solo sapere da qualcuno di esperto cosa significassero con precisione quei termini...perchè non è possibile che molti medici ancora non vanno incontro ai pazienti!!! non li rendano partecipi di ciò che sta loro capitando...che le persone vengano trattate come cavie...è mai possibile che stiamo ancora qui a parlare con termini "ostrogoti", incomprensibili ai non esperti che diciamocelo fanno anche paura...invece di capire e spiegare a tutte le generazioni che nulla succede per caso...e che anche le malattie sono qualcosa che riguardano la nostra storia personale!! e chi ha studiato per aiutare gli altri in "qualche avventura" della vita che almeno, dico io, lo faccia con amore!!!

cmq...a conti fatti la sua risposta è stata abbastanza tecnica ma fortunatamente comprensibile...(vorrei proprio sapere l'analfabeta come fa a vivere...vabbè)...e quindi è mio dovere ringraziarla...certo è che non ho cmq capito se vuol dire metastasi...ecco, in modo molto maccheronico...ma tanto...l'urologo gli ha detto di farla lo stesso per evitare problemi...quindi capirà che tutto ciò lascia il tempo che trova...e mi dispiace di averlo fatto perdere a lei!

[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
nel paziente prostatico prima di emettere giudizi e/o sentenze, bisogna valutare alcuni parametri tracui:
età, comorbidità, stadio della patologia alla diagnosi, tipo di patologia con Gleason, margini chirurgici e dimensioni pre operatorie (se operato), andamento del psa e testosteronemia. Inoltre vedere le immagini orienta molto.
Ecco perchè a volte è difficile dare consulti on line
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)