Utente 153XXX
gentile dottore, ho subito una resezione dei dotti da ciu è emerso tumore in situ DIN 1C ER>95% PgR >95% Her.2/neu debole immunofluorescenza parziale nel 10%. Ki67 7%. di conseguenza ho subito mastectomia da cui è emerso: focolai di neoplasia intraepiteliale dei dotti di G1 DN1C di tipo solido cribiforme. linfonodo sentinella esente da metastasi. y pTis (50mm) pNSent Neg (01) G1. mi è stato prescritto tamoxifene abasso dosaggio.sono molto preoccupata per una recidiva e per gli effetti del tamoxifene.dovrò prendere il tamoxifene per lungo periodo?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sono sovrastimati gli effeti da tamoxifene .
In realtà è il farmaco più "vecchio" forse proprio perchè il più sicuro se si ha anche lo scrupolo di inserire tra i controlli una ecografia transvaginale a cadenza biennale o in caso di perdite vaginali.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 153XXX

gentile dottore vorrei sapere anche la sua opinione sul tipo di tumore che mi è stato diagosticato e se è proprio indispendabile ricorrere al tamoxifene. grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ci sarà alcuna recidiva se ha fatto una mastectomia. Ed ovviamente il tamoxifene a basso dosaggio ha uno scopo preventivo sulla mammella controlaterale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com