Utente 154XXX
Buonasera, mia madre 61 anni ha subito una isterectomia totale (utero e ovaie) il 18/03 scorso e l'esito dell'esame istologico (diagnosi) riporta: proliferazione miomatosa atipica con numerose aree mixoidi,emorragiche e colliquanti verosimilmente da problematiche ischemiche.Gli elementi leiomiomatosi mostrano pleomorfismi atipia ed attività mitotica (6 mitosi x10 HPF) ma con una attività proliferativa elevata (Ki67/Mib 30%). Il reperto è compatibile con leiomiosarcoma ben differenziato.La neoplasia è confinata al miometrio. Cervice crinica metaplasica. Endometrio ipotrofico.Annessi destro e sinistro indenni da infiltrazione.
Siamo molto preoccupati.La ginecologa ci ha detto di rivolgerci ad un centro di ginecologia oncologica per valutare in quella sede quale sia la terapia migliore da seguire.Quali altre indagini ci consiglia di effettuare per verificare l'effettiva diffusione del tumore?è corretto ritenere che il tumore sia stato interamente asportato con l'isterectomia oppure saranno necessari nuovi interventi? Grazie per la sua risposta, saluti.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

per una stadiazione completa occorre una TC total body con mezzo di contrasto. L'asportazione locoregionale sembra radicale. Io dopo l'esecuzione della TC mi rivolgerei ad un Collega radioterapista per una eventuale irradiazione locoregionale. Molto importanti i controlli periodici di follow-up successivi che dovranno essere gestiti da un oncologo.

Cari saluti

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 154XXX

La ringrazio moltissimo per la risposta.Domani abbiamo la visita presso un oncologo e vedremo il da farsi. Mi conferma che il tumore individuato dall'esame istologico è stato completamente asportato quindi? Che probabilità ci sono che il leiomiosarcoma si sia sviluppato in altre parti del corpo (vengaquindi rilevato dalla TAC)? grazie infinite,

Fracesca Valeri